SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

VITAMINA C? SERVE ECCOME! ALTRO CHE FAKE NEWS… – Domenico Mastrangelo #Byoblu24

È antivirale, antibatterica, antinfiammatoria e detossificante. La Vitamina C svolge nel nostro corpo tutte queste funzioni. Lo confermano i numerosi studi condotti nel corso degli anni a partire da quelli del 1930, quando fu identificata per la prima volta. Ma di questi tempi pare essersene dimenticati.  A parlare dei suoi effetti benefici su #Byoblu24 è il dottor Domenico Mastrangelo, Senior Scientist presso il dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche dell’Università di Siena.  Ma per il dottore, specializzato in Ematologia, Oncologia e Oftalmologia, questa molecola ha un difetto: “Non fa cassa, al contrario dell’uso dei farmaci verso il quale la società è sempre più spinta da un certo tipo di comunità scientifica”.  


  1. Iscriviti al nuovo social network di Byoblu: libero, open source e decentrato http://social.byoblu.com
  2. Restiamo in contatto qualsiasi cosa succeda, iscriviti alla mailing list di Byoblu: https://go.byoblu.com/Newsletter
  3. Segui tutti gli aggiornamenti di Byoblu24: https://go.byoblu.com/24

UN CANALE TELEVISIVO UNICO NAZIONALE PER I CITTADINI. LA SFIDA, ENTRO IL 10 APRILE.

€311.299 of €150.000 raised

Youtube ha oscurato il canale di Byoblu. La giustificazione? Le riprese di una manifestazione di piazza di 7 mesi. Per i cittadini, niente diritto di cronaca! Oltre mezzo milione di iscritti costruiti in 14 anni di sacrifici andati in fumo. Duemila interviste a giudici della Corte Costituzionale, politici, economisti, magistrati, avvocati, giornalisti, intellettuali, duecento milioni di visualizzazioni video, tutti i vostri commenti, tutte le vostre condivisioni… tutto andato in fumo!
Abbiamo la possibilità di acquistare un canale nazionale sul digitale terrestre, in una buona numerazione, a un prezzo molto al di sotto del valore di mercato. Servono poco meno di 150 mila euro, e poi Byoblu e DavveroTV entreranno nelle case di tutti gli italiani, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta. Bisogna raggiungere questa cifra entro il 10 aprile. Se ci state, se accettate la sfida, fate la vostra donazione ed entriamo, tutti insieme, nella storia, dalla porta principale.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

9 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ..ahime…fa cassa anche la C o perlomeno nella sua estrazione non perfettamente e prettamente naturale ..in farmacia nel periodo iniziale(ovvero primi di marzo) in piena follia da terrore…la dompè è andata in rottura di stock con il suo cebion ..abbiamo avuto difficoltà nel reperire anche l acerola….quindi si..grande consumo c è stato ma anche grandi introiti(certo non paragonabili minimamente al lavoro lucroso di big pharma)..

  • Complimenti per l intervista e la chiarezza del medico,
    Io assumo già da anni , 3 grammi al di .
    Ma non trovo a buon prezzo come il collega riferisce la suddetta Vit.C

  • Come sempre una preziosa intervista in cui si parla con lucidità, serietà, competenza e onestà intellettuale.
    Condividendo (per quanto possa essere rilevante) il 98% di quanto affermato dal prof. Mastrangelo, di cui peraltro avevo già accennato in altri commenti, vorrei soffermarmi, per puro interesse personale, su alcuni aspetti della vit. C. Ancora c’è qualcosa che stona e non mi torna. Un grande biologo e genetista , Theodosius Dobzhansky, sosteneva nel 1973: “nulla in biologia ha senso se non alla luce dell’evoluzione “. Ebbene, l’idea che l’essere umano si sia evoluto e, comunque la si pensi, abbia affrontato e superato con successo le devastanti prove a cui si è dovuto sottoporre , oberato da un cronico e abissale deficit di di vit. C che non poteva trovare nell’ambiente ( in assenza di qualcuno che gliela prescrivesse) mi lascia confuso. Non ci sono dubbi sulla straordinaria e molteplice utilità della vit. C, ma proprio questo rende la cosa ancora più strana. Potremmo sopportare la carenza di qualcosa di superfluo, ma non qualcosa di così importante. Se la natura non ha provveduto a meccanismi di produzione endogena (come per altre importanti sostanze) o o di produzione batterica (come per altre importanti sostanze), significa che poteva trovarne a sufficienza nella natura stessa.
    Ora, come ha confermato il prof. Mastrangelo nell’intervista, tutte le prove riguardo l’utilità di megadosi di Vit. C (perchè di questo sto parlando) riguardano il TRATTAMENTO DI PATOLOGIE (oncologiche….) ma non vi sono studi (che io sappia) che riguardano l’assunzione di megadosi in soggetti sani seguiti per lungo tempo ( perchè il ragionamento prevede la somministrazione a vita). Per quanto riguarda l’umile esperienza personale, ho verificato che il trattamento o meno, in trent’anni di attività, di atleti (anche di elevatissimo livello) non ha mostrato quelle differenze significative nei risultati che avrebbero dovuto delinearsi a conferma di una megacarenza. Ed in effetti nessuno studio scientifico di qualità, ripetuto e confermato (chi mastica di studi scientifici mi ha capito) ha mai soddisfatto in questo senso. Tra l’altro il business degli integratori sportivi ha numeri elevati e non ha farmaci costosi come competitors.
    Comunque mi conforta che anche Mastangelo concorda che la somministrazione di megadosi debba essere PERSONALIZZATA (e la medicina personalizzata DEVE essere il futuro della medicina) ed affidata a persone competenti (oggi tale compito è spesso affidato ad allenatori e personal trainers).

