ABBONATI SOSTIENI

#TgTalk 32 – CAMBIAMENTI CLIMATICI: GRETA HA RAGIONE?

Il clima cambia, Greta Thunberg chiama a raccolta centinaia di migliaia di persone, ma i cambiamenti climatici sono davvero dovuti all’uomo? O sono la scusa per avviare la nuova industria del verde, che muove trilioni di dollari?

Ne parliamo in studio con Ugo Bardi, membro del Club di Roma e docente di chimica e fisica all’Università di Firenze; con Enzo Pennetta, biologo, professore e saggista; con Franco Battaglia, docente di chimica e fisica all’Università di Modena; con Marco Rosa-Clot, già cattedratico di Fisica all’Università di Firenze ed ex direttore scientifico del CRS4, il Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori di Cagliari; con Uberto Crescenti, Professore Emerito di Geologia Applicata dell’Università G. D’Annunzio di Chieti-Pescara.

Alle 18.30, al #TgTalk 32. Non mancare.


Accendi la Tv dei Cittadini anche a dicembre!

€29.230 of €40.000 raised

Grazie a voi abbiamo costruito il primo studio, a Milano. Ci vorrà un po’ di rodaggio, ma già da subito siamo operativi e iniziamo a trasmettere. Vogliamo costruire la nuova informazione: l’alternativa al mainstream, ma soprattutto una tv che sia dei cittadini. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Adesso bisogna raccogliere la prossima sfida: dimostrare che siamo in grado di sostenere le spese vive, ogni mese. Ci sono 5 persone a Milano, 4 a Roma e alcune altre in telelavoro. Poi ci sono gli affitti, i servizi, le utenze, i materiali che si consumano, quelli ancora da comprare e tanti conduttori liberi e intelligenti da coinvolgere nel progetto. In televisione, per fare una sola puntata alla settimana ci vogliono decine di giornalisti e decine tra tecnici e registi. Ogni mese, per una sola trasmissione spendono centinaia di migliaia, se non milioni di euro. Byoblu costa solo 30 mila euro al mese. Come ci riusciamo? Lavoriamo con passione, dalla mattina alla sera, e non sprechiamo nulla.

Per continuare ad essere liberi e crescere, la nuova televisione dei cittadini essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Abbiamo già fatto tanto. È un’impresa storica. Trecentomila iscritti su Youtube, centinaia di migliaia sugli altri social network. Nessuno ne parla. Questa è la dimostrazione che siamo veramente liberi.

Che altro ti serve? Aiuta la nuova televisione dei cittadini a trasmettere anche questo novembre. Questa volta, la tua generosità sarà ricompensata.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 4 Giugno 2020
VP

Vittorio Pappalardo

€10,00 4 Giugno 2020

Grazie!!!

NR

Nicola Rondinelli

€50,00 4 Giugno 2020

Avanti così. Onestà e Verità.

DA

Daniele Ayala

€15,00 4 Giugno 2020

Grazie mille Claudio.

MG

Marco Gallizia

€10,00 4 Giugno 2020
LB

Liliana Borme

€5,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 4 Giugno 2020
DB

DIANA BIER

€5,00 4 Giugno 2020
sm

simone mancini

€15,00 4 Giugno 2020

Grazie per offrire un'informazione alternativa.

SF

Saverio Fantacuzzi

€25,00 4 Giugno 2020

Siete grandi e impavidi

GS

Gregorio Sand

€10,00 4 Giugno 2020

Sicuro che ce la faremo. Siamo i padroni del nostro destino!

AB

Adriana Brunetti

€10,00 4 Giugno 2020

Piccola piccola, nn posso di più, mi spiace!!! WW BYOBLU

fg

francesco garuti

€15,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€100,00 4 Giugno 2020
RS

Roberto Sangiorgi

€25,00 4 Giugno 2020
ER

Erica Ruberti

€25,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 4 Giugno 2020
DC

Daniela Cortiglia

€25,00 4 Giugno 2020

Grazie per tutto quello che fate, di come c'informate, di come ci sostenete.

