ABBONATI SOSTIENI

Odio online? Favorisca i documenti – Debora Billi

Liliana Segre è uno dei nostri senatori a vita, la quinta donna a ricoprire tale carica. Ma soprattutto, è una persona che porta un numero tatuato sull’avambraccio: un numero che ha segnato la sua vita, la sua storia, e anche la storia del mondo. Liliana è una degli ultimi sopravvissuti italiani dei lager nazisti.

Nella sua attività di senatrice la Segre si è sempre battuta per la conservazione della memoria, e contro ogni legge discriminatoria. Come accade per quasi tutti gli esponenti politici ha ricevuto per questo approvazione e critiche, che però in alcuni casi sono arrivate all’insulto personale. Il che, nei confronti di una persona con il suo vissuto, è doppiamente riprovevole.

In questi ultimi giorni si è così avviato un intenso dibattito sugli insultatori della Rete ed è stata proposta l’istituzione di una Commissione Parlamentare “contro l’odio online”, subito appoggiata da vari esponenti politici.

Ma tale Commissione Parlamentare era già stata istituita nel maggio del 2016. Si chiamava “Commissione “Jo Cox” sull’intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni di odio”, e non era di facciata: si è riunita ben 13 volte ed ha audito 31 persone. Come in altri casi, ad esempio la Commissione Ecomafie che rinasce ad ogni legislatura, sarebbe bastato riaprirla. Ora si parla invece di istituire la Commissione sull’”odio” come se fosse una novità assoluta, nata per un’esigenza del momento.

Il dibattito in Rete è furibondo. Ci si chiede come sia possibile stabilire cosa sia “odio”, visto che la diffamazione, le minacce o le ingiurie sono già normate dalla legge. Inoltre, come può un politico definire o normare un sentimento, senza essere guidato dalla propria ideologia? La “Commissione sull’Odio” non suona poi così diversa dal “Ministero dell’Amore” di orwelliana memoria, e infatti c’è chi sui social si spinge oltre invocando sistemi di controllo degni di “1984”.

Come Gabriele Muccino o Luigi Marattin, che finiscono in trending dopo aver twittato che per avere l’accesso ai social dev’essere obbligatorio un documento di identità. Molti replicano che si tratta di un provvedimento degno di una dittatura: tante persone sono infatti costrette all’anonimato non per avere libertà di insulto, ma semplicemente per essere libere di esprimere le proprie opinioni conservando il posto di lavoro. Ma al di là di tali polemiche, qualcuno ricorda come la cosa sia concretamente irrealizzabile: sul web ci sono mille modi per bypassare tale obbligo, e soprattutto i giganti del web, come Facebook o Twitter, avranno molto da obiettare davanti ad un’emorragia di migliaia di utenti costretti a chiudere i profili. Per tacere del fatto, probabilmente ignorato da Marattin e Muccino, che molta informazione e opinioni passano ormai per i canali di messaggistica come Telegram o Whatsapp, controllabili dalle Forze dell’Ordine ma non certo dal pubblico.

Insomma, pensare di fermare “l’odio online” significa pretendere di definire l’astratto, e poi fermarlo con l’aria. Una vera mission impossible.  «Gli haters sono persone di cui si deve avere pena», ha dichiarato Liliana Segre. E forse, è questa la strategia più saggia.


La nuova televisione è quasi pronta. Aiutaci a fare l’ultimo miglio!

€1.321 of €40.000 raised

Byoblu è pronto per fare il salto. Stiamo costruendo la nuova informazione: l’alternativa al mainstream. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Per continuare ad essere libera dovrà essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? In cambio, sarai protagonista dell’informazione che verrà.

Dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo entro l’autunno. Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

CG

Claudia Gallinari

€15,00 10 Luglio 2020
A

Alessandro

€25,00 10 Luglio 2020
f

fabio

€10,00 10 Luglio 2020
SS

Sergio Samoggia

€50,00 10 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 10 Luglio 2020
GB

Gian Paolo Barsi

€10,00 10 Luglio 2020

La speranza di farcela, c'è. Ma non sarà facile.

N

Natale

€15,00 10 Luglio 2020

forza, avanti tutta senza mollare di un millimetro

IN

Isabella Nogaro

€50,00 10 Luglio 2020

Grazie

MS

Massimo Strippoli

€50,00 10 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 10 Luglio 2020
RT

Riccardo TESIO

€10,00 10 Luglio 2020

Non tutti i servizi mi hanno convinto, ma amo la libertà di espressione, continuate così.

VC

Vito Coccato

€15,00 10 Luglio 2020

Grazie, siete un esempio di Giornalismo e Libertà

EL

Enrico Lombardi

€15,00 10 Luglio 2020

Complimenti per il coraggio e la grinta con cui fate controinformazione. Continuate cosi!

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 10 Luglio 2020
rz

rudi zerbetto

€15,00 10 Luglio 2020

siamo sempre di più .......................

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 9 Luglio 2020
GC

Gianfranco Caragnano

€25,00 9 Luglio 2020

li meritate tutti...bravi

CG

Cadelli Gian Piero

€5,00 9 Luglio 2020
JD

Jurij Di Carlo

€25,00 9 Luglio 2020

Libertà di espressione. Sempre.

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 9 Luglio 2020

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Premetto che sono contrario all’istituto del senatore a vita. Oltretutto sono perlopiù sempre schierati da una certa parte, come in questo caso.
    La signora ha detto ” ..l’esibizione di simboli religiosi, che a me fanno effetto, sono un farsesco e pericoloso revival del ‘Gott mit uns’ (‘Dio con noi’, motto nazista del Terzo Reich, ndr)”. Con tutto il rispetto per una signora, secondo me ha detto un’emerita str….. Ricordo che la DC ha esibito clamorosamente il crocefisso per più di cinquant’anni e a nessuno, neppure a lei, è mai venuto in mente di fare accostamenti del genere. Ci voleva Salvini a quanto pare…. .
    Quanto all’iniziativa per una commissione sulle discriminazioni ( ce n’era già una dal 2016) mi rifaccio fideisticamente alle parole di Nordio:
    https://www.ilmessaggero.it/editoriali/carlo_nordio/commissione_segre_tribunale_del_bene_un_pericolo_da_evitare-4833458.html

    Tribunale del bene che ricorda molto il Ministero dell’amore di “1984”

Share via
Top