ABBONATI SOSTIENI

UNA COMMISSIONE D’INCHIESTA PARLAMENTARE SUI RITARDI E I DEPISTAGGI DELL’EMERGENZA – Angelo Giorgianni e Pasquale Bacco #Byoblu24

Dall’inizio della crisi ci stiamo domandando come sia stata gestita l’emergenza sanitaria ed economica nel Paese. E questa volta la risposta la si cerca direttamente in Parlamento, la sede di rappresentanza dei cittadini.  Il magistrato Angelo Giorgianni, insieme alla consulenza scientifica del professore di medicina legale Pasquale Bacco, chiede che venga istituita una Commissione parlamentare d’inchiesta per far luce su questi mesi di chiusura forzata e soprattutto: “Sulle verità intoccabili di alcuni scienziati ‘accreditati’ che hanno prospettato tesi catastrofiche sull’evoluzione e sui rischi della pandemia, indicando – continua il magistrato – rigide misure di distanziamento, che hanno limitato libertà e diritti di valenza costituzionale”. Seguite l’intervista al magistrato Giorgianni e al professor Bacco su #Byoblu24


  1. Iscriviti al nuovo social network di Byoblu: libero, open source e decentrato http://social.byoblu.com
  2. Restiamo in contatto qualsiasi cosa succeda, iscriviti alla mailing list di Byoblu: https://go.byoblu.com/Newsletter
  3. Segui tutti gli aggiornamenti di Byoblu24: https://go.byoblu.com/24

Andiamo sul Digitale Terrestre!

61% raccolto

Non so come siamo arrivati fino a qui. Abbiamo attraversato ogni sorta di difficoltà. Hanno fatto esposti contro Byoblu. Ci hanno oscurato ben sette video. Ci hanno attaccato perfino dagli Stati Uniti (NewsGuard). C’è stato il coronavirus. Eppure siamo ancora qui, siamo ancora in piedi. In questi mesi incredibilmente duri abbiamo sempre continuato a lavorare per informarvi, perché era la cosa giusta da fare. E non è stata l’informazione a senso unico di tv e giornali: vi abbiamo davvero portati sull’altra faccia della luna. Quaranta milioni di video visti e centoquaranticinquemila nuovi iscritti tra febbraio e maggio lo testimoniano come una bandiera piantata nella pietra. Oggi siamo quasi a mezzo milione di iscritti. Più ci attaccano e più ci rendono forti. Ma è solo la forza della verità. La verità non ha bisogno di niente, se non di essere mostrata.

La Tv dei Cittadini è un successo spettacolare, e il fatto che nessuno ne parli se non per tentare di chiuderla è la vostra migliore garanzia. Così come la forma di finanziamento che abbiamo scelto: niente pubblicità, niente fondi pubblici, niente erogazioni da Soros o da Bill Gates. Solo microdonazioni diffuse! Il perché è semplice: se siete in tanti a donare o a fare l’abbonamento, nessuno potrà mai fare una chiamata e dirci cosa possiamo dire e cosa no. Ma perché siate in tanti, serve infondere fiducia: serve essere credibili, onesti, altrimenti non funziona. Spiegatelo agli altri, a quelli che hanno bisogno di milioni di euro provenienti da grandi finanziatori, per partorire un topolino. A quelli che per tentare di rendere credibili le loro balle hanno bisogno di istituire task force di Governo, perché altrimenti non riuscirebbero a convincere nessuno. A quelli che per farsi ascoltare hanno bisogno di mettere a tacere ogni altra voce, perché hanno idee deboli, e allora fanno oscurare i video dei cittadini. Con loro il finanziamento popolare non funzionerà mai, perché non sono credibili.

Ma non è finita, perché questa è una gara che non finisce mai: non si può mai smettere di correre. Adesso, cari Cittadini (con la C maiuscola), dobbiamo gettare il cuore oltre l’ostacolo, fare un altro grande salto in avanti. Siamo appena diventati una Testata Editoriale, e a giorni avremo le App tanto attese, ma dobbiamo aumentare l’organico, e dobbiamo arrivare sul digitale terrestre. Subito, non si può più attendere: già da settembre. Non esiste una scorciatoia: non c’è una via di uscita. Abbiamo sfidato il mondo e adesso dobbiamo affrontarlo, a testa alta: la Tv dei cittadini deve diventare l’ottava televisione italiana.

Già 90 mila persone hanno firmato il Manifesto del Patto per la libertà di espressione (e presto tutti riceverete istruzioni). Sosteneteci in questo sprint finale. Con un euro a testa a settembre trasmetteremo sulle vostre televisioni.

