ABBONATI SOSTIENI

MI RIFIUTO DI PERSEGUI(TA)RE I MIEI CONCITTADINI– Salvatore Baiocchi #Byoblu24

Tra l’eseguire un ordine e la propria coscienza spesso il limite è molto sottile. Tale confine si è spesso confuso in questi mesi, per questo il sito Poliziotti.it ha deciso di pubblicare una lettera in cui denuncia l’esagerazione nei controlli indiscriminati. “Mi rifiuto di mettere le mani nella busta della spesa dei miei concittadini, per controllare cosa hanno comprato e quanto hanno speso” spiega Salvatore Baiocchi, ideatore del sito. “Un ordine deve essere diretto, inequivoco e preciso. Non mi sembra che in questi mesi gli ordini abbiano sempre contenuto questi tre elementi” dice. “L’eccesso di zelo e la mancanza di una comunicazione chiara sulle regole da adottare ha contribuito a creare un senso di sfiducia e rabbia nei confronti delle forze dell’ordine” conclude Baiocchi. #Byoblu24
  1. Iscriviti al nuovo social network di Byoblu: libero, open source e decentrato http://social.byoblu.com
  2. Restiamo in contatto qualsiasi cosa succeda, iscriviti alla mailing list di Byoblu: https://go.byoblu.com/Newsletter
  3. Segui tutti gli aggiornamenti di Byoblu24: https://go.byoblu.com/24

Andiamo sul Digitale Terrestre!

46% raccolto

Non so come siamo arrivati fino a qui. Abbiamo attraversato ogni sorta di difficoltà. Hanno fatto esposti contro Byoblu. Ci hanno oscurato ben sette video. Ci hanno attaccato perfino dagli Stati Uniti (NewsGuard). C’è stato il coronavirus. Eppure siamo ancora qui, siamo ancora in piedi. In questi mesi incredibilmente duri abbiamo sempre continuato a lavorare per informarvi, perché era la cosa giusta da fare. E non è stata l’informazione a senso unico di tv e giornali: vi abbiamo davvero portati sull’altra faccia della luna. Quaranta milioni di video visti e centoquaranticinquemila nuovi iscritti tra febbraio e maggio lo testimoniano come una bandiera piantata nella pietra. Oggi siamo quasi a mezzo milione di iscritti. Più ci attaccano e più ci rendono forti. Ma è solo la forza della verità. La verità non ha bisogno di niente, se non di essere mostrata.

La Tv dei Cittadini è un successo spettacolare, e il fatto che nessuno ne parli se non per tentare di chiuderla è la vostra migliore garanzia. Così come la forma di finanziamento che abbiamo scelto: niente pubblicità, niente fondi pubblici, niente erogazioni da Soros o da Bill Gates. Solo microdonazioni diffuse! Il perché è semplice: se siete in tanti a donare o a fare l’abbonamento, nessuno potrà mai fare una chiamata e dirci cosa possiamo dire e cosa no. Ma perché siate in tanti, serve infondere fiducia: serve essere credibili, onesti, altrimenti non funziona. Spiegatelo agli altri, a quelli che hanno bisogno di milioni di euro provenienti da grandi finanziatori, per partorire un topolino. A quelli che per tentare di rendere credibili le loro balle hanno bisogno di istituire task force di Governo, perché altrimenti non riuscirebbero a convincere nessuno. A quelli che per farsi ascoltare hanno bisogno di mettere a tacere ogni altra voce, perché hanno idee deboli, e allora fanno oscurare i video dei cittadini. Con loro il finanziamento popolare non funzionerà mai, perché non sono credibili.

