IL RING – 11 SETTEMBRE 2001. MAZZUCCO VS BILOSLAVO

L’11 settembre ha cambiato in profondità il corso della storia. A vent’anni di distanza da quel tragico evento, tanti sono ancora gli interrogativi rimasti sospesi. Byoblu ha messo a confronto il Direttore di Contro.tv Massimo Mazzucco e il giornalista di guerra Fausto Biloslavo, due figure che hanno maturato sullo stesso accadimento convinzioni diametralmente opposte. Da un lato Biloslavo difende le risultanze dell’inchiesta ufficiale, mentre dall’altro Mazzucco pone l’accento sulle tante incongruenze, specie di natura tecnica, che caratterizzano la versione considerata prevalente. Ne è venuto fuori un dibattito lungo, a tratti appassionato, sempre però dentro i limiti della libera e civile discussione.


Sostieni il miracolo di Byoblu a febbraio

€19.977 of €40.000 raised

Grazie a voi abbiamo costruito il primo studio, a Milano. Ci vorrà un po’ di rodaggio, ma già da subito siamo operativi e iniziamo a trasmettere. Vogliamo costruire la nuova informazione: l’alternativa al mainstream, ma soprattutto una tv che sia dei cittadini. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti. E cambierà definitivamente le regole del gioco.

Adesso bisogna raccogliere la prossima sfida: dimostrare che siamo in grado di sostenere le spese vive, ogni mese. Ci sono 5 persone a Milano, 4 a Roma e alcune altre in telelavoro. Poi ci sono gli affitti, i servizi, le utenze, i materiali che si consumano, quelli ancora da comprare e tanti conduttori liberi e intelligenti da coinvolgere nel progetto. In televisione, per fare una sola puntata alla settimana ci vogliono decine di giornalisti e decine tra tecnici e registi. Ogni mese, per una sola trasmissione spendono centinaia di migliaia, se non milioni di euro. Byoblu costa solo 30 mila euro al mese. Come ci riusciamo? Lavoriamo con passione, dalla mattina alla sera, e non sprechiamo nulla.

Per continuare ad essere liberi e crescere, la nuova televisione dei cittadini essere sostenuta da te, e solo da te. Sei pronto a fare la tua parte? Sappiamo che non è facile, ma siamo centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. È venuto il tempo di dimostrare che il desiderio di cambiamento non è soltanto una parola, ma una volontà di ferro.

Abbiamo già fatto tanto. È un’impresa storica. Trecentomila iscritti su Youtube, centinaia di migliaia sugli altri social network. Nessuno ne parla. Questa è la dimostrazione che siamo veramente liberi.

Che altro ti serve? Aiuta la nuova televisione dei cittadini a trasmettere anche questo novembre. Questa volta, la tua generosità sarà ricompensata.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

AS

Alessandro Sergio

€9,99 25 February 2020
GA

Gianpietro Altinier

€25,00 24 February 2020

Grazie Grazie Grazie

BC

BYOBLU CONGUAGLIO

€9.831,00 24 February 2020
Anonymous User

Anonimo

€5,00 24 February 2020
FC

Franco Casini

€15,00 24 February 2020

Grazie per mantenere vivo il senso critico e per l'impegno a contrastare il pensiero unico. Attenzione che il mainstream vuole insinuarsi nell'informazione ragionata con canali apparentemente antisistema come Mappamundi (Limes-Repubblica)

mr

massimo rosso

€5,00 24 February 2020

Forza che cè la fate!!

Anonymous User

Anonimo

€15,00 24 February 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 23 February 2020
FT

Fabio Tres

€50,00 23 February 2020

Grazie per il vostro lavoro

Anonymous User

Anonimo

€100,00 23 February 2020
Anonymous User

Anonimo

€35,00 23 February 2020
ar

andrea raffellini

€20,00 23 February 2020
EA

Ernesto Aiello

€15,00 23 February 2020
AZ

Agnieszka Zygmunt

€10,00 23 February 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 22 February 2020
GS

Giacomo Savio

€15,00 22 February 2020

Grazie

RF

Raffaele Frasson

€15,00 22 February 2020

Un piccolo contributo per un grande progetto. Spero in futuro in una puntata sul dialogo interreligioso...

