ABBONATI SOSTIENI

PETIZIONE PER LA NAZIONALIZZAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO – Micalizzi, Scardovelli, Galloni, Grossi #Byoblu24

Quattro tra i migliori economisti e giuristi che abbiamo, Alberto Micalizzi, Mauro Scardovelli, Antonino Galloni e Guido Grossi, insieme a Claudio Messora, editore di Byoblu, firmano una petizione che chiede al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, al Ministro dell’Economia e delle Finanze e al Presidente della Corte dei Conti, in qualità di cittadini italiani, di nazionalizzare il debito pubblico tramite l’emissione di BTP Italia, ovvero di buoni del Tesoro destinati ai soli residenti italiani, con vantaggi sia per lo Stato che per i cittadini, per scongiurare di affidarsi sconsideratamente alla volontà di organismi finanziari internazionali che in cambio privatizzeranno l’Italia.

Abbiamo le risorse per rilanciare la nostra economia senza bisogno di chiedere niente a nessuno. Perché questa soluzione non è stata valutata? Chiediamo di saperlo, e con noi tutti i cittadini che firmeranno la petizione su Byoblu.

FIRMA ANCHE TU: https://go.byoblu.com/LiberiamociDalDebito


Andiamo sul Digitale Terrestre!

48% raccolto

Non so come siamo arrivati fino a qui. Abbiamo attraversato ogni sorta di difficoltà. Hanno fatto esposti contro Byoblu. Ci hanno oscurato ben sette video. Ci hanno attaccato perfino dagli Stati Uniti (NewsGuard). C’è stato il coronavirus. Eppure siamo ancora qui, siamo ancora in piedi. In questi mesi incredibilmente duri abbiamo sempre continuato a lavorare per informarvi, perché era la cosa giusta da fare. E non è stata l’informazione a senso unico di tv e giornali: vi abbiamo davvero portati sull’altra faccia della luna. Quaranta milioni di video visti e centoquaranticinquemila nuovi iscritti tra febbraio e maggio lo testimoniano come una bandiera piantata nella pietra. Oggi siamo quasi a mezzo milione di iscritti. Più ci attaccano e più ci rendono forti. Ma è solo la forza della verità. La verità non ha bisogno di niente, se non di essere mostrata.

La Tv dei Cittadini è un successo spettacolare, e il fatto che nessuno ne parli se non per tentare di chiuderla è la vostra migliore garanzia. Così come la forma di finanziamento che abbiamo scelto: niente pubblicità, niente fondi pubblici, niente erogazioni da Soros o da Bill Gates. Solo microdonazioni diffuse! Il perché è semplice: se siete in tanti a donare o a fare l’abbonamento, nessuno potrà mai fare una chiamata e dirci cosa possiamo dire e cosa no. Ma perché siate in tanti, serve infondere fiducia: serve essere credibili, onesti, altrimenti non funziona. Spiegatelo agli altri, a quelli che hanno bisogno di milioni di euro provenienti da grandi finanziatori, per partorire un topolino. A quelli che per tentare di rendere credibili le loro balle hanno bisogno di istituire task force di Governo, perché altrimenti non riuscirebbero a convincere nessuno. A quelli che per farsi ascoltare hanno bisogno di mettere a tacere ogni altra voce, perché hanno idee deboli, e allora fanno oscurare i video dei cittadini. Con loro il finanziamento popolare non funzionerà mai, perché non sono credibili.

Ma non è finita, perché questa è una gara che non finisce mai: non si può mai smettere di correre. Adesso, cari Cittadini (con la C maiuscola), dobbiamo gettare il cuore oltre l’ostacolo, fare un altro grande salto in avanti. Siamo appena diventati una Testata Editoriale, e a giorni avremo le App tanto attese, ma dobbiamo aumentare l’organico, e dobbiamo arrivare sul digitale terrestre. Subito, non si può più attendere: già da settembre. Non esiste una scorciatoia: non c’è una via di uscita. Abbiamo sfidato il mondo e adesso dobbiamo affrontarlo, a testa alta: la Tv dei cittadini deve diventare l’ottava televisione italiana.

Già 90 mila persone hanno firmato il Manifesto del Patto per la libertà di espressione (e presto tutti riceverete istruzioni). Sosteneteci in questo sprint finale. Con un euro a testa a settembre trasmetteremo sulle vostre televisioni.

Aggiungiamo una cosa: forse non è neppure tanto importante vincere in sé e per sé, né come usciremo da questo scontro frontale contro poteri tanto forti. Quello che davvero conta, per tutti, è resistere. Nessuno è mai riuscito a resistere contro il potere. Ma se questa volta tutti noi, insieme, riusciremo a tenergli testa… E se alla fine di ogni trasmissione noi saremo ancora lì, e nessuno sarà riuscito ad impedirci di andare in onda, noi sapremo per la prima volta che i cittadini, insieme, non sono sempre e solo destinati a subire. Noi sapremo che esistiamo, e che non possiamo essere cancellati. E, quel che più conta, lo sapranno anche loro.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €15,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 13 Luglio 2020
az

alessandro zagolin

€10,00 13 Luglio 2020
W

Walter

€10,00 13 Luglio 2020

Bisogna risvegliare il popolo italiano.

