ABBONATI SOSTIENI

I CANI DA GUARDIA DEL POTERE CHE PROTEGGONO IL SISTEMA Massimo Mazzucco, Antonio Masoni #Byoblu24

Vi ricordate il mito della caverna di Platone? Il filosofo immaginava degli uomini chiusi in una caverna, incatenati e impossibilitati a volgere lo sguardo indietro dove ardeva un fuoco. Un fuoco che con la sua luce proiettava altri uomini liberi, al di fuori della caverna. Ombre che, danzando sulla parete, venivano scambiate per cose reali. Vi ricorda qualcosa? Forse Platone non aveva mai visto una televisione, ma oggi il nostro salotto è proprio come quella caverna, le immagini sullo schermo sono la parete, e gli uomini incatenati come schiavi… siamo noi. Il rischio che l’informazione, la politica, la società, tutto venga “visto” e vissuto come un riflesso della parete di quella caverna è molto più che una possibilità teorica: è quasi una certezza. Ma per il blogger e documentarista Massimo Mazzucco può accadere di peggio: “I siti di debunking e l’informazione unica sono come un Velo fra la realtà e la sua stessa proiezione”. E prosegue: “almeno nella caverna di Platone si potevano vedere le ombre precise, con il velo non è possibile!”. Ad intervenire su #Byoblu24 è anche il blogger Antonio Masoni, autore dell’articolo “I siti a caccia di bufale? Chiedetevi chi ci sta dietro”.  

Oltre 80mila firme per il Manifesto del Patto per la Libertà di Espressione. Manca la tua? Mettila qui: https://go.byoblu.com/Patto


  1. Iscriviti al nuovo social network di Byoblu: libero, open source e decentrato http://social.byoblu.com
  2. Restiamo in contatto qualsiasi cosa succeda, iscriviti alla mailing list di Byoblu: https://go.byoblu.com/Newsletter
  3. Segui tutti gli aggiornamenti di Byoblu24: https://go.byoblu.com/24

Andiamo sul Digitale Terrestre!

46% raccolto

Non so come siamo arrivati fino a qui. Abbiamo attraversato ogni sorta di difficoltà. Hanno fatto esposti contro Byoblu. Ci hanno oscurato ben sette video. Ci hanno attaccato perfino dagli Stati Uniti (NewsGuard). C’è stato il coronavirus. Eppure siamo ancora qui, siamo ancora in piedi. In questi mesi incredibilmente duri abbiamo sempre continuato a lavorare per informarvi, perché era la cosa giusta da fare. E non è stata l’informazione a senso unico di tv e giornali: vi abbiamo davvero portati sull’altra faccia della luna. Quaranta milioni di video visti e centoquaranticinquemila nuovi iscritti tra febbraio e maggio lo testimoniano come una bandiera piantata nella pietra. Oggi siamo quasi a mezzo milione di iscritti. Più ci attaccano e più ci rendono forti. Ma è solo la forza della verità. La verità non ha bisogno di niente, se non di essere mostrata.

La Tv dei Cittadini è un successo spettacolare, e il fatto che nessuno ne parli se non per tentare di chiuderla è la vostra migliore garanzia. Così come la forma di finanziamento che abbiamo scelto: niente pubblicità, niente fondi pubblici, niente erogazioni da Soros o da Bill Gates. Solo microdonazioni diffuse! Il perché è semplice: se siete in tanti a donare o a fare l’abbonamento, nessuno potrà mai fare una chiamata e dirci cosa possiamo dire e cosa no. Ma perché siate in tanti, serve infondere fiducia: serve essere credibili, onesti, altrimenti non funziona. Spiegatelo agli altri, a quelli che hanno bisogno di milioni di euro provenienti da grandi finanziatori, per partorire un topolino. A quelli che per tentare di rendere credibili le loro balle hanno bisogno di istituire task force di Governo, perché altrimenti non riuscirebbero a convincere nessuno. A quelli che per farsi ascoltare hanno bisogno di mettere a tacere ogni altra voce, perché hanno idee deboli, e allora fanno oscurare i video dei cittadini. Con loro il finanziamento popolare non funzionerà mai, perché non sono credibili.