AC

Alessandro Couchoud

€30,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 4 Giugno 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 4 Giugno 2020
EC

Emilia Colucci

€15,00 4 Giugno 2020

36 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Credo possa essere molto utile vedere vari interventi del climatologo Luca Mercalli
    sul riscaldamento globale
    facilmente rintracciabili sul web

    • Mercalli? Climatologo? Penso di no, ha un “master” in geografia e si è autoproclamato climatologo.
      In realtà è uno dei tanti attivisti climatici che sbarcano il lunario fomentando la paura del cambiamento climatico antropogenico e catastrofico.

    • Anche uno sprovveduto è in grado di capire che solo con le rinnovabili non si va da nessuna parte. Tutta l’industria si fermerebbe.Non per niente la Germania si è protetta con ben due gasdotti che vengono dalla Russia.

  • Perchè non chiedete agli esperti quale ciclo di vita avrebbe la CO2 in atmosfera? Secondo alcuni questo ciclo durerebbe almeno 100 anni … quindi se ciò fosse vero anche interrompendo DOMANI le emissioni di CO2 il problema sussisterebbe almeno per un secolo e non ci sarebbe alcuna possibilità con le tecnologie attalmente disponibili di risolverlo senza incorrere nelle conseguenze climatiche potenzialmente catastrofiche… contro l’eccesso di co2 non c’è alcuna soluzione efficace o percorribile ma nessuno evidentemente lo dice…. Per l’Ozono il discorso non sarebbe tanto diverso….

  • Pensate se il cielo rimane nuvoloso per un mese !
    E pensate se viene una piccola glaciazione……caro Messora dovrai comperarti una stufa a legna e andare a raccogliera personalmente nel bosco.

  • I PETROLIERI DEL MONDO STANNO SPOSTANDO GLI INVESTIMENTI SULLE RINNOVABILI , I FINANZIERI DEL MONDO STANNO MONTANDO LA BOLLA GREEN PER SPECULARE CON DERIVATI ED ALTRI STRUMENTI FINANZIARI.

    • Lo fanno perché comunque il petrolio prima o poi finirà, e con i soldi che hanno si buttano avanti.
      E’ l’unica strada possibile.
      L’unico dubbio è quando.
      La tecnologia ci aiuterà.

  • Mi verrebbe da dire: ma che cazzo ridi che non hai dato una semplice prova? Sbaglio oppure la scienza dovrebbe essere costruita su grafici, formule, calcoli cosi’ come si legge in alcuni studi di persone che non sono la casalinga di Voghera? Sorriso beffardo, arroganza e presunzione senza dimostrare alcunche’. Mi ha ricordato Zingaretti quando parlava delle necessita’ del paese Italia, pace nel mondo , lavoro per tutti ecc ecc; solo aria fritta….

  • Il club di roma ha dimostrato che il confronto non esiste,esistono solo le loro teorie e chi le pensa diversamente è un idiota. Gli altri signori sono stati eccezzionali. Naturalmente i due conduttori sono dei grandi e hanno dimostrato sangue freddo xk se fossi stato io ilconduttore il cleb di roma lo avrei mandato a stendere. X me è stata una bella dimostrazione di persone che sanno dare le loromidee e altre che le idee o sono le sue o quelle degli altri non valgono un c………
    GRANDE BYOBLU

  • Su una cosa invece Ugo Bardi ha ragione da vendere ed è l’inquinamento atmosferico che già adesso causa milioni di morti anticipate. Che poi la combustione dei motori , la combustione in genere produca oltre a numerosi inquinanti anche la CO2 è un fatto e quindi la riduzione della combustione di origine fossile è assolutamente da perseguire a meno che non si voglia morire soffocati , anche se la CO2 direttamente non ne è responsabile. Una combustione tra le meno inquinanti , forse la meno inquinante sebbene produca CO2 , è combustione del metano. Per questo la Germania come ho già detto , volendo eliminare carbone e nucleare per ben noti motivi , si è assicurata ben due gasdotti provenienti dalla Russia. Uno dei problemi delle rinnovabili è l’accumulo dell’ energia per poi rilasciarla quando è necessario , una possibilità presa in considerzione è di utilizzarla per l’elettrolisi dell’ acqua per poi produrre abbastanza semplicemente ancora metano. Sul libro del club di Roma che ho letto appena uscito in italiano si può solo dire che il fatto che in un sistema limitato , quale è il nostro pianeta , una crescita illimitata sia impossibile , è semplicemente la pura verità.

