#TgByoblu 15 – L’ESERCITO DELLE PARTITE IVA

#TgByoblu 15 – Oggi parliamo della rivolta social di commercianti e professionisti contro le tasse, della possibile svolta neo-liberista della Lega, dell’invasione delle locuste in Somalia e dell’insolito appoggio al partito anti-immigrazione in Germania, proprio da parte degli immigrati russi.

L’ESERCITO DELLE PARTITE IVA

Commercianti e professionisti chiedono soluzioni all’abbassamento delle imposte.

Byoblu è molto attenta a monitorare quello che accade nel web. Ed è proprio nel web che è nato, lo scorso novembre, un gruppo Facebook che unisce commercianti e professionisti in rivolta contro le tasse. Si tratta di un movimento apolitico dal nome “Partite Iva insieme per cambiare” che ha lo scopo di riunire i possessori di partite Iva per trovare soluzioni concrete all’abbassamento delle imposte.

Stando infatti al report di Unimpresa, in Italia la pressione fiscale è più alta rispetto a tutti gli altri Paesi europei e il carico fiscale supera il 64% del fatturato. Da qui l’idea di costituire un gruppo, che oggi conta più di 200 mila iscritti che provengono da tutta le province.

Il movimento ha già stilato un programma di 13 punti da presentare ai vertici istituzionali che prevede fra le altre cose: la riduzione della spesa pubblica, del prelievo fiscale e contributivo del 30%, un sistema di protezione del reddito in caso di malattie, etc.

di Virginia Camerieri

UNA LEGA NEO-LIBERISTA?

Il vice-segretario della Lega Giorgetti si fa avanti per ammorbidire le linee guida del partito.

Dopo le elezioni regionali la Lega non perde tempo e rivede le strategie messe in campo durante la campagna elettorale.

Tra le file del partito più di qualcuno ritiene che per diventare davvero una forza politica di respiro nazionale, la lega debba rivedere certi estremismi ed abbracciare l’atteggiamento di personalità più moderate rispetto all’irruento Capitano; e Salvini, dal canto suo, sembra voler cogliere il messaggio abbastanza di buon grado, smentendo energicamente i dissensi interni e riorganizzando la squadra, che pare focalizzata ad ottenere migliori risultati soprattutto nelle grandi città.

Contemporaneamente Giorgetti, l’uomo ben visto dai mercati e in ottimi rapporti con Mario Draghi, sfodera la prima mossa da “moderato” del partito, esprimendo stima e simpatia verso il neo-dimissionario Cinque Stelle Luigi di Maio, definendolo: “uno con la schiena dritta che crede in quello che fa…” e c’è chi avanza l’ipotesi che Giorgetti abbia intenzione di fondare un nuovo partito più neo-liberalista e riformista della lega di Salvini; fra i due leader però, almeno all’apparenza, non sembrano esserci grossi dissidi, visto che fino a ieri, almeno in pubblico, si abbracciavano ridendo, e Capitan Salvini non solo non smentisce l’endorsement di Giorgetti verso Luigi di Maio, ma già da tempo ha ordinato ufficialmente ai suoi di evitare qualsiasi attacco frontale ai pentastellati. Anche in questo caso qualcuno evoca un ritorno di fiamma, ma si tratta molto più probabilmente del tentativo di conquistare consensi fra i grillini delusi…

di Caterina Rappoccio

SOMALIA: INVASIONE DI LOCUSTE

La FAO chiede al mondo 70 milioni di dollari di aiuti.

Descritta nella Bibbia come una delle piaghe d’Egitto che Dio inflisse al popolo per aver tenuti prigionieri gli ebrei, l’invasione di locuste è un grave problema che colpisce l’Africa. Nelle ultime settimane la Somalia deve fronteggiare una terribile invasione che sta fortemente danneggiando il raccolto.

Secondo la FAO uno sciame di locuste può arrivare a mangiare in un giorno la quantità di cibo consumata dalla metà della popolazione della Francia. L’invasione si è estesa in tutto il corno d’Africa, ma la Somalia è stato il primo paese a dichiarare lo stato di emergenza.
L’ipotesi è che i parassiti siano arrivati dallo Yemen attraverso il Mar Rosso e che le intense piogge, dovute ai cambiamenti climatici, abbiano contribuito a farle riprodurre maggiormente.

La soluzione sarebbe usare gli aerei per spargere i pesticidi sui campi, ma i conflitti in corso nel paese e gli attacchi dei terroristi islamici non consentono questa operazione. La Somalia infatti, è ormai da decenni teatro di una guerra civile che negli ultimi anni ha visto l’avanzare dell’organizzazione di estremisti islamici al-Shabab.

