ABBONATI SOSTIENI

CHI NON VUOLE NINO DI MATTEO A LOTTARE CONTRO LA MAFIA? – Giorgio Bongiovanni #Byoblu24

“Chi suggerisce che Nino Di Matteo non debba occupare posti strategici per combattere la mafia?”, a chiederlo il giornalista Giorgio Bongiovanni, direttore di Antimafia Duemila. Le considerazioni di Bongiovanni partono dalla vicenda che ha visto protagonista il magistrato Nino Di Matteo e il ministro della giustizia, Alfonso Bonafede. Nel 2018 Bonafede suggerisce per la direzione del Dipartimento amministrazione penitenziaria il magistrato, salvo poi tornare sui suoi passi successivamente. “La stessa sorte toccata a Nicola Gratteri, proposto come ministro della Giustizia da Renzi e poi accantonato dopo una telefonata di Napolitano” spiega Bongiovanni. Perché quindi a questi magistrati è impedito di andare fino in fondo alla lotta contro la mafia? #Byoblu24


  1. Iscriviti al nuovo social network di Byoblu: libero, open source e decentrato http://social.byoblu.com
  2. Restiamo in contatto qualsiasi cosa succeda, iscriviti alla mailing list di Byoblu: https://go.byoblu.com/Newsletter
  3. Segui tutti gli aggiornamenti di Byoblu24: https://go.byoblu.com/24

LA TUA GRANDE SCOMMESSA PER CAMBIARE LA STORIA

€6.277 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Top