    • Penso che la questione del “in un sistema limitato una crescita illimitata sia impossibile ” non solo é una semplice verità ed é vera non perché sia stata scritta dal Club di Roma, ma perché é una legge fisica. Il problema é che la nostra società, il nostro sistema capitalista consumista la finanza le società quotate in borsa si basano proprio sull’assunto contrario la crescita infinita.
      Nel libro club di roma c’é anche scritto che le risorse sono “finite” e che bisogna utilizzarle in maniera razionale e che la popolazione non puo crescere all’infinito su un pianeta finito. MI sembrano realtà lapalissiane che esistono indipendentemente dal fatto che il club di roma le citi. Non mischiamo di tutto di piu per confondere le acque e non capirci nulla.

    • Ce ne sono almeno altrettanti che la pensano diversamente e comunque non sono a libro paga dell’IPCC e nessuno di loro è stato scoperto a taroccare i dati raccolti perché risultassero in linea con le loro teorie (“se la teoria non coincide con la realtà, al diavolo la realtà”), così come è avvenuto tempo fa.

    • Vedo che anche lei, seppur timidamente, si accoda alla vulgata corrente, del tutto errata, che la CO2 è un fattore inquinante (cito:”Anche se la CO2 direttamente non ne è responsabile”). La prego, chiarisca di cosa sarebbe responsabile la CO2, sia pur indirettamente. Probabilmente si riferisce all’effetto serra, ma, così come i 116 scienziati citati in altri interventi, incorrendo nel grossolano errore di ritenere questo gas il maggiore, se non unico, responsabile. E questo perché, come ho già tentato di spiegare in un mio commento (del quale però non ho trovato traccia), la presenza del gas nell’atmosfera è minoritaria (circa il 5% del totale dei gas, se la memoria non mi inganna). Considerando che quanto immesso in atmosfera a causa delle attività umane costituisce in realtà una piccolissima parte del totale delle immissioni, tenuto ovviamente conto delle cause naturali al di fuori del controllo umano; che il tutto va a far parte di una percentuale non certo eclatante; che le varie Conferenze sul clima fissano degli obbiettivi – sempre falliti – che sono piccole percentuali di riduzione delle immissioni umane ed infine che il maggiore responsabile dell’effetto serra, cioè il vapore acqueo, nessuno può controllarlo, c’è veramente da chiedersi se tutto questo agitarsi per la CO2 ha senso e se i miliardi spesi in questo futile tentativo non sarebbe meglio impiegati in attività più intelligenti.

      • Devo correggere un errore: il valore della CO2 è pari allo 0,407 (al suolo) e non il 5% come ho scritto. Questo valore, che viene visto con orrore dai catastrofisti, rende ancor più significativo il ragionamento sulle “piccole percentuali di piccole percentuali” e ancor più irrilevante l’influenza della CO2 sull’effetto serra. Questa parola (serra), mi fa venire in mente ciò che ho già scritto nel mio commento “fantasma” riguardante appunto La Serra, formazione geologica imponente presente nell’area in cui vivo, detta Area Canavesana, a ridosso della Valle d’Aosta. Questa formazione, consistente in una collina dell’altezza di circa 800 metri, dall’andamento uniforme per una decina di km, dall’alveo della Dora Baltea sino al Lago di Viverone (di origine glaciale), costituiva, durante l’ultima glaciazione, la morena laterale di sinistra di un imponente ghiacciaio che giungeva sin nel torinese, dello spessore di circa 5/600 metri e che occupava tutta l’area canavesana. Il ghiacciaio si è dissolto, appunto circa 10.000 anni fa, a dimostrazione che i cambiamenti climatici non hanno bisogno della CO2 di origine antropica per verificarsi, a meno di voler attribuire agli ultimi Neanderthaliani (o ai primi Cro-Magnon) capacità magiche. Ma per taluni, neppure l’evidenza dei fatti basta. Come già affermato, se la realtà contraddice la teoria, al diavolo la realtà.