EM

EDUARDO MASCI

€50,00 22 February 2020
GP

GIORGIO PIOVESAN

€30,00 22 February 2020

In bocca al lupo. Vi ascolto sempre

Anonymous User

Anonimo

€10,00 22 February 2020

34 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Le torri.
    Apprendo con disappunto che c’è ancora qualcuno che crede alla versione ufficiale……..

    Nessun aereo ha mai potuto volare sopra Ny, Pentagono o Casa Bianca senza essere intercettato in un tempo max, a detta del NORAD (North american air Defense ) di 6 minuti.
    Atta e i suoi scorrazzarono per un’ora e mezzo, da Newark e Dulles fino in centro all’America, sul Kansas. Poi spensero tutto, trasponder, radar, ecc. e, con volo a vista, cioè riconoscendo fiumi, case, città tornarono indietro e con una virata di 30°, a 800kmh all’ora abbatterono le torri. Un pilota super esperto, con migliaia di ore/volo, che abbia fatto quel tragitto centinaia di volte, ce la potrebbe anche fare, se non ci sono nuvole….. che l’abbia fatto un pivellino come Atta, ha fatto buttare in terra dal ridere tutti gli esperti intervistati.

    E, ancora più grossa, sapete perché il NORAD era impotente ? Perché quel giorno era PREVISTA una esercitazione con dirottamento di 4 aerei da Newark, Dulles, ecc. da far schiantare sulle torri e sul Pentagono, + un obiettivo sensibile non specificato.
    I controllori di volo lo sapevano.
    Quando è arrivata la notifica del dirottamento,si sono apprestati ad iniziare le simulazioni. Questa è stata però seguita da un’altra notifica : NON E’ UNA ESERCITAZIONE.
    Non hanno capito più nulla. Hanno telefonato per avere conferme al NORAD, ma il centralino era intasato……….

    Sapete poi quanti edifici nella storia dell’edilizia americana, costruiti con ossatura in acciaio, sono crollati per un incendio ? NESSUNO. MAI.
    A Chicago un edificio intero bruciò 3 giorni…senza crollare.
    A crollare furono tre edifici. Uno, l’edificio n° 7 , neanche colpito dagli aerei ma solo da qualche detrito…..

    Tutto ciò si sa da 15 anni. Nel dettaglio. Più altre mille cose, sul Pentagono, ecc.ecc.

    Pensavo neanche ci fosse più bisogno di parlarne….

  • Biloslavo pur essendo molto preparato e chiaro nell’esporre ciò che conosce ed ha affrontato durante le sue esperienze di lavoro, è molto chiuso e non accetta opinioni che non siano in linea con le convinzioni che si è formato. Mazzucco ha esposto altrettanto chiaramente la sua tesi e ciò che afferma mette dubbi forti su ciò che è successo realmente ma è talmente forte che faccio fatica a credere che gli americani possano aver provocato tutto questo in casa loro. l’atteggiamento di sfottò di Biloslavo, però, mi ha infastidito e tutto sommato mi sento di dare ragione a Mazzucco…

  • Una gradita discussione purtroppo la nuova generazione di giornalisti sono stati indottrinati al pensiero unico non hanno impulso critico, vedono solo dritto non guardano ne destra ne sinistra tantomeno volgono lo sguardo all’ indietro.

  • Il punto relativo all’organizzazione dell’attentato, in effetti, è un po’ delicato, però, anche avendo visto il film di Mazzucco sull’11 settembre, e le sue risposte ai “debunker”, trovo che la versione ufficiale non stia in piedi. Pertanto, se l’incontro è sulle 15 riprese, il mio verdetto è: vince Mazzucco ai punti per 14-1. (La professione di fede di Biloslavo nella versione ufficiale comporta un conteggio).