Ma non è finita, perché questa è una gara che non finisce mai: non si può mai smettere di correre. Adesso, cari Cittadini (con la C maiuscola), dobbiamo gettare il cuore oltre l’ostacolo, fare un altro grande salto in avanti. Siamo appena diventati una Testata Editoriale, e a giorni avremo le App tanto attese, ma dobbiamo aumentare l’organico, e dobbiamo arrivare sul digitale terrestre. Subito, non si può più attendere: già da settembre. Non esiste una scorciatoia: non c’è una via di uscita. Abbiamo sfidato il mondo e adesso dobbiamo affrontarlo, a testa alta: la Tv dei cittadini deve diventare l’ottava televisione italiana.

Già 90 mila persone hanno firmato il Manifesto del Patto per la libertà di espressione (e presto tutti riceverete istruzioni). Sosteneteci in questo sprint finale. Con un euro a testa a settembre trasmetteremo sulle vostre televisioni.

Aggiungiamo una cosa: forse non è neppure tanto importante vincere in sé e per sé, né come usciremo da questo scontro frontale contro poteri tanto forti. Quello che davvero conta, per tutti, è resistere. Nessuno è mai riuscito a resistere contro il potere. Ma se questa volta tutti noi, insieme, riusciremo a tenergli testa… E se alla fine di ogni trasmissione noi saremo ancora lì, e nessuno sarà riuscito ad impedirci di andare in onda, noi sapremo per la prima volta che i cittadini, insieme, non sono sempre e solo destinati a subire. Noi sapremo che esistiamo, e che non possiamo essere cancellati. E, quel che più conta, lo sapranno anche loro.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Si capisce che al di la della divisa ci sta un grande uomo purtoppo habbiamo visto pero‘ altro e mi domando perche‘ larma per prima non reagisce screditando chi ci vuole mettere gli uni contro gli altri. Che ne pensa del caso Musso che be penza di Sara sarei felice di avere polizziotti cosi che hanno non solo la divisa ma anche un cervello!!

  • Bello sentire un poliziotto vicino alla gente! Grazie sig Baiocchi, di tutto cuore! Ogni tanto un fascio di luce Nell oscurità, ci dà speranza che non tutto sia perso.

  • Sono con voi sono un Sott.le E.I. in pensione mi ricordo che feci un giuramento ufficiale quando presi il grado di sergente davanti a testimoni ALLA Bandiera del CORPO e al Comandante del Battaglione Se ben ricordo si dichiarava Di OSSERVARE la COSTITUZIONE ITALIANA e le sue LEGGI ,in accademia ci insegnavano che un ordine si esegue se non in contrasto alle norme costituzionali,se un ordine si ritiene che contrasta con il giuramento prestato si deve chiedere l’ordine per iscritto e rifiutarlo, chiedere rapporto al superiore dell’ufficiale che a emanato l’ordine se non si ottiene parere favorevole agire per vie legali.Ho appena visto video il blocco in una strada di Roma carabinieri che impediscono ai manifestanti di ritornare alle proprie macchine per tornare a casa è una vergognia dove il diritto di manifestare senza violenza il proprio dissenso.Mi chiedo DOVE sono i sindacati sono spariti o sono conniventi. Spero che non vengano a sequestrare i dati che conservate di noi che interagiamo con voi.Sul sito Sguardi di confine.com cercate “Prima vennero”La poesia che ci ricorda i pericoli dell’apatia politica sta succedendo ORA La poesia era indirizzata da un abate tedesco alle persone benestanti:vennero e portarono via i rom e diceste danno fastidio.vennero e …gli ebrei mi sono antipatici e vennero portarono via …… infine vennero e presero voi non c’era più nessuno che poteva difendervi.

  • Non credo a 1 parola di questa lettera.
    Le forze dell’ordine, tutte, continuano a vessare e multare i cittadini che gli pagano lo stipendio. È solo una mossa mediatica per riacquistare fiducia, che mai e poi mai avranno. Come le uova ai bambini negli ospedali date a pesqua dai carabinieri. Estremamente viscido!
    Certa gente non si pente…MAI!
    Il G8 di Genova ce lo insegna.

Share via
Top