  • Non seguo più il blog di bardi da circa il 2015, quando rispondendo alle supercazzole di qualche suo seguage sul colpo di stato in ucraina, questo tipo taglio breve dicendo che si trattava di una “rivoluzione liberale”. Se uno ha un criterio di analisi del genere in politica, anche ammesso che non sia il suo campo, penso di non sbagliarmi se non lo stimo neppure come scienziato

  • Nel dibattito nessuno ha prodotto prove a sostegno di quanto asseriva, per cui il “povero” Bardi, uno contro tutti (…si anche lo studio era apertamente schierato, e lo dico da sostenitore di Byoblu), ha reagito con un atteggiamento che è quello che è:
    in queste situazioni alcuni sorridono, magari ironicamente, come ha fatto Bardi, altri si stizziscono o peggio, molto pochi riescono ad essere neutri o addirittura simpatici se pur sotto fuoco incrociato.
    Sapendo chi erano gli altri ospiti direi che Bardi è stato anche troppo bravo ad accettare di partecipare e nel contraddittorio alla fine se l’è cavata mi sembra molto bene.
    Diciamoci la verità: l’incipit dell’intervento di Battaglia non ere certo amichevole, se uno mi si rivolge così, prima di rispondere, se posso, conto fino a dieci o anche venti, Bardi non ne aveva il tempo …. per cui la sua reazione non mi è sembrata assolutamente arrogante….
    Per concludere:
    chi prevede cose nefaste non piace a nessuno, è un dato di fatto, …che poi siano vere o no … è tutta un’altra storia.
    Buona notte a tutti

  • Teoria va a braccetto con ragione(verità). Vogliamo creare delle teorie. Ma mai nessuno può avere la certezza di chi ha ragione, di dove stia la verità assoluta. Perciò non esiste. Come nessuno può avere la certezza che siano totalmente delle falsità.
    Finché qualcuno avrà da obiettare su una certezza, non lo sarà. Guardiamo le cose sia da lontano che da vicino. Anche questo è il mio pensiero e può essere obiettato.. Come io stessa potrei ricredermi un domani. Io credo di esserne consapevole

  • HO appena visto il video dibattito. Conto di riscrivere con calma qualcosa di piu’ basato sui fatti e sui dati quando avro un attimo di tempo. Per ora mi limito ad un(lungo) commento a caldo: innanzitutto non posso che esprimere il mio completo disappunto per la presenza di Bardi. Capisco che la democrazia preveda uno scambio di opinioni e la libertà di espressione, pero’ ci sono dei limiti alla decenza e alla serietà. Invitare Bardi su Byoblu non puo che gettare discredito e far porre interrogativi sulla reale trasparenza informativa che il sito e Messora professano. Bardi ha già il suo blog personale, Cassandra, scrive sul fatto quotidiano regolarmente professando il suo catastrofismo dogmatico. Per chi lo conosce e conosce un po la sua storia é evidente che codesto personaggio é un predicatore religioso che si spaccia per scienziato. E un personaggio che vende un dogma, un’ideologia una religione travestita da scienza. Non c’é nulla di scientifico in quel che dice e sostiene, si tratta puro allarmismo basato non su fatti e su dati ma su modelli costruiti ad hoc per agire sull’emotività e sulle paure delle persone, tipico dell’arte della propaganda. Getta discredito su chiunque non professi il suo dogma, fa un discorso vergognoso su Rubbia ( che parlando al senato ha cercato di volgarizzare e semplificare un tema non facilmente mascticabile dai piu’), scienziato premio nobel, lo discredita nel perfetto stile del propagandista e poi sappiamo bene dai suoi post che assurge una povera minorenne con problemi psichici a nuovo messia della nuova religione. Le tattiche del Bardi e del manipolatore seguno un vecchio schema ripreso anche da Mazzucco rispetto ai debunker
    Inventare falsi problemi
    Ignorare i fatti appurati
    Gettare discredito su chi non condivide il pensiero unico ( denigrazione, paragoni a eventi negativi ecc.)
    Assurgersi a detentore della verità, nel nostro caso LA SCIENZA, come se solo lui e quelli che la pensano come lui reppresentassero di diritto questa entità astratta che chiamano scienza.
    Per comprendere la falsità e la pericolosità di Bardi bisogna occuparsi non di scienza ma di teoriadella manipolazione delle masse, di propaganda della finestra di Overton. Quindi bisogna leggere e studiare cosa hanno scritto i padri della propaganda in democrazia e quale era la loro considerazione delle masse, paragonate a dei batteri, dei virus, o se vogliamo eleverle a dei branchi di sardine; cito come esempio
    – Gustave Le Bon (Psychologie des foules),