  • Mi dispiace per Biloslavo ma Mazzucco vince 10 a 1.
    Non mi piace chi interrompe in continuazione la persona con cui si dovrebbe confrontare: è maleducazione e mancanza di coraggio di ascoltare e prendere in considerazione opinioni diverse dalle proprie, cioè non voler ammettere, per una decisione a priori, che potrebbe esserci dell’altro oltre quello di cui si è convinti.
    Anche io non sono un tecnico ma la caduta delle torri è la replica di tante demolizioni controllate viste in precedenza e dopo: non ci sono sbavature, si accartocciano su se stesse, tutto cede in modo perfettamente simmetrico …anche l’edificio 7 non colpito dagli aerei.
    Inoltre Biloslavo non può pretendere da Mazzucco la spiegazione dei retroscena: ha dimostrato che la versione ufficiale non sta in piedi e non ha avuto il coraggio di prenderne atto.
    Pazienza per Biloslavo: dovrebbe essere un po’ più smaliziato …secondo me.
    Conosco tante persone che non riescono a credere a versioni diverse da quelle ufficiali, e capisco che può essere terrificante pensare che esistano poteri che decidono di uccidere a freddo migliaia di persone per avere l’appoggio della opinione pubblica mondiale per fare guerra a chi gli da fastidio …però i miei conoscenti non sono giornalisti che hanno frequentato teatri di guerre.
    Complimenti a Mazzucco anche per la pazienza nel sopportare le continue interruzioni e deviazioni dalle sue argomentazioni con domande assurde su aspetti che nessuno di noi è in grado di conoscere e su cui si possono fare solo supposizioni: ma Mazzucco, giustamente, parla solo di cose che può documentare.

  • Ammiro la lucidità ( e la pazienza) di Massimo Mazzucco. Biloslavo è l’ esempio perfetto di chi si fida (ciecamente, proprio in senso letterale) di ciò che viene detto da chi ha il potere

  • mazzucco 10’a zero al giornalista biloslavo al soldo degli americani…si e’ arrampicato sugli specchi del suo gonfio Ego…penso che in guerra questo giornalista sia andato solo sugli uffici
    stampa dove il militare arriva con I fascicoli fatti pronti x inviare ai giornali ocidentali finanziati dai soliti ignoti! forza mazzucco…super educato forse troppo!

  • Grande Mazzucco!
    È impossibile far cambiare idea a qualcuno, quando, il suo stipendio è dipeso proprio dall’aver quell’ idea!

  • Ottimo confronto, ben moderato. Mazzucco molto maturato e paziente, forse perché è conscio di conoscere molto bene la materia e di avere dalla sua la comprensione di certe dinamiche mediatiche, che probabilmente Biloslavo non ha,
    Biloslavo già molto più educato e disponibile di molti altri debunker (lo metto per comodità in questa categoria), ma quando il gioco si è fatto un po’ più duro è scaduto un po’ nel qualunquismo e nel ragionamento per assurdo, che non sono armi di grande qualità in dibattiti come questo. Sorvola colpevolmente sulla questione tecnica. Non si può derubricare tutto a “non credo che gli americani se la siano fatta da soli, quindi non è vero”. Sarebbe come se scrivessi un paper scientifico in cui dico di aver trovato il modo di tramutare il piombo in oro, ma nello stesso paper affermo che l’acqua che serve per la trasmutazione deve bollire a 80 gradi. Non è scientificamente né tecnicamente possibile. Punto. E su quello si dovrebbe (anche) ragionare e non sul fatto che ti porto un pezzo d’oro e tu mi credi solo perché ti ho detto che l’ho ottenuto dal piombo.
    Vince Mazzucco e direi anche in larga misura. A Biloslavo si concede comunque l’onore delle armi, nonostante alcune interruzioni di troppo e qualche risatina sarcastica totalmente fuori luogo.

