ABBONATI SOSTIENI

PRO-VAX E NO-VAX? Semplificazioni dei media. Lo dice una ricerca scientifica – G. Gobo e B. Sena

Oltre la semplificazione dicotomica nei mass media, il nuovo studio di Giampietro Gobo e Barbara Sena

È stato pubblicato l’articolo “Oltre la polarizzazione “pro-vax” versus “no-vax”. Atteggiamenti e motivazioni nel dibattito italiano sulle vaccinazioni“, edito per la rivista “Salute e Società” da FrancoAngeli, tra i primi studi scientifici, di taglio sociologico, che prova a ricomporre il dibattito italiano circa il discusso tema delle vaccinazioni e delle relative best practices.

Frutto della ricerca condotta da Giampietro Gobo, Università degli Studi di Milano, e Barbara Sena, Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza, lo studio mette in luce i molteplici punti di vista, anche e soprattutto in campo scientifico, riguardo le vaccinazioni. Alcune di queste posizioni, per la loro specificità e articolazione, sono state spesso trascurate da una rappresentazione superficiale del dibattito, secondo gli autori, che ha prodotto un’inappropriata visione polarizzata di un tema di rilevante salute pubblica.

Il dibattito si è riacceso in seguito alla presentazione, e successiva approvazione, della cosiddetta Legge Lorenzin (Legge n.119 del 31 luglio 2017), che ha introdotto l’obbligatorietà di dieci vaccinazioni per i minori da 0 a 16 anni e l’offerta gratuita di altri quattro vaccini fortemente raccomandati (meningococco B, meningococco C, pneumococco e rotarivirus).

Sinossi delle posizioni nel dibattito italiano sulle vaccinazioni

Secondo gran parte dei mass media il dibattito ha visto contrapporsi fondamentalmente due posizioni: una, ampiamente maggioritaria, favorevole alle vaccinazioni e una contraria, chiamata “no-vax” (o “free vax”). Questo studio, quindi, vuole offrire una diversa lettura del dibattito italiano rispetto le vaccinazioni, superando la semplificazione rappresentata dalla dicotomia “pro-vax” versus “no-vax” ed evidenziando come le posizioni e gli attori coinvolti nel dibattito e nella scelta di vaccinare o meno un bambino siano molto più variegate e complesse di quelle riportate dai mass media.

In particolare, verrà presentata una nuova classificazione che individua nove posizioni o atteggiamenti nei confronti delle vaccinazioni, differenti e contigue l’una all’altra, di cui i “pro-vax” e i “no-vax” rappresentano solo gli estremi. Tali posizioni sono assunte da attori differenti, quali medici, pediatri, scienziati, giornalisti, politici, giuristi, ecc. e non solo da genitori.

Claudio Messora intervista su Byoblu gli autori di questa nuova ricerca scientifica che fornisce uno stimolo importante e utile a riconsiderare i termini del dibattito pubblico sui vaccini, attualmente in stallo.


La nuova televisione è quasi pronta. Aiutaci a fare l’ultimo miglio!

€1.374 of €40.000 raised

Byoblu è pronto per fare il salto. Stiamo costruendo la nuova informazione: l’alternativa al mainstream. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Per continuare ad essere libera dovrà essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? In cambio, sarai protagonista dell’informazione che verrà.

Dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo entro l’autunno. Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

ES

Emanuele Studer

€15,00 15 Luglio 2020

Grazie Byoblu per il vs. impegno e il vs. lavoro. Sono un Italiano residente all.estero. Ho abbandonato l'Italia perche' non tolleravo piu' le angherie dei politici nei ns. confronti(italiani lavoratori e contribuenti).
Spero che un giorno riusciremo tutti insieme a riprenderci… Leggi tutto

Grazie Byoblu per il vs. impegno e il vs. lavoro. Sono un Italiano residente all.estero. Ho abbandonato l'Italia perche' non tolleravo piu' le angherie dei politici nei ns. confronti(italiani lavoratori e contribuenti).
Spero che un giorno riusciremo tutti insieme a riprenderci il nostro bellisimo Paese e i nostri diritti. Viva l' Italia!!!

AB

Alessandro Bortolotti

€10,00 15 Luglio 2020

Non lasciateci soli

GC

Giulio Capruzzi

€15,00 15 Luglio 2020

Bravi !! Avanti così.

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 15 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 15 Luglio 2020
md

monica donda

€5,00 15 Luglio 2020

Siete la forza delle notizie vere e leali... Tutti i giornalisti dovrebbero prendere esempio da voi!!! Grazie per le informazioni che mi avete dato la possibilità di ascoltare in questi mesi...
Monica D.

AL

Alessia La Marra

€10,00 15 Luglio 2020
lr

luca remotti

€10,00 15 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 15 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 15 Luglio 2020
ER

Elisa Ravera

€15,00 14 Luglio 2020

Grazie per dare una informazione seria e indipendente

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 14 Luglio 2020
AP

Aldo Procida

€10,00 14 Luglio 2020

Grazie per il vostro lavoro! Il mio piccolo contributo periodico..

D

Davide

€15,00 14 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Luglio 2020
am

achille maggio

€5,00 14 Luglio 2020

Siete una delle poche speranze concrete per questo povero paese chiamato Italia, grazie per tutto quello che fate

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 14 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 14 Luglio 2020
CP

Christine Plaickner

€15,00 14 Luglio 2020
AC

Antonio Canella

€25,00 14 Luglio 2020

Doveroso se vogliamo sopravvivere.

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Abbiamo parlato due ore però non evidenziando il punto principale: tutta la salute pubblica dipende dai finanziamenti delle case farmaceutiche che perderebbero tanti più soldi quanta più salute garantissero. Il secondo punto è relativo al dimostrato inquinamento di molti vaccini e l’assenza degli antigeni in alcuni altri (vedi analisi Corvelva).

Share via
Top