    – Edward Bernays: Crystallizing public opinion, New York, Kessinger, 2004 (1re éd. 1923) (ISBN 978-1-417-91508-8, OCLC 57447564)
    Propaganda : Comment manipuler l’opinion en démocratie (trad. Oristelle Bonis, préf. Normand Baillargeon), Zones / La Découverte, 2007 (1re éd. 1928), 144 p. (ISBN 978-2-35522-001-2, OCLC 1028532930, présentation en ligne [archive], lire en ligne [archive] [PDF])
    Engineering of Consent : a scientific approach to public relations, University of Oklahoma Press, décembre 1969 (ISBN 978-0-80610-328-0, OCLC 468791943).

    – Vince Pakard “i persuasori occulti”.

    Bernay é anche stato l’inventore del termine pubbliche relazioni, che utilizzo’ al posto di propaganda, in quanto termine con accezioni negative. Andatevi a vedere cosa ha fatto Bernay, ceh influenza avuto a livello mondiale nello sviluppare la società capitalista, nel manipolare l’opinione puibblica, resterete a bocca aperta.
    TUtto questo per dire che uno come Bardi, o anche come come Mercalli citato da un commentatore (Mercalli forse non é nemmeno laureato e se lo é ha una laurea in agraria, da qui a definirlo climatologo ce ne passa e dimostra soprattutto come l’arte della manipolazione e della propaganda funzioni alla grande sulle menti del popolo) devono essere trattati per quello che sono, dei predicatori, dei manipolatori. Quindi non si possono invitare allo stesso tavolo un geologo e un predicatore perché a qul punto il dibattito é nullo anche perché si svierà forzatamente dal tema e dai dati.
    Invito messora a rifellere bene su questi elementi. Se vuol fare informazione sul clima esistono tonnellate di dati storici e geologici di scritti di veri climatologici, scienziati e altro da riempire il palinsesto di Byoblu per un anno intero almeno. Se Messora vuol fare talk-show allora va bene invitare personaggi da baraccone. Ma di questo mi sembra che la tv ne sia gia strabordante. Poi basta guardare la tv , i telegiornali, siti come il fatto quotidiano: un quotidiano e continuo bombardamento di decine edecine di allarmi sul clima, come in una vera guerra mediatica e come diceva Goebbles “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”. Ma ricordiamoci anche che uno dei Maestri di Goebbles fu proprio lo statunitense Edward Bernay.
    Quindi per sentire il solito bombardamento del pensiero unico , del politicamente corretto, della neoreligione della green economy della finanza capitalista consumista della Verità della Scienza (un po come la Verità del Verbo della Chiesa),penso che bastino e avanzino i mezzi di informazione di massa. Non credo sia necessario ritrovare gli stessi artefici della propaganda anche sui cosiddetti mezzi di informazione alternativi come Byo blu. Altrimenti cominciamo a invitare la Lorenzin, Mario Monti, la von der Leyen, Juncker, Soros, Cheney, Rumsfels ecc.
    Quindi per salvarte un minimo di onsetà intellettuale basta Bardi, Mercalli & C.

