LE FORZE POTENTI CONTRO L’INFORMAZIONE DEL POPOLO – Giulietto Chiesa

di Giulietto Chiesa

Non è una sorpresa che forze molto potenti, guidate da gruppi di Proprietari Universali, stiano cercando di imporre nuove regole collettive al genere umano: quelle che corrispondono ai loro interessi immediati.

Queste forze dispongono di veri e propri eserciti di propagandisti, influencer, giornalisti, intellettuali, scrittori, docenti, tutti a libro paga, diretto o indiretto. E dispongono — essendo proprietari di quasi tutti gli strumenti principali di diffusione della informazione/comunicazione/spettacolo — del monopolio, quasi assoluto, delle idee che raggiungono le grandi masse popolari.

Con l’aggravarsi della crisi mondiale (economica, sociale, politica) — da essi procurata — questi gruppi, sia perché temono di perdere il loro dominio, per ora relativo, sia perché sono incalzati da eventi da loro non più controllabili, stanno affrettando i tempi della loro offensiva.

Un attacco coordinato e sistematico contro il pluralismo delle idee, contro gli interessi dei popoli, è in atto da tempo. Ed è costituito dal tentativo di estendere una vasta area di censura contro tutte le voci dissenzienti, contro tutti gli strumenti di comunicazione. Inclusi quelli che loro stessi hanno messo in funzione alla scopo di manipolare le grandi masse del pianeta, ma che sono diventati, loro malgrado, contemporaneamente sorgenti di pensieri, informazioni esigenze, interessi, che si contrappongono a quelli dei Padroni Universali.

La censura di fine globalizzazione è variegata, complessa, avviene in forma subdola e indiretta, si avvale delle tecnologie più sofisticate, si copre di vesti solo apparentemente legali, agisce subliminalmente, si ammanta di un consenso sociale. Ma sta diventando anche poliziesca e violenta.

È chiaro che il risultato terminale che essi si propongono è la fine dello Stato di Diritto e di tutte le libertà Costituzionali ancora esistenti nei paesi occidentali.

Bisogna difendersi. Una difesa individuale risulterà in una sconfitta collettiva. Dunque occorre, prima di tutto, che tutti coloro che combattono il pensiero unico agiscano collettivamente. Cioè che rispondano insieme e che si dotino di strumenti tecnologici comuni.

In secondo luogo è indispensabile che l’informazione e la comunicazione che essi producono sia solida e esente da punti vulnerabili.

In terzo luogo sarà necessario coinvolgere i più ampi settori di opinione pubblica e renderli consapevoli che una qualunque forma di censura generalizzata sarà la fine di ogni diritto.

Restiamo in contatto qualsiasi cosa succeda, iscriviti alla mailing list di Byoblu: https://go.byoblu.com/Newsletter

Segui tutti gli aggiornamenti di Byoblu24: https://go.byoblu.com/24


Teniamo aperto Byoblu anche a marzo!

€57.316 of €40.000 raised

Grazie a voi stiamo producendo tante trasmissioni ogni giorno. Abbiamo un Tg, un TgTalk, facciamo tante interviste e riusciamo anche a riprendere i convegni che dovreste proprio vedere. Stiamo lavorando a una tv che sia dei cittadini. Avrà un palinsesto, andrà tutta in diretta, si potranno rivedere i programmi, andrà anche sul digitale terrestre. Sarà di tutti e per tutti.

Adesso bisogna raccogliere questa sfida: dimostrare che la Tv dei Cittadini sta in piedi da sola, ogni mese, senza l’aiuto di gruppi di potere organizzato, di interessi di parte o della politica. In televisione, per fare una sola puntata alla settimana ci vogliono decine di giornalisti e decine tra tecnici e registi. Ogni mese, per una sola trasmissione spendono centinaia di migliaia, se non milioni di euro. Noi invece siamo in undici, poi ci sono gli affitti, i servizi, le utenze, i materiali che si consumano, quelli ancora da comprare… ma Byoblu costa solo 40 mila euro al mese. Come ci riusciamo? Lavoriamo con passione, dalla mattina alla sera, e non sprechiamo nulla.

Siamo in centinaia di migliaia di persone a guardare ogni giorno Byoblu. Già così è un’impresa storica: trecentomila iscritti su Youtube, centinaia di migliaia sugli altri social network, centodieci milioni di video visti, ma nessuno ne parla: questa è la dimostrazione che siamo veramente liberi. E adesso stiamo costruendo le App: potrai vedere Byoblu (e non solo) sul tuo smartphone, sui computer, sui tablet e sulle smartTv. Manca poco ormai!

Non ti basta per deciderti ad essere dei nostri? Aiuta la nuova televisione dei cittadini a trasmettere anche questo mese. La tua generosità sarà ricompensata.

Grazie!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

FG

FERRARI GIANLUCA

€50,00 30 March 2020

Ti sono molto grato per il lavoro che fai. Mi hai fatto incontrare persone che mi hanno aperto nuovi orizzonti.

TB

Thomas Bertuccioli

€15,00 30 March 2020

Continuate così! ..date molta speranza e vi ringrazio dal profondo del cuore

SS

Sandro Scalercio

€10,00 30 March 2020
AA

Alessandro Angei

€15,00 30 March 2020
DR

Davide Rinaldi

€15,00 30 March 2020
R

Roberta

€25,00 30 March 2020
AM

Anonimous Mazzo

€15,00 30 March 2020

Stima profonda per il lavoro che state facendo. Grazie

Anonymous User

Anonimo

€25,00 30 March 2020
M

Maria Chiara

€15,00 30 March 2020

Grazie!!!!!

PM

Paolo Melis

€50,00 30 March 2020

Grazie!

VS

Vittorio Schiavone

€15,00 30 March 2020
CV

Claudio Viero

€10,00 30 March 2020
FD

Francesca Delli Turri

€10,00 30 March 2020

Credo nell'articolo 21, odio giornali e TV generaliste (non possiedo nemmeno il televisore e non guardo la TV da 21 anni), voglio un'informazione affidabile alternativa. Grazie per tutto quanto state facendo.

Anonymous User

Anonimo

€15,00 30 March 2020
DM

Davide Matesic

€25,00 30 March 2020

Siamo con voi

Anonymous User

Anonimo

€20,00 30 March 2020
Anonymous User

Anonimo

€15,00 30 March 2020
Anonymous User

Anonimo

€25,00 30 March 2020
SD

Sandra Diazzi

€15,00 30 March 2020
rm

roberto manino

€15,00 30 March 2020

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Dice bene Giulietto Chiesa: bisogna difendersi e una difesa solo individuale si tradurrà in una sconfitta. Ma come fare praticamente a lottare tenendoci uniti affinché non ci individuino e ci colpiscano singolarmente? Che fare? Come Ignazio Silone nel suo indimenticabile “Fontamara” faceva scrivere ai suoi cafoni nel loro foglio di libera informazione e resistenza all’oppressione. Che fare?

Top