Siria: il doppio standard interpretativo dei media – Intervista a Giorgio Bianchi

Qual è, esattamente, la differenza tra una cannonata dell’esercito turco e una dell’esercito siriano? A giudicare dalle reazioni della politica e dei media, di differenze ce ne sono tante. Nell’analisi degli scenari internazionali oggi prevale infatti l’utilizzo del doppio standard interpretativo. Quell’idea che le porcherie del nostro nemico siano solo porcherie e quelle del nostro amico odorino invece di violette. Che l’arma dell’avversario sia una minaccia alla pace e quella dell’alleato un incentivo alla pace. Che la strage dei nostri complici sia una necessità e quella dei complici altrui un atto efferato.

Le guerre ibride si differenziano da quelle del XX secolo per la pervasività dell’utilizzo delle nuove tecnologie, in particolare di quelle di comunicazione. Talvolta la narrazione mainstream degli eventi e degli avvenimenti decisivi per lo sviluppo delle fasi delle guerre degli ultimi tre decenni ha costituito una vera e propria arma al servizio di una delle parti in causa.

I media e il singolo reporter assumono così sempre più spesso un ruolo determinante nei conflitti che fanno da contrappunto alla lunga transizione geopolitica dal sistema unipolare a guida statunitense a quello multipolare.

Byoblu affronta lo spinoso tema in un’intervista, condotta da Margherita Furlan, a Giorgio Bianchi, fotoreporter e documentarista tra i pochi al mondo ad avere visitato i luoghi della guerra in Siria.

Immagini di Giorgio Bianchi in esclusiva.


Lo studio è pronto. Adesso facciamolo funzionare anche a novembre!

71% raccolto

Grazie a voi abbiamo costruito il primo studio, a Milano. Ci vorrà un po’ di rodaggio, ma già da subito siamo operativi e iniziamo a trasmettere. Vogliamo costruire la nuova informazione: l’alternativa al mainstream, ma soprattutto una tv che sia dei cittadini. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Adesso bisogna raccogliere la prossima sfida: dimostrare che siamo in grado di sostenere le spese vive, ogni mese. Ci sono 5 persone a Milano, 4 a Roma e alcune altre in telelavoro. Poi ci sono gli affitti, i servizi, le utenze, i materiali che si consumano, quelli ancora da comprare e tanti conduttori liberi e intelligenti da coinvolgere nel progetto. In televisione, per fare una sola puntata alla settimana ci vogliono decine di giornalisti e decine tra tecnici e registi. Ogni mese, per una sola trasmissione spendono centinaia di migliaia, se non milioni di euro. Byoblu costa solo 30 mila euro al mese. Come ci riusciamo? Lavoriamo con passione, dalla mattina alla sera, e non sprechiamo nulla.

Per continuare ad essere liberi e crescere, la nuova televisione dei cittadini essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Abbiamo già fatto tanto. È un’impresa storica. Trecentomila iscritti su Youtube, centinaia di migliaia sugli altri social network. Nessuno ne parla. Questa è la dimostrazione che siamo veramente liberi.

Che altro ti serve? Aiuta la nuova televisione dei cittadini a trasmettere anche questo novembre. Questa volta, la tua generosità sarà ricompensata.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

Anonymous User

Anonimo

€10,00 6 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€10,00 6 April 2020
AM

ANTONIO MOLTENI

€10,00 6 April 2020
MO

Maurizio ONOFRIO

€10,00 6 April 2020

Buongiorno Claudio e un saluto a tutta la redazione, sono felice di potervi sostenere anche se non è molto, purtroppo è un momento difficilissimo, siamo tutti fermi e non si vedono spiragli positivi all'orizzonte. Grazie per tutto il gran lavoro che fate.

Anonymous User

Anonimo

€10,00 6 April 2020
UL

Ugo Lenzi

€50,00 6 April 2020

Aiutiamo una voce libera!

Anonymous User

Anonimo

€15,00 6 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 6 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€35,00 5 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 5 April 2020
G

Giuliano

€10,00 5 April 2020

Claudio, vi seguo sempre.
Non perdete mai la vostra determinazione nel diffondere la voce della verità.
Noi ci siamo e vi sosteniamo
Il passaparola è la nostra forza e credimi siamo davvero tanti.
Non mollate mai

gg

giulia giubini

€10,00 5 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€150,00 5 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 5 April 2020
SD

Sergio Di Lorenzo

€15,00 5 April 2020

Grazie, mi commuovo nel vedere la vostra passione per il vero giornalismo

Anonymous User

Anonimo

€10,00 5 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€10,00 5 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€100,00 5 April 2020
Anonymous User

Anonimo

€35,00 5 April 2020
MT

Maria Tambornini

€25,00 5 April 2020

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • C’é un programma televisivo sulla TVE spagnola, “Españoles en el mondo” dove ci sono diverse testimonianze di spagnoli che vivevano in Siria e tutti lodavano il benessere nella nazione di Assad. Prima dell’intervento dei criminali occidentali era un paese quasi meglio dei nostri europei poi si sa, gli usa seguono il loro volere per creare il nwo. In un libro di Gore Vidal, “la fine della libertà” lo scriveva già sulle guerre degli usa (e complici) delle guerre in programma per il futuro è guarda caso, si avvera tutto.

  • Buongiorno sono da poco venuto a conoscenza in tema di byoetica dello spaventoso caso della clinica x poveri di Gosnell su cui hanno fatto un film e scritto un libro. In italiano su youtube non si trova nulla, assolutamente nulla. Volevo chiedervi se poteste coprire il caso con un video.

Top