Il problema delle locuste aggrava dunque una situazione già critica e l’emergenza potrebbe anche estendersi ad altri paesi, visto che questi animali si sono riprodotti anche in Iran, Pakistan e India.

di Mariachiara Stella

I RUSSI E L’AFD

Un terzo degli elettori del partito tedesco anti-immigrati sono russi.

In Germania il partito Alternative fur Deutschland raccoglie il favore degli immigrati russi. Secondo alcune statistiche del partito un terzo degli elettori sarebbero russi. Ma quali russi? I russi del Volga, immigrati tedeschi stanziatisi in Russia nel 18th secolo, ebrei russi e russi etnici, tutti immigrati in Germania dopo il collasso dell’Unione Sovietica.

Il dato interessante da rilevare è che la minoranza russa è poco considerata politicamente in Germania, un bacino di voti a cui l’AfD guarderebbe per affrancarsi come partito moderato, seppure fortemente critico verso l’immigrazione. I russi poi sono fondamentalmente bianchi e, in gran parte, europei, cosa questa che li porrebbe in netto contrasto l’immigrazione mediorientale e africana, la più contrastata nel partito AfD. La pagina Facebook dei simpatizzanti russi dell’AfD, creata nel 2016, raccoglie oltre 13 mila iscritti.

Il supporto dei russi all’AfD testimonia un fatto: i partiti anti-immigrazione e una parte di immigrati non sarebbero più un’ ipotesi paradossale, ma una realtà politica e sociale da prendere in considerazione.

di Edoardo Gagliardi


Sostieni il miracolo di Byoblu a febbraio

€21.447 of €40.000 raised

Grazie a voi stiamo producendo tante trasmissioni ogni giorno. Abbiamo un Tg, un TgTalk, facciamo tante interviste e riusciamo anche a riprendere i convegni che dovreste proprio vedere. Stiamo lavorando a una tv che sia dei cittadini. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti.

Adesso bisogna raccogliere questa sfida: dimostrare che la Tv dei Cittadini sta in piedi da sola, ogni mese, senza l’aiuto di gruppi di potere organizzato, di interessi di parte o della politica. In televisione, per fare una sola puntata alla settimana ci vogliono decine di giornalisti e decine tra tecnici e registi. Ogni mese, per una sola trasmissione spendono centinaia di migliaia, se non milioni di euro. Noi invece siamo in undici, poi ci sono gli affitti, i servizi, le utenze, i materiali che si consumano, quelli ancora da comprare… ma Byoblu costa solo 40 mila euro al mese. Come ci riusciamo? Lavoriamo con passione, dalla mattina alla sera, e non sprechiamo nulla.

Siamo in centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. Già così è un’impresa storica: trecentomila iscritti su Youtube, centinaia di migliaia sugli altri social network, centodieci milioni di video visti, ma nessuno ne parla: questa è la dimostrazione che siamo veramente liberi. E adesso stiamo costruendo le App: potrai vedere Byoblu (e non solo) sul tuo smartphone, sui computer, sui tablet e sulle smartTv. Manca poco ormai!

Non ti basta per deciderti ad essere dei nostri? Aiuta la nuova televisione dei cittadini a trasmettere anche questo mese. La tua generosità sarà ricompensata.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

FG

FERRARI GIANLUCA

€50,00 30 March 2020

Ti sono molto grato per il lavoro che fai. Mi hai fatto incontrare persone che mi hanno aperto nuovi orizzonti.

TB

Thomas Bertuccioli

€15,00 30 March 2020

Continuate così! ..date molta speranza e vi ringrazio dal profondo del cuore

SS

Sandro Scalercio

€10,00 30 March 2020
AA

Alessandro Angei

€15,00 30 March 2020
DR

Davide Rinaldi

€15,00 30 March 2020
R

Roberta

€25,00 30 March 2020
AM

Anonimous Mazzo

€15,00 30 March 2020

Stima profonda per il lavoro che state facendo. Grazie

Anonymous User

Anonimo

€25,00 30 March 2020
M

Maria Chiara

€15,00 30 March 2020

Grazie!!!!!

PM

Paolo Melis

€50,00 30 March 2020

Grazie!

VS

Vittorio Schiavone

€15,00 30 March 2020
CV

Claudio Viero

€10,00 30 March 2020
FD

Francesca Delli Turri

€10,00 30 March 2020

Credo nell'articolo 21, odio giornali e TV generaliste (non possiedo nemmeno il televisore e non guardo la TV da 21 anni), voglio un'informazione affidabile alternativa. Grazie per tutto quanto state facendo.

Anonymous User

Anonimo

€15,00 30 March 2020
DM

Davide Matesic

€25,00 30 March 2020

Siamo con voi

Anonymous User

Anonimo

€20,00 30 March 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 30 March 2020
Anonymous User

Anonimo

€25,00 30 March 2020
SD

Sandra Diazzi

€15,00 30 March 2020
rm

roberto manino

€15,00 30 March 2020

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top