  • Potrei scrivere molto.
    Sono un ingegnere, sono un insegnante e qualsiasi evento fisico (anche il più complesso), può essere spiegato e capito nella sua pienezza a patto che esista la disponibilità a farlo.
    Per quanto riguarda la capacità di dibattere credo che non esistano dubbi tra i due ospiti.
    La “buona educazione” non consiste tanto nel “non interrompere”, ma soprattutto “a domanda rispondere”!!!
    Non si risponde mai con una domanda. Si risponde, punto! Poi si pone un’altra domanda.
    Altrimenti non si va da nessuna parte.
    Questione di quoziente di intelligenza.
    Grazie

  • Mazzucco stravince a mani basse x me….Se non puoi contestare le sue domande con argomenti validi tanto vale rispondere che le torri son crollate perche’ le hanno progettate e costruite male….

  • Biloslavo è stato veramente scarso. Lo scarso Attivissimo in confronto sembra Cicerone.
    Mazzucco è stato davvero paziente, sulla competenza non c’è alcun dubbio. Quando si partecipa ai confronti occorre essere preparati e Biloslavo è evidentemente un giornalista che non ha approfondito e si è presentato anche logicamente non in grado di essere all’altezza del dibattito.
    Bella iniziativa ma perdita di tempo per chi conosce come si sono svolti i fatti e ha visto un documentario di Mazzucco o ha letto un libro di Chiesa.
    La prossima volta vorrei vedere Mentana o Travaglio con Mazzucco, ma temo non saranno disponibili.

  • Io posso solo dire che Biloslavo usciva sempre di tema, irrispettoso, presuntuoso come nessuno! E in molti casi non ha risposto alla domande fatte da Francesco e da Mazzucco, ma scadendo nelle sue e solo sue personalissime convinzioni, in frasi fatte, o addirittura rispondendo con domande e buttandola in teorie fantascientifiche, in caciara e in Complottismo!
    Grazie a Byoblu con questa intervista interessantissima sono ancora più convinto che quel governo Americano abbia pianificato, studiato nei minimi dettagli e particolari, e, attuato tutto questo! Tutto il mio rispetto per Mazzucco per aver fatto arrampicare sugli specchi Biloslavo, (.asservito e credente del buon sistema Imperialista e Capitalista Americano!) con compostezza, intelligenza, rispetto e osservazioni più che importanti e necessarie..

  • Gent. sig. Mazzucco,
    premetto di essere un suo affezzionato e attento ascoltatore, e la seguo da parecchi anni, sui vari canali internet, oltre ad aver acquistato da lei il suo pacchetto DVD, che contiente anche quanto da lei raccolto in 12 anni sull’11/settembre.
    Siccome credo molto nella sua versione e non solo, credo anche che lei sia una persona intelettualmente onesta, le confesso che sono rimasto amareggiato dal suo incontro con quella sottospecie di giornalista.
    Secondo me lei non è stato sufficientemente convincente e non ne è uscito vincente da questo incontro, e questo mi dispiace per due motivi, il primo perché credo lei abbia ragione al di là di ogni ragionevole dubbio e il secondo perché lei è caduto nel tranello delle gabbie mentali di Biloslavo.
    Mi spiego meglio io conosco bene la psiche umana, perché da 35 anni lavoro in psichiatria nell’ambito amministrativo, e anche se sono solo un ragioniere, però vedo fin troppo bene quando uno gioca sporco (l’avversario intendo). Provi a parlare con il dr. Scardovelli, che penso conosca, gli faccia vedere questo filmato, e si faccia spiegare bene perché lei non ha nemmeno scalfito le ferree convinzioni di un “ossessivo” come Biloslavo. Gradirei sapere cosa ne pensa.
    Cordialità.
    Andrea Arrobbio

  • Mazzucco ha vinto 100 a zero. Biloslavo era impreparato. Mazzucco è documentato e fa domande precise, Biloslavo (forse) conoscerà parte di quanto sta dietro a tutti questi misfatti, ma relativamente alla dinamica che ha fatto crollare le due torri gemelle fa un atto di fede nella versione ufficiale mi sembra puerile portare come prova la confessione di Bin Laden o di quel suo aiutante in prigione e torturato da venti anni.
    Per il futuro sarabbe bene che Byoblu, prima di mettere a confronto due teorie diverse o contrapposte, si accertasse che le persone invitate conoscano bene la materia e non vadano per farfalle come ha fatto Biloslavo.
    Per quanto riguarda il tipo di trasmissione (“Il ring”) è una trasmissione che può aiutarci a capire allargando il nostro orizzonte di conoscenza. Bravi. Continuate