Aggiungiamo una cosa: forse non è neppure tanto importante vincere in sé e per sé, né come usciremo da questo scontro frontale contro poteri tanto forti. Quello che davvero conta, per tutti, è resistere. Nessuno è mai riuscito a resistere contro il potere. Ma se questa volta tutti noi, insieme, riusciremo a tenergli testa… E se alla fine di ogni trasmissione noi saremo ancora lì, e nessuno sarà riuscito ad impedirci di andare in onda, noi sapremo per la prima volta che i cittadini, insieme, non sono sempre e solo destinati a subire. Noi sapremo che esistiamo, e che non possiamo essere cancellati. E, quel che più conta, lo sapranno anche loro.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

GB

Gianfranco Bellinelli

€100,00 7 Agosto 2020

Complimenti !!!!

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 7 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 6 Agosto 2020
EE

Emanuele Errigo

€5,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 6 Agosto 2020
MC

Maria Gabriella Crisci

€10,00 6 Agosto 2020
C

Clemente

€20,00 6 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 5 Agosto 2020
TB

Toni Barbarello

€10,00 5 Agosto 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 5 Agosto 2020
vb

valeria tina bianchi

€50,00 5 Agosto 2020
bs

bruno sagoleo

€10,00 5 Agosto 2020
SS

Stefano Scialpi

€10,00 4 Agosto 2020

Faccio parte facendo la mia parte

AG

Alessio Gordini

€5,00 4 Agosto 2020

Grazie!
Grazie per la vostra volontà di verità.

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 4 Agosto 2020

14 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Non ho mai sentito tante “fesserie” in un colpo solo.

    Nel video l’idrossiclorochina è considerato un farmaco sicuramente efficace nei confronti di COVID-19 e con pochissimi effetti collaterali.

    Peccato che l’OMS abbia sospeso tutti i test che riguardano tale farmaco perché considerato più dannoso che utile.

    Se qualcuno, dopo aver visto questo video, deciderà di assumere tale farmaco, recuperato tramite internet, e ci “lascerà la pelle”, chi si assumerà la responsabilità?

    “Coronavirus, Oms sospende test su idrossiclorochina per curare Covid-19. “Studio afferma che aumenta la mortalità”
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/05/25/coronavirus-oms-sospende-test-su-idrossiclorochina-per-curare-covid-19-studio-afferma-che-aumenta-la-mortalita/5813343/

  • Sono molto preoccupata, perchè queste notizie non vengono assolutamente date nei giornali e nelle televisioni? Il fatto che sono morte moltissime persone perchè li hanno curate per polmonite e non per un’infiammazione dell’apparato circolatorio non viene assolutamente detto e viene mantenuto uno stato di terrore, facendo intendere al popolo che ancora oggi non ci sono cure. Qual’è lo scopo? Cosa devono fare? E i nostri ragazzi? Oggi hanno detto che le scuole superiori, a settembre faranno ancora didattica a distanza e per le scuole inferiori vogliono obbligare i bambini a mettere le mascherine. Siamo impazziti? Cosa si può fare?

  • Perfetto, bravissimi, avanti cosi’!
    Questa e’ la strada da percorrere secondo me.
    Ci voule anche una class action a supporto.
    E poi una bella lista stilata con i vari personaggi ed esperti e i loro conflitti di interessi, tutti documentati.
    Come non e’ possibile, per legge, inserire spot e banner pubblicitari senza avvisare chiaramente gli utenti che si tratta di pubblicita’, cosi’ deve essere anche per coloro che parlano e scrivono di faccende di importanza vitale
    Propongo una specie di “newsguard”, che rilevi, client-side, l’occorrenza dei nomi di tali personaggi nei documenti online, e riporti ad un link dove debbano essere evidenziati le loro affiliazioni, sovvenzioni, partecipazioni ecc. Trasparenza

  • Una estensione per i browser (“add on” in gergo, programma client-side in grado di leggere e anche modificare la pagina web aperta in quel momento, e fare anche tante altre cose) che trasformi, nella pagina aperta, i vari nomi e cognomi in un link cliccabile al quale sia possibile vedere queste informazioni.

  • È vero, l’Aifa ne ha richiesto la sospensione. Ma su quali meccanismi? Quali sono state le correnti politiche e di pensiero interne che hanno portato a questa decisione? Infondo, stiamo parlando della stessa Aifa riluttante ad avviare altre sperimentazioni su altri farmaci legati al trattamento dei sintomi da Covid 19…

  • è già da tempo che vi seguo e volevo ringraziarvi personalmente per l’informazione che state divulgando e, che contrasta quella di stato palesemente pilotata. Il mio augurio è che sempre più persone possano seguirvi per poter ragionare con la propria testa e non veicolati dall’alto.
    Grazie
    Andrea