Ma non è finita, perché questa è una gara che non finisce mai: non si può mai smettere di correre. Adesso, cari Cittadini (con la C maiuscola), dobbiamo gettare il cuore oltre l’ostacolo, fare un altro grande salto in avanti. Siamo appena diventati una Testata Editoriale, e a giorni avremo le App tanto attese, ma dobbiamo aumentare l’organico, e dobbiamo arrivare sul digitale terrestre. Subito, non si può più attendere: già da settembre. Non esiste una scorciatoia: non c’è una via di uscita. Abbiamo sfidato il mondo e adesso dobbiamo affrontarlo, a testa alta: la Tv dei cittadini deve diventare l’ottava televisione italiana.

Già 90 mila persone hanno firmato il Manifesto del Patto per la libertà di espressione (e presto tutti riceverete istruzioni). Sosteneteci in questo sprint finale. Con un euro a testa a settembre trasmetteremo sulle vostre televisioni.

Aggiungiamo una cosa: forse non è neppure tanto importante vincere in sé e per sé, né come usciremo da questo scontro frontale contro poteri tanto forti. Quello che davvero conta, per tutti, è resistere. Nessuno è mai riuscito a resistere contro il potere. Ma se questa volta tutti noi, insieme, riusciremo a tenergli testa… E se alla fine di ogni trasmissione noi saremo ancora lì, e nessuno sarà riuscito ad impedirci di andare in onda, noi sapremo per la prima volta che i cittadini, insieme, non sono sempre e solo destinati a subire. Noi sapremo che esistiamo, e che non possiamo essere cancellati. E, quel che più conta, lo sapranno anche loro.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 9 Luglio 2020
GC

Gianfranco Caragnano

€25,00 9 Luglio 2020

li meritate tutti...bravi

CG

Cadelli Gian Piero

€5,00 9 Luglio 2020
JD

Jurij Di Carlo

€25,00 9 Luglio 2020

Libertà di espressione. Sempre.

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 9 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 9 Luglio 2020
CS

Claudio Scudeller

€35,00 9 Luglio 2020

Forza ragazzi

AM

Arde Menozzi

€100,00 9 Luglio 2020

Grazie per fare infornazione vera

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 9 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 9 Luglio 2020
R

Rita

€25,00 9 Luglio 2020
AD

Antonio Diblasio

€10,00 8 Luglio 2020
DF

David FEROCI

€10,00 8 Luglio 2020

W l'informazione libera, e non quella chi ci vogliono far vedere...

F

Fred

€5,00 8 Luglio 2020
pc

paolo cenci

€5,00 8 Luglio 2020
MB

MASSIMO BARRA

€15,00 8 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 8 Luglio 2020
am

antonia maria muresu

€25,00 8 Luglio 2020
AF

ANDREA FALLANI

€10,00 8 Luglio 2020

Finalmente possiamo sapere quello che i soliti non ci direbbero
mai!

gd

giorgio di paola

€10,00 8 Luglio 2020

12 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sono disponibili i dati al 28/05/2020 – su 3200 cartelle la percentuale è del 4.1. Comunque una miseria per chiudere in casa 60 milioni di persone.

  • Una precisazione, non era in diretta la trasmissione se faceva riferimento al video degli abbonati del 29 maggio. Giusto?

    • No infatti. Era una Premiere (prima visione). Un formato youtube che usa la stessa tecnica del live.

  • Newsguard?! Scusate, dobbiamo essere noi a giudicare i debunker a cominciare da newsguard, puente attivissimo e minchioni vari di tale risma. Noi giudichiamo loro, non il contrario.