  • il cittadino che accetta sempre la versione ufficiale dei fatti,a prescindere da ogni altra considerazione,in realtà aiuta l’aumento di velocità della diffusione di luoghi comuni o l’oblio di fatti socialmente insopportabili.In definitiva si accontenta della menzogna per paura di scoprire verità disumane

  • Adesso e’ sicuramente piu’ chiaro a tutti la qualita'(media?)del giornalista medio ufficiale!
    Incapacita’ logico cognitiva o malafede manifesta?L’unico vero dubbio che rimane!

    • direi la terza ipotesi, cioe entrambe le possibilita. Essendo incapace di logica cognitiva, pur di lavorare accetta di farlo in malafede al servizio del padrone

  • Se mi scusate, volevo aggiungere un particolare che rafforza la tesi della demolizione controllata (se ce ne fosse bisogno semplicemente guardando i filmati).
    Questa considerazione, tra l’altro non richiede il ricorso alla legge della conservazione dell’energia, di cui tutti dicono di spaventarsi per non volerla accettare (con la scusa che “non sono ingegneri”, categoria di cui non comprendono probabilmente nemmeno la natura).
    Voglio dire che, la probabilità che una torre di 450 metri di altezza, 68 metri x 68 metri di base, danneggiata in modo casuale e specialmente con un urto laterale (ammesso che sia significativo quello degli aerei) cada su se stessa e non, almeno parzialmente, di lato, è praticamente inesistente.
    Credo che questo lo capisca anche un bambino.
    Detto diversamente.
    Quali sono le probabilità che tre grattacieli di ferro nel giro di poche ore nello stesso luogo del mondo, crollino (e questo è già impossibile per il solo effetto del fuoco) esattamente su di loro stessi senza il minimo sbandamento laterale?
    Questo lo dovrebbe capire anche un giornalista di guerra che se vedesse un grattacielo colpito da un missile lateralmente ad un quinto dalla sua sommità, afflosciarsi invece su se stesso, qualche domanda dovrebbe farsela anche se non è un ingegnere!!! Invece scriverebbe “caduto verticalmente per effetto laterale di un missile”, mah?!
    Quando si dice “la fantasia”.

  • Ma veramente Biroslavo è un giornalista?
    Perchè allora io sono mago merlino. Un uomo senza dubbi e senza spirito critico perché ha visto una carlinga in un campo in Afganistan? Che amarezza.

    • evidentemente è convinto che ripetendo mille volte durante il confronto che la versione ufficiale è quella vera automaticamente dimostra che è vera. diciamo che il metodo è conosciuto e ampiamente usato. tuttavia appare solo fastidioso quanto una mosca.

  • Secondo me Massimo è stato troppo onesto (o ingenuo) a voler domandare (lo fa diverse volte) in modo diretto a Fausto la sua opinione su tale o tal altro fatto, proprio mentre sarebbe toccato a lui parlare. Un errore dovuto alla speranza che si potesse instaurare un vero dialogo e ragionare: ma con una persona nutrita e oliata dal mainsteam NON si può ragionare. Biloslavo non è disposto a mutare le idee sul nine eleven per la semplice ragione che da quelle idee trae il proprio sostentamento. Mi spiace solo che uno lo Shaikh Msssud abbia incontrato tre volte, per qualche mezzora, questo portaborse del mainstream, abile a procurarsi mestiere riparandosi dietro gonnelle yankee o qualche casco bianco. Tutti i giornalisti di guerra sono collaborazionisti, o di una o dell’altra parte. Non esiste la possibilità di essere obbiettivi, altrimenti, sul campo, col katz che ci vai…

  • Mazzucco tutta la vita, Biloslavo ha fatto una pessima figura, ci mancava solo che citasse come fonte ufficiale per le sue tesi la parrucchiera o il cugino!!!