DD

Donato De Pasquale

€10,00 13 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 13 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 13 Luglio 2020
MC

Marco Curione

€15,00 13 Luglio 2020

Così come vi elogio e contribuisco a promuovervi per i temi che diffondete, allo stesso modo sarò severamente critico nel caso di un… Leggi tutto

Così come vi elogio e contribuisco a promuovervi per i temi che diffondete, allo stesso modo sarò severamente critico nel caso di un cambio di rotta. Dopo la solenne delusione 5s mi aspetto di tutto (purtroppo). Ma per ora posso solo ringraziarvi.
Forza
Marco

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 13 Luglio 2020
C

Costantino

€10,00 13 Luglio 2020

Bravi.

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 13 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 13 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 12 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 12 Luglio 2020
sl

sara luperini

€50,00 12 Luglio 2020
LC

Leonilde Casciani

€15,00 12 Luglio 2020

Andate avanti a testa alta

GD

Giulio Dickmann

€10,00 12 Luglio 2020

Mi piacerebbe esservi utile anche in altro modo, grazie.

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 12 Luglio 2020
AB

Antonio Brighittini

€15,00 12 Luglio 2020
MB

Mario Bagini

€10,00 12 Luglio 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 12 Luglio 2020

18 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Buona sera,
    non riesco a firmare la petizione. Il browser mi rinvia sempre a questa pagina. Potreste aiutarmi?

  • Buongiorno a tutti,
    ieri ho visto questa puntata e stamane sono andato a vedere nel sito https://www.borsaitaliana.it/notizie/sotto-la-lente/btp.htm. Per curiosità ho controllato l’emissioni di BTP nel periodo 18 – 20 maggio e, nella sezione “A cosa si va incontro investendo in BTP”, ho trovato scritto questo “Per l’investitore che ha acquistato BTP e intende mantenere i titoli fino alla scadenza l’unico rischio concreto è il rischio di credito (o rischio emittente), ovvero la possibilità che il Tesoro risulti inadempiente nel pagamento delle cedole o nel rimborso del capitale”. La mia domanda è – in questo caso c’è il rischio di investire in BTP e non avere garanzie e quindi perdere l’investimento fatto?”
    Ho ascoltato attentamente e quello che si vuole fare con la petizione è proprio di garantire il capitale investito e quindi la mia seconda domanda è – E’ meglio attendere che vengano riformati i BTP, e quindi attendere che la petizione faccia il suo corso, oppure è consigliato acquistare – quando verranno emessi la prossima volta- i BTP con le attuali condizioni?”

  • Buongiorno,
    Vi ringrazio per la petizione, di cui capisco e condivido gli obiettivi.

    Il Titolo “PETIZIONE PER LA NAZIONALIZZAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO” potrebbe essere cambiato, ad esempio” in “PETIZIONE PER LA PROTEZIONE DEL RISPARMIO PRIVATO DEGLI ITALIANI E RILANCIO DELLE IMPRESE” ?

    Secondo voi potrebbe rendere più comprensibile l’obiettivo al grande pubblico?
    Cosa ne pensate?

    Cordiali saluti

  • Condivido però: Ce la prendiamo con l’Europa ma Francia e Germania hanno fatto quello che noi potremmo fare e non facciamo.
    E’ colpa dell’Europa o di una classe politica corrotta? Le imprese pubbliche italiane sono andate in crisi quando i partiti hanno cominciato a fare razzie dei loro introiti.
    L’evasione fiscale che non viene mai toccata è solo responsabilità di una politica inetta, la corruzione da tangentopoli in poi è diventato un sistema ormai consolidato.
    Credo che nche questi punti vanno presi in considerazione.

  • Siamo veramente all’ assurdo in italia.
    Questa è una proposta sensata è ovvio. E non ci vuole nemmeno tanto coraggio.
    Fossimo un popolo coraggioso usciremmo dall’ euro e creeremmo un nuovo mondo. Abbiamo a brescia un signore che probabilmente è in grado di fare una macchina che produce energia infinita. Vedi macchina di maiorana
    Avevamo un signore a milano emilio del giudice che poteva con la fusione a freddo cambiare il corso della storia. Il pelizza quello di brescia è stato al politecnico di milano a proporre all’ italia di dargli la possibilita di creare la macchina di maiorana chiedendo protezione per se e la famiglia rispetto i servizi segreti e chiedendo che gli fosse garantito l’uso pacifico. E cosa gli hanno risposto? Si sono rifiutