ABBONATI SOSTIENI

IL GOVERNO DEL “IO SÒ IO, E VVOI NUN ZETE UN [email protected]!” ALBERTO BAGNAI sul Decreto di Conte #Byoblu24

«Gli Stati Uniti d’Europa equivalgono ad un accordo per la spartizione delle colonie, ma in regime capitalistico non è possibile altra base, altro principio di spartizione che la forza». Queste parole del compagno Lenin un tempo vi appartenevano, prima della vostra involuzione culturale. Vi invito a rifletterci“. Sono le parole del Senatore della Lega Alberto Bagnai, che è intervenuto oggi in Parlamento sulla conversione in legge del decreto del Governo del 25 marzo 2020, n.19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Bagnai critica poi la decisione del Governo di porre la fiducia sul voto: “Questo Governo si adopera per escludere sistematicamente il Parlamento, espressione della sovranità che appartiene al popolo, dal circuito decisionale della nostra democrazia. Oggi stiamo discutendo la fiducia su un decreto dal contenuto assolutamente opinabile, ma che almeno un merito ce l’ha: quello della concisione. Se non sbaglio, mal contati, sono sei articoli. Su sei articoli emessi il 25 marzo scorso, il Governo non è stato in grado di assicurare a questo ramo del Parlamento un esame degno di questo nome e si trova costretto a mettere la fiducia.”

Passando ancora al “mirabolante «Decreto Rilancio»“, che presenta ben 266 articoli, il Senatore aggiunge che mette il Governo “sul podio di un triste primato, quello del provvedimento legislativo più complesso e farraginoso della storia parlamentare italiana, battendo se stesso, perché questo record finora era detenuto dal «Cura Italia»“.

Leggendo l’articolato, che in filigrana assomma a 260 pagine, Bagnai cita quindi il sonetto del 1832 “Li soprani der monno vecchio” (I sovrani del mondo antico): «C’era una vorta un Re cche ddar palazzo mannò ffora a li popoli st’editto: Io sò io, e vvoi nun zete un cazzo!».

L’editto di questo grazioso «Sovrano del mondo vecchio»” aveva in comune una cosa con il nuovo “editto di Conte“. Per Bagnai sono “entrambi immofidicabili: non è tecnicamente possibile emendare un provvedimento di queste dimensioni“. E “i cittadini devono sapere che emettere un omnibus di 266 articoli significa di fatto impedire alle Commissioni di merito di approfondire i singoli provvedimenti, al netto di qualche mancetta. Significa di fatto sprangare il Parlamento e costituire un Governo esclusivamente di task force“.

Al termine Alberto Bagnai conclude addebitando a Conte di avere mancato di “annunciare la cosa fondamentale, che avrebbe attuato – senza annunciarlo – quel progetto di aggressione e di esautorazione della democrazia rappresentativa che nella storia italiana ha avuto due culmini: quello del bivacco di manipoli e quello dei Meet Up“.

Le Lega al Senato annuncia così, per bocca del Senatore Bagnai, che non darà la fiducia “ad un Governo opaca espressione di questa ideologia.

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€76.119 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

ByoBlu - Il video blog di Claudio Messora

1.00
REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!
Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
A

Andrea

€10,00 28 Novembre 2020
AC

Alessandro Canichella

€15,00 28 Novembre 2020
S

Stevens

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Novembre 2020
G

Giuliano

€10,00 28 Novembre 2020
MS

Marisa Santin

€10,00 27 Novembre 2020

Grazie x la vostra informazione, questo é il minimo che si possa dire
Marisa

LM

Leopoldo Minicucci

€10,00 27 Novembre 2020

Ad maiora

Utente anonimo

Anonimo

€20,00 27 Novembre 2020
GF

Gianluca Ferraresi

€5,00 27 Novembre 2020

Continuate così!
Io quando posso vi dono un piccolo contributo

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Novembre 2020
SK

Sarah Kounougnan

€10,00 27 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 27 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 27 Novembre 2020
AD

Agatino D'Amico

€50,00 27 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 27 Novembre 2020
DM

Damiano Mariani

€10,00 27 Novembre 2020

Avanti tutta!!!

AL

Alessandra Linda

€50,00 27 Novembre 2020

Forza e sempre avanti. Con la verità.

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bagnai è talmente bravo e sa d esserlo da sembrare saccente anche quando non dice granchè se non che voterà contro il Governo perché è della Lega e altro non può fare. Stiamo messi bene in Italia.

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via