ABBONATI SOSTIENI

CORONAVIRUS: LA NUOVA RELIGIONE AZTECA PUNITIVA BASATA SULLA COLPA – Enzo Pennetta #Byoblu24

Su #Byoblu24 vi proponiamo le riflessioni del biologo e saggista Enzo Pennetta riguardo all’eccezionale situazione che stiamo vivendo.

Oltre 80mila firme per il Manifesto del Patto per la Libertà di Espressione. Manca la tua? Mettila qui: https://go.byoblu.com/Patto

ENZO PENNETTAStiamo vivendo una guerra di religione: non una religione tradizionale con divinità riconoscibili, è una religione simbolica, archetipica, con i suoi rituali, con le sue forme, ma non dichiarate. Una religione che ricorda molto quella azteca, con una divinità che richiede continuamente sacrifici senza mai promettere una salvezza finale, un culto solare quasi, come quello, appunto, di molte religioni dell’antichità: il coronavirus, in fondo, deve il suo nome proprio alla corona solare a cui richiama per forma. È una religione della colpa, che nasce con l’economia, con la colpa del debito pubblico che le generazioni precedenti hanno fatto e come nelle migliori tradizioni ricadono sui loro discendenti, che noi dobbiamo espiare continuamente senza mai pensare di vederlo pagato.

Questa colpa ancestrale e continuativa si è poi trasformata nella colpa ambientale: non la colpa, si badi bene, dovuta alla cattiva gestione dell’economia e all’inquinamento conseguente, ma una colpa attribuita alla nostra stessa esistenza, quindi una colpa personale, ontologica, che mai potremo, anche in questo caso, sperare di espiare e di estinguere. Queste nuove religioni, questa nuova unica religione con tante forma ha i suoi rituali, le sue manifestazioni, come ogni religione che si rispetti: rituali e manifestazioni esterne. Il penitenziàgite dei millenaristi che aspettavano la fine del mondo nel medioevo si manifesta adesso attraverso la mascherina, che sostituisce l’autoflagellazione e la cenere sul capo: dove non era riuscita la religione ambientalista a farci fare penitenza è riuscito il coronavirus. Abbiamo smesso di usare l’auto, abbiamo definitivamente colpevolizzato il trasporto aereo e ci ripieghiamo verso forme più povere di spostamento: la bicicletta, il monopattino, che nulla hanno a che vedere con il problema che si propone, da risolvere, ma che servono, appunto, a esprimere una forma di penitenza e che solamente se noi riusciremo ad espiare, ad avere queste forme di penitenza potremo sperare in una tregua perché, si badi bene, questa divinità non promette mai la felicità, ma solo temporanee sospensioni della penitenza, ammesso che noi riusciamo, appunto, a mantenerci umili e in penitenza continua.

Questa religione ha anche in odio, come molte antiche religioni gnostiche, la materia: ha in odio noi stessi innanzitutto, perché la soluzione principe per ogni problema è la non-nascita e la sovrappopolazione è il pericolo continuamente richiamato, ma l’odio per la materia va oltre a quello per il corpo: si estende a tutta la materia. Questa nuova religiosità non dichiarata ha in odio il denaro contante, vuole la sostituzione con quello elettronico, ha in odio i contatti umani, vuole il lavoro a distanza, vuole la didattica a distanza. Tutto ciò che si svolge tramite internet viene visto come buono: tutto ciò che è contatto fisico, che è la nostra vita, perché l’essere umano è un essere di relazione, è il male. Tutto ciò che avvicina agli altri è male: abbiamo la colpevolizzazione della movida e cioè vivere normalmente, essere contenti, condividere con gli amici è colpa e peccato: sono nati i nuovi bacchettoni, queste nuove forma di bigottismo che vanno e condannano gli altri che osano rompere il tabù e avvicinarsi corporalmente fra di loro.

Questa religiosità si sta affermando praticamente incontrastata: il primo passo per potersi opporre è proprio riconoscere che di religiosità si tratta. Una forma subdola, estremamente moderna che, appunto, non si dichiara come tale, ancora una volta vale la felice frase di Baudelaire che: “l’ultima astuzia del diavolo è quella di far credere di non esistere”.

Questo nuovo paganesimo di tipo azteco-gnostico si afferma imponendosi come verrà scientifica e gli scienziati, quelli scelti per questo compito, come avrebbe approvato e detto Francis Bacon nella Nuova Atlantide sono i nuovi sacerdoti che dettano le condizioni e le norme per poter soddisfare le divinità: sono il “clero regolare”, come avrebbe invece in tempi precedenti definiti Costanzo Breve.

Riconoscere questo stato di cose è la prima cosa da fare, il primo passo per poterlo contrastare. Per poter vincere quello che invece bisogna fare è denunciare che questa religiosità, queste divinità più o meno manifeste non danno quello che promettono, o meglio non promettono la felicità: promettono solamente la sospensione delle punizioni nel caso in cui ci si comporti a dovere. Quando si avrà la consapevolezza che questa è una divinità tecnologica e che non promette la felicità, ma solamente la sospensione delle punizioni, bene, in quel momento solamente sarà possibile venirne a capo, riconoscerla per quello che è, sconfiggerla e iniziare a guardare oltre.


  1. Iscriviti al nuovo social network di Byoblu: libero, open source e decentrato http://social.byoblu.com
  2. Restiamo in contatto qualsiasi cosa succeda, iscriviti alla mailing list di Byoblu: https://go.byoblu.com/Newsletter
  3. Segui tutti gli aggiornamenti di Byoblu24: https://go.byoblu.com/24

LA TUA GRANDE SCOMMESSA PER CAMBIARE LA STORIA

€20.148 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

NP

Nicola Padula

€5,00 24 Ottobre 2020

Per la libertà

AI

Antonella Izzo

€10,00 24 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 24 Ottobre 2020
MB

Marinella Boggia

€10,00 24 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 24 Ottobre 2020
FV

Franco Vitagliani

€10,00 23 Ottobre 2020

Per la libertà e la verità!

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 23 Ottobre 2020
AP

Andrea Pasini

€50,00 23 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 23 Ottobre 2020
FB

Franco Brocchi

€10,00 23 Ottobre 2020

Aiutiamoci a liberarci dal NWO!

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 23 Ottobre 2020
AP

Antonella Puri

€25,00 23 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 23 Ottobre 2020
MC

MARCELLO COLACICCHI

€5,00 23 Ottobre 2020
AV

Anna Visconti

€50,00 23 Ottobre 2020

Lunga Vita a Byoblu

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 23 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 23 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 23 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 23 Ottobre 2020
FP

Federico Paglierini

€10,00 23 Ottobre 2020

Forza , libertà libertà libertà

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • “Questa religiosità si sta affermando praticamente incontrastata: il primo passo per potersi opporre è proprio riconoscere che di religiosità si tratta. Una forma subdola, estremamente moderna che, appunto, non si dichiara come tale, ancora una volta vale la felice frase di Baudelaire che: “l’ultima astuzia del diavolo è quella di far credere di non esistere”.

    In realtà, in questo caso, il “diavolo” è chiaramente identificabile (per chi lo vuole vedere) e si chiama SARS-COV-2.
    Non ha nulla di “religioso” ma è estremamente “concreto”, come tutte le “calamità naturali” (terremoti, maremoti, alluvioni, uragani, ecc. ecc.) che da sempre incrociano la vita degli uomini.
    Per opporsi alle calamità naturali gli uomini hanno solo un’arma, la “scienza”, tutto il resto sono “fesserie”!

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via
Top