      • Piurtroppo le leggi della terismodinamica ci insegnano che la trasformazione di energia si traduce sempre in perdita per cui il rendimento attuale delle forme rinnovabili, molto scarso – si ridurrebbe a poca cosa, senza contare che al momento non esistono

      • (riprendo il commento interrottosi improvvisamente)……non esistono validi sistemi di accumulazione dell’energia. Altro problema delle rinnovabili (oltre all’ovvietà della loro “casualità”) è che sfruttano energia largamente diffusa, ma a scarsissima POTENZA, che è quella che conta., Se il mio sistema rinnovabile produce 1 watt/h e la mia lampadina è a 100 watt/h, al termine dell’ora il watt prodotto sarà stato comunque consumato, ma la lampadina resterà inesorabilmente spenta. Inoltre, quanti sanno che le centrali termiche, che teoricamente dovrebbero essere spente perché sostituite dalle rinnovabili, proprio a causa della precarietà produttiva delle rinnovabili, sono in realtà accese, magari a basso regime, per essere pronte a supportare le improvvise mancanze di produzione, causa cielo nuvoloso o pioggia o assenza di vento e quindi consumando comunque carburante fossile?

  • Questo prof. Bardi sembra molto chiaro il personaggio uscito da questo sistema, a proposito della “dittatura” della scienza di “sistema”

  • Dibattito interessante, a parte l’insopportabile spocchia di Bardi; degna del foglio sul quale scrive.
    Trattare gli altri ospiti da coglioxx non gli fa aver ragione. Nemmeno col suo sorrisetto supponente…

  • Talk organizzato con grande professionalità, onestà intellettuale ed equilibrio nella conduzione. Propongo a Messora di organizzare altri dibattiti scientifici ad esempio i seguenti:

    – Sigarette: é vero che fanno male?
    La nicotina ha comprovati effetti benefici : riduce lo stress, aumenta la concentrazione. La diffusione oculata del fumo di sigaretta ad esempio fra i bambini o adolescenti potrebbe avere innegabili effetti sociali positivi.

    – Terra piatta o sferica: chi ha ragione?
    Non occorre essere scienziati per capire la validità della questione. Anni fa sono salito sul Monte Bianco (4810m), guardando l’orizzonte era chiaro che fosse piatto e non curvo. Perché allora continuano a dirci che è sferica?

  • A proposito di cambiamento climatico, invito anche a leggere questo post https://www.medicalfacts.it/2020/01/08/cambiamento-climatico/ dove alla fine ci sono anche referenze valide e scientifiche.

    Che il cambiamento climatico ci sia e sia dovuto per la maggior parte all’uomo è approvato da quasi tutti gli scienziati. Sono rarissime le eccezioni.

    Le soluzioni per uscirne non sono banali, probabilmente la tecnologia ci aiuterà senza dover fare molti sacrifici, ma probabilmente dovremo cambiare qualcosa anche nelle nostre abitudini.

  • Perchè nessuno dice che la concentrazione di CO2 in atmosfera non è mai stata così alta da 800.000 anni a questa parte: nel mese di aprile, il livello mensile medio di anidride carbonica nell’aria che respiriamo ha sistematicamente superato 410 parti per milione (ppm)?

  • Primo, mi pare le previsioni erano nei prossimi 50 no 10 anni, negli anni ’70 quando il libro e’ stato publicato, non avrebbe avuto senso usare 10 anni come finestra temporale., Attenzione a fare paragoni con cambiamenti climatici avvenuti migliaia o anche centinaia di migliaia di anni fa. Quelli del “club di Rome’ erano ‘pensatori di sistema’ system thinkers e insegnano non avrebbe senso paragonare solo un dato tra contesti cosi’ diversi. La nostra civilta’ non e’ quella dell’uomo di Neandethal! Ci sono complessita’ che interagiscono con le condizioni attuali e paragonare quello che accadde in contesti molto diversi non puo’ essere ‘semplicemente’ paragonato alle condizioni attuali. Potete rendere noto i miei dati/riferimenti, senza problemi

Share via
Top