  • Mazzucco un gigante , mi chiedo ancora come abbia accettato un confronto con tale Biloslavo che per aver visitato l’afghanistan crede di essere il latore della verità, poverino soffre di ipertrofia dell’io..caro Claudio Messora il buon Mazzucco deve volerti veramente bene, perchè io al posto di Mazzucco appena apriva la bocca quel ragazzino ,mi alzavo e lasciavo il campo, non per codardia ma per evitare che chi ascolta potesse pensare che Mazzucco fosse uno sprovveduto come biloslavo, che era amico di ogni talebano e di ogni terrorista di questo mondo per questo lui sa tutto. poveretto ,ma la cosa grave è che lo pagano come giornalista…caspita che culo

  • Non mi piacciono questi duelli quando si tratta di informazione. Sembra di stare nei soliti talk show aggressivi delle TV generaliste, mirati a fare audience. Una perdita di tempo, una umiliazione per chi è costretto a “duellare” e per chi assiste, senza ricavarne nulla. Da molto tempo ho sostituito la Tv con internet, privilegiando l’informazione indipendente, in primis Byoblu, dove seguo con grande interesse notizie, commenti, opinioni di personalità che difficilmente si possono conoscere e seguire altrove, e che mi aiutano a ragionare con la mia testa. Dal confronto con i due protagonisti non è uscito niente che già non si sapesse, almeno per coloro che sono già informati sui dubbi sollevati da Mazzucco e sulle certezze di Biloslavo. Così, come nel precedente “Massoni e servizi”. Mi piaceva molto, invece, l’impostazione precedente, con ospiti qualificati, forse un po’ troppi per riuscire ad approfondire tematiche scottanti, ma è soltanto questione di equilibrio e di ritmo che trovo un po’ troppo frettoloso, almeno per i miei gusti. Comunque, capisco i vostri sforzi e mi piacerebbe continuare a seguirvi, come sto facendo, senza perdere una sola puntata. Spero che rimaniate un punto di riferimento indispensabile. Grazie per il vostro preziosissimo impegno.

  • Traggo insegnamento da Marcello Foa ne “Gli stregoni della notizia”: al vertice della piramide dell’informazione ci sono le fonti a larga maggioranza istituzionale rappresentato dalle agenzie di stampa internazionali in cui operano comunicatori corretti e comunicatori che lavorano per “influenzare” l’opinione pubblica. Seguono a cascata grandi testate americane, agenzie europee e giù fino ai Bivoslavo di turno che con tanto ego e poco giornalismo accettano fideisticamente la versione ufficiale. Mazzucco vince per KO tecnico 🙂

  • è assolutamente ridicolo, nonché inutile, effettuare un confronto tra due persone su uno specifico argomento quando poi uno dei due parla di tutto fuorché dell’argomento in questione. è come se parlando di una partita di calcio tra Juventus e Inter uno dei commentatori affermasse che la vittoria della Juventus è assolutamente giusta e corretta perché la Juventus è indiscutibilmente superiore. il tutto senza mai parlare della partita stessa. se sim deve commentare la partita si parli di quella e non di altro.