  • Riguardo all’idrossiclorochina. Il problema riguarda il fatto che tale sostanza è in grado di allungare l'”Intervallo QT”, che è un periodo molto delicato dell’attività elettrica che consente la contrazione delle fibre del cuore. In particolare se è troppo prolungato può favorire la comparsa di aritmie fatali. E’ ritenuto responsabile di molte delle “morti in culla” e delle morti improvvise degli atleti. Qualcuno è predisposto geneticamente, altri hanno dei valori normali ma “bordeline” verso il prolungamento di tale intervallo. In questi soggetti l’assunzione di farmaci che lo allungano ulteriormente possono innescare le artimie mortali. Ebbene, sia l’idrossiclorochina, che altri farmaci utilizzati nel trattamento del Covid19, hanno tale effetto. In particolare l’Azitromicina, che è l’antibiotico maggiormente utilizzato in quanto dotato anche di attività antinfiammatoria e immunomodulante. Nelle fasi iniziali dell’emergenza non è stata ben valutata questa evenienza per vari motivi (di cui si potrebbe discutere) e potrebbe avere provocato diverse vittime. D’altronde l’idrossiclorochina ha, teoricamente, dei meccanismi d’azione molto utili nei casi gravi di covid19 e, a detta di tutti i medici “in trincea” e anche di molti medici che si sono curati autonomamente, una reale efficacia clinica.
    Ritengo pertanto che, giusta la pausa nelle sperimentazioni per capirne di più, in futuro, con le opportune precauzioni, possa tornare ad essere una delle scelte terapeutiche possibili in attesa di un eventuale farmaco specifico.

  • “Infine, vogliamo condividere con la comunità scientifica “l’ipotesi speculativa” che la clorochina / idrossiclorochina, a causa delle sue proprietà antivirali e antinfiammatorie, possa avere qualche effetto sulla SARS.”
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7128816/?fbclid=IwAR2ob-Tl1uBYyrfDp4qr9jgHy73pyGFV94XOwJ8h_-tQuxbrhygkawmFPdU

    Stiamo parlando di “ipotesi speculative”, non di “certezze”!
    Gli effetti collaterali, invece, sono “certi”!

  • Manca il riferimento bibliografico dello studio che che certifica la “certezza” degli effetti collaterali.
    La medicina è un’arte che non si pratica saltellando da uno studio all’altro, ma attraverso un ragionamento scientifico che tenga conto di tutti gli elementi a disposizione, sia speculativi (ricordo che “speculazione” nel linguaggio scientifico è sinonimo di investigazione, indagine, ricerca) che già definiti da studi scientifici (che, però, raramente danno certezze).
    E’ indubbio che nella gestione terapeutica dei malati gravi di covid19 siano stati fatti errori. Occorre identificare e separare gli errori inevitabili, di fronte ad un agente patogeno dai comportamenti sicuramente imprevisti (probabilmente imprevedibili), in condizioni di caos emergenziale, da errori evitabili. Tutto ciò, possibilmente, senza faziose interferenze di natura ideologica e/o economica, per capire il reale rischio che rappresenta questo virus per l’umanità, per non incappare in un ingiustificato, cocciuto, irragionevole ed eccessivo “accanimento preventivo”.

  • LEGGERE CORTESEMENTE CON ATTENZIONE

    DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI:
    fu adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948 (quindi poco dopo la fine della tragica Seconda Guerra Mondiale).
    I trenta (30) articoli di cui si compone sanciscono i diritti individuali, civili, politici, economici, sociali, culturali di ogni persona. Vi si proclama il diritto alla vita, alla libertà e sicurezza individuali, ad un trattamento di uguaglianza dinanzi alla legge, senza discriminazioni di sorta, ad un processo imparziale e pubblico, ad essere ritenuti innocenti fino a prova contraria, alla libertà di movimento, pensiero, coscienza e fede, alla libertà di opinione, di espressione e di associazione. Vi si proclama inoltre che nessuno può essere fatto schiavo o sottoposto a torture o a trattamento o punizioni crudeli, disumani o degradanti e che nessuno dovrà essere arbitrariamente arrestato, incarcerato o esiliato.

    Gli stati membri delle Nazioni Unite non furono tenuti a ratificarla (la dichiarazione non essendo di per sè vincolante), sebbene l’appartenenza alle Nazioni Unite venga di norma considerata un’accettazione implicita dei princìpi della Dichiarazione.
    Molti paesi hanno compendiato i termini della Dichiarazione entro la propria Costituzione !!! (Italia compresa)

    E QUINDI: con le misure attuali del Governo Italiano (e non solo) per (Emergenza?) Covid-19, in questo momento sono dispregiati e calpestati i seguenti articoli:
    13 (sopratutto), 19, 20, 21 !!!

    Liberi di approfondire…

Share via
Top