  • Definire quel 3,9% come pazienti che “non avevano nessuna patologia precedente” è un errore. E’ impossibile stabilirlo senza un’autopsia. Più correttamente si deve parlare di “anamnesi negativa per patologia pregresse” quindi, semplicemente che il paziente non riferiva alcuna patologia o non risultava traccia clinica evidente. Ora, è evidente che nell’emergenza caotica in cui si trovavamo gli ospedali, molte patologie “borderline” o con scarsa sintomatologia clinica potevano sfuggire, sia per lo stato del paziente (in condizioni gravi e quasi sempre anziano) o per la difficoltà di reperire una storia clinica affidabile o per mancanza di tempo per eseguire indagini diagnostiche approfondite.
    In ogni caso ogni anno in Italia muoiono 50.000 persone di “morte cardiaca improvvisa”.
    Per evitare che qualche debunker pensi di smentirmi, cito la definizione medico-legale di morte improvvisa:
    “Viene definita improvvisa una morte che avviene per causa naturale o spontanea, cioè per un processo morboso capace di provocare l’arresto immediato delle attività vitali, in assenza di un’azione violenta esteriore meccanica o tossica, che avviene in modo istantaneo e che rappresenti un evento imprevedibile cioè che colpisca soggetti in apparente buona salute, portatori di un processo morboso non clinicamente manifesto o comunque di una gravità tale da non far prevedere un esito infausto così repentino”.
    Quindi ci sono alcune persone tra di noi che, senza che ne abbiano alcuna avvisaglia, sono portatori di anomalie anatomiche, alterazioni strutturali, instabilità elettriche del cuore, aneurismi…. e via dicendo, che possono precipitare in un’aritmia mortale in occasione di eventi più o meno stressanti (e un infezione virale lo può essere). Solo un esame autoptico può verificare la presenza di tali patologie nascoste. Ma non sono state fatte autopsie…. Nel soggetto vivente ci sono alcuni “indizi” che possono indurre al sospetto, e ciò giustifica le obbligatorie visite di idoneità sportiva sia agonistica che non agonistica.
    Senza autopsie non possiamo dire quanti, di quel 3,9% erano realmente “perfettamente sani”. Le morti in presenza di patologia misconosciuta può rendere tranquillamente conto di parte dei morti più giovani, insieme alle possibili, tragiche, conseguenze di alcuni trattamenti (es: torsione di punta con uso di associazioni di farmaci che allungano il QT in soggetti predisposti, che risulterebbero dalle statistiche denunciate dal Lancet).
    Queste considerazioni devono far riflettere sulla reale letalità dell’ epi(pan?)demia e quindi sulla gravità degli accorgimenti destinati ad affrontarla. In parole povere: puntare sull’estinzione forzata (non naturale) del virus, vaccinazione (incerta) o cercare di proteggere i soggetti a rischio e cercare di evitare che il resto della popolazione finisca nel gruppo dei soggetti a rischio ? Quest’ultima evenienza è favorita dalla riduzione delle difese immunitarie che si verificherà in conseguenza del prolungamento delle misure restrittive dell’emergenza: mascherine, disinfezione massiva e spesso inappropriata dell’ambiente in cui viviamo, terrorismo mediatico, distanziamento sociale (inteso letteralmente), povertà, depressione…
    La via deve essere il monitoraggio sanitario VOLONTARIO della popolazione. Dare alla gente la possibilità di sapere come sta, a che rischi può andare incontro, come modificare il proprio stile di vita per affrontare un’ eventuale altra emergenza sanitaria. Dare fiducia, lavoro, stabilità e sicurezze.
    p.s.
    La prima indicazione che ho dato a parenti e amici alle prime notizie dell’epidemia è stata: smettete di fumare !. Eppure non ho mai sentito nessuna chiara indicazione in tal senso da parte dell’OMS, ISS, virologostars. Fumare compromette il microcircolo e quindi rende, nel migliore dei casi, un po’ più grave qualsiasi patologia ci colpisca, in particolare al polmone. Capite anche voi cosa significa, no? Inoltre recentemente si è dimostrato che il fumo aumenta l’espressione sulle cellule del recettore ACE2, a cui il virus SARS Cov-2 si lega per entrare. ..
    Mah!

  • Definizione di pandemia :Epidemia con tendenza a diffondersi rapidamente attraverso vastissimi territori o continenti.

    Quindi la definizione non considera minimamente l’esito mortale: dire quindi che il covid 19 non giustifica l’utilizzo del termine Pandemia è sbagliato!

    Siate piu’ rigorosi se volete essere credibili.

    Detto da uno che vi segue con interesse!

  • A volere essere rigorosi, vi sono diverse definizioni di pandemia, che classicamente tengono conto del grado di letalità dell’infezione. Quella riferita dal sig. Marino è la più recente, modificata “ad hoc” dall’OMS (per definire tale il Covid19), organizzazione, che, negli ultimi tempi, non si sta dimostrando infallibile.

  • Quello che non avete riportato dei dati ISS è che l’età media dei decessi è di 80 anni e l’età mediana è di 82. La speranza di vita in Italia è di 80 anni. Quindi quello che andrebbe detto è che l’informazione di regime ha mediatizzato in maniera esasperata la morte. La morte come evento tragico ma naturale e ineluttabile di ogni essere vivente oltre agli uomini. L’informazione di regime ci ha fatto la morbosa cronaca quotidiana dei normali decessi di persone anziane e malate che soccombono ad una forma virale forse un po’ più invasiva di quelle che abbiamo sempre conosciuto trasformando la quasi quotidianità in una falsa tragedia di proporzioni apocalittiche, purtroppo con ottimi risultati sulla mente delle masse di bestiame

  • Nel video si commette un errore concettuale.

    Si parte dal presupposto che il numero dei morti non sia stato così elevato da giustificare le misure restrittive intraprese.
    Ciò che non si considera è quanti morti “in più” ci sarebbero stati senza tali misure.

    Altro errore concettuale è ritenere che coloro che sono morti avrebbero, comunque, avuto pochi mesi di “aspettativa di vita residua” (tempo che resta da vivere dopo aver raggiunto una certa età anagrafica).

    Nell’articolo sotto riportato risulta che una persona di 80 anni di età avrebbe avuto una “aspettativa “media” di vita residua” di 8,5 anni, se maschio, e di 10,2 anni, se femmina.

    “L’Istat regala un altro anno di vita ai maschi, sette mesi alle donne”
    https://numerus.corriere.it/2018/07/27/listat-regala-un-altro-anno-di-vita-ai-maschi-sette-mesi-alle-donne/

    Ciò è confermato anche dallo studio sottostante

    “COVID-19 – exploring the implications of long-term condition type and extent of multimorbidity on years of life lost: a modelling study [version 1; peer review: awaiting peer review]”
    https://wellcomeopenresearch.org/articles/5-75

    Concludendo: la maggior parte delle persone che sono decedute avrebbe potuto campare tranquillamente ancora per parecchi anni se non avesse contratto la COVID-19, perché le patologie croniche di cui soffrivano non erano tali da provocarne il decesso a breve termine.

  • In riferimento agli articoli segnalati nei commenti precedenti:
    L’articolo “COVID-19 – exploring ………
    che, peraltro, come indicato nel titolo , è in attesa di revisione di attendibilità, termina le conclusioni con questa frase (non traduco per correttezza):

    “More comprehensive and standardised collection of data on LTCs is needed to better understand and quantify the global burden of COVID-19 and to guide policy-making and interventions”.

    L’altro articolo, “l’istat-regala-un-altro-anno-di-vita-………..”
    a prescindere che possa convincermi o meno che “la maggior parte delle persone decedute da Covid19 avrebbe potuto campare tranquillamente ancora per parecchi anni “, può, in realtà, essere di spunto per alcune riflessioni sul futuro e di come possiamo aspettarcelo per come si stanno mettendo le cose.
    Cito letteralmente alcune considerazioni:
    “Chi nasce oggi ha buone probabilità di arrivare a cent’anni. La vera scommessa però non è quella di prolungare l’invecchiamento, ma di aumentare gli anni in buone condizioni fisiche e mentali. Se si riuscirà a debellare l’invecchiamento delle cellule, il limite della vita potrebbe allungarsi ben oltre gli attuali 120 anni. La scommessa scientifica si accompagna con un’altra sfida: quella della sostenibilità”.
    “Ovviamente l’impegno di chi vuole allungare la vita non è quello di avere una vecchiaia più lunga, ma di prolungare gli anni di piena efficienza del corpo e della mente”.

    e, aggiungo io, godendo della libertà che con grande sofferenza ci è stata donata dalle generazioni precedenti. Ricordiamoci che milioni di persone sono morte per la libertà (siamo intorno ai 60 milioni solo nella 2° guerra mondiale) ed ancora oggi ci sono individui (militari) che sono pronti (e, in effetti, obbligati) a morire se qualcuno la minaccia. Quanto si è svalutato, in questo momento il prezzo della libertà e del diritto (peraltro costituzionale ) alla felicità, o, almeno, alla serenità. La “NUOVA NORMALITA'” è senza dubbio (non occorrono studi scientifici per dimostrarlo), in questo senso, una grave minaccia e va combattuta. Ed anche qualora si scoprisse che il virus fa più vittime dell’influenza, quanti anziani malati sarebbero disposti a correre il rischio di rinunciare a qualche anno di vita di “nuova normalità” per difendere la libertà e la buona salute mentale dei figli e dei nipoti ?

Share via
Top