      • Probabilmente aveva delle aspettative di un confronto su elementi che non sono da condividere o controvertire ma semplicemente da verificare e assumerli come base di partenza per fare delle considerazioni. E’ ovvio (forse a posteriori) che se si prende per Vangelo la versione ufficiale anche quando questa non evidenzia o non tiene in considerazione elementi logici, scientifici, di buon senso, ma li sovverte e li addomestica ad una versione che non è replicabile ogettivamente, forse qualche dubbio da porsi dovrebbe coesistere anche per chi crede in buona fede. Avevo anch’io delle aspettative da questo confronto ed anche se gli elementi portati da Mazzucco mi convincono della falsità del rapporto, avrei appprezzato che Biloslavo mi avesse dato qualche elemento per approfondire meglio la lettura degli elementi sul tavolo e non farmi dare tutto per scontato.
        Non è stato un confronto, almeno da una parte, ma un tentativo di denigrazione del lavoro fatto dalla controparte che potrà pure aver tratto conclusioni discutibili ma ottenute da un’analisi oggettiva dei fatti attraverso la lente del sapere condiviso mai smentito dalla scienza o dalle esperienze di esperti del settore che dopo l’11 settembre non ha ritenuto che leggi fisiche potessero essere lette differentemente.
        Propongo (e vero che tutto dipende dai partecipanti) che se eventualmente si volesse ripetere l’esperienza di un confronto tra parti così distanti, siate voi a fare una scaletta delle domande da consegnare prima ai partecipanti. Ognuno da la sua risposta, voi fate una sintesi, ed infine lasciate che ognuno commenti le risposte dell’altro nei temi su cui ritengono di intervenire. Comunque, anche se fondamentalmente rispetto l’argomento, non si è aggiunto nulla di nuovo, può risultare istruttivo anche il tipo di approccio che ogni interlocutore adotta e darne ugualmente una misura che rafforza o deprime la tesi sostenuta.
        Non darò un punteggio sulle persone ma posso dire se Biloslavo correva per deprimere la sua, ha ottenuto un ottimo risultato.
        Buon Lavoro

  • Ma Biloslavo ci fa o ci è? Questi sono i giornalisti che ci sono in giro? Più che venduto sembra proprio cretino…

  • Ho cercato di vedere questo pseudo dibattito surreale sull’11 settembre. Premesso che la mia opinione é concordante con quella di Mazzucco, solidamente fondata nella mia menta da vari anni, la mia qquestione é questa. E mi rivolgo a Messora e ai suoi collaboratori.
    Se si vuole fare della vera informazione alternativa ai media diciamo di regime, massificati, e allineati al pensiero unico, se si vogliono dare elementi di riflessione e notizie che vengono uccise e soffocate altrove aoora qual’é il senso di questi pseudo dibattiti dove si invitano personaggi che rappresentano il regime il sistema, persone che sono vendute al potere, come già testimoniava Ufklotte anni fa e non solo. Per rifare dei talk show stile mediaset o rai oi la 7 , di quelli che occupano quotidianamente i palinsesti televisivi non serve creare una tv su internet, basta già quella ufficiale. Allora per uscire da questi schemi di politicamente corretto, di pseudodemocrazia di pseudodibattito ad un certo punto bisogna essere coscienti ed accettare il fatto che certe persone non hanno il diritto di fare la loro propaganda su certi canali, se vogliono la possono fare su altri canali come già fanno da anni o decenni. Perché altrimenti l’alternativo, Bio Blu diventa l’equivalente della vita in diretta. E secondo me se non si supera questo ostacolo non si va oltre questo titpo di tv e di (pseudo) informazione non porterà mai nulla di nuovo se non uno sterile dibattito. QUindi gente come Bardi Biloslavo sono per una tv come bioblu dei tumori maligni che uccidono la tv stessa, la riducono ad uno scatolone propagandistico e nauseabondo. NOn ho tempo per soffermarmi ulteriormente e quindi chiudo qui. Ma vorrei che Messora riflettesse bene sulle mie osservaztioni e sulla direzione che vuole dare alla sua Tv , se vuole che diventi un faro, una luce e una guida o si trasformi in una cloaca come tante.

  • Possibile che Mazzucco non prenda in considerazione il lavoro della Dott.ssa Judy Wood, probabilmente il lavoro più importante in merito all’11/09
    https://www.youtube.com/watch?v=5mZAbSV9scs&t=4s

    Non mi stupisce, ascoltando le sue parole:
    “Preferisco essere chiamato complottista e stare nelle mie convinzioni dettate dall’evidenza e dalle prove a portata di mano di chiunque, al giorno d’oggi, piuttosto che essere ritenuto un idiota che crede a certe cose assurde, imbecilli, propinate, che non stanno in piedi, …. valutarmi un essere imbecille non mi va”. Massimo Mazzucco

Top