  • Come sempre una preziosa intervista in cui si parla con lucidità, serietà, competenza e onestà intellettuale.
    Condividendo (per quanto possa essere rilevante) il 98% di quanto affermato dal prof. Mastrangelo, di cui peraltro avevo già accennato in altri commenti, vorrei soffermarmi, per puro interesse personale, su alcuni aspetti della vit. C. Ancora c’è qualcosa che stona e non mi torna. Un grande biologo e genetista , Theodosius Dobzhansky, sosteneva nel 1973: “nulla in biologia ha senso se non alla luce dell’evoluzione “. Ebbene, l’idea che l’essere umano si sia evoluto e, comunque la si pensi, abbia affrontato e superato con successo le devastanti prove a cui si è dovuto sottoporre , oberato da un cronico e abissale deficit di di vit. C che non poteva trovare nell’ambiente ( in assenza di qualcuno che gliela prescrivesse) mi lascia confuso. Non ci sono dubbi sulla straordinaria e molteplice utilità della vit. C, ma proprio questo rende la cosa ancora più strana. Potremmo sopportare la carenza di qualcosa di superfluo, ma non qualcosa di così importante. Se la natura non ha provveduto a meccanismi di produzione endogena (come per altre importanti sostanze) o o di produzione batterica (come per altre importanti sostanze), significa che poteva trovarne a sufficienza nella natura stessa.
    Ora, come ha confermato il prof. Mastrangelo nell’intervista, tutte le prove riguardo l’utilità di megadosi di Vit. C (perchè di questo sto parlando) riguardano il TRATTAMENTO DI PATOLOGIE (oncologiche….) ma non vi sono studi (che io sappia) che riguardano l’assunzione di megadosi in soggetti sani seguiti per lungo tempo ( perchè il ragionamento prevede la somministrazione a vita). Per quanto riguarda l’umile esperienza personale, ho verificato che il trattamento o meno, in trent’anni di attività, di atleti (anche di elevatissimo livello) non ha mostrato quelle differenze significative nei risultati che avrebbero dovuto delinearsi a conferma di una megacarenza. Ed in effetti nessuno studio scientifico di qualità, ripetuto e confermato (chi mastica di studi scientifici mi ha capito) ha mai soddisfatto in questo senso. Tra l’altro il business degli integratori sportivi ha numeri elevati e non ha farmaci costosi come competitors.
    Comunque mi conforta che anche Mastangelo concorda che la somministrazione di megadosi debba essere PERSONALIZZATA (e la medicina personalizzata DEVE essere il futuro della medicina) ed affidata a persone competenti (oggi tale compito è spesso affidato ad allenatori e personal trainers).

  • Ho un dubbio perché una persona sana che mangia adeguatamente non riesce ad assumere sufficiente vitamina C naturalmente?
    Grazie

  • Nel rivedere il servizio mi sono accorto di altri aspetti decisamente opinabili.
    Poi “mi taccio”.
    1- Ogni sostanza con effetti biologici diventa farmaco, anche sotto l’aspetto medico-legale, oltre certe dosi; è da Paracelso che chi si occupa di arte medica sa che “è la dose che fa il veleno”. Ora, non può essere buona pratica medica individuare la dose di un farmaco prendendone sempre di più finché l’organismo ti dice che “è troppo”. In realtà è pericoloso. Se qualche lettore decidesse di verificare qual’è la giusta dose, anche solo della “innocua” acqua, con lo stesso metodo, andrebbe incontro a intossicazioni, anche molto pericolose.
    2- L’obiettivo, oserei dire il sogno, poco etico e molto rimunerativo della filiera farmaceutica è quello di “curare” i sani. Il che amplierebbe il loro dominio a tutta la popolazione planetaria. Non può essere l’obiettivo del medico (“primum non nŏcēre”). Non vorrei che, anche involontariamente, introduciamo di soppiatto pratiche maliziose (vedi rana bollita di Chomsky). Comunque: prudenza!
    3- A volte la manipolazione avviene anche involontariamente. Quella volontaria può essere riferita allo spostamento di virgole nel discorso di Sara Cunial alla Camera, quella involontaria è mostrare nella grafica di presentazione dell’intervista, la frutta che contiene la vit. C, mentre nel servizio viene detto chiaramente che, per ottenere gli effetti, agrumi & co. non servono a niente. Sarebbe stato più corretto mettere una foto di pillole e polverine varie sotto la scritta “vero”. Io, personalmente in questo contesto (pillole), ma non in quello precedente (frutta), aggiungerei a quella scritta un punto interrogativo.
    Mi taccio.

  • Questo video è stato oscurato da YouTube. Perché sul blog c’è un link a YouTube? Il vostro sito internet dovrebbe esistere in modo indipendente dalle piattaforme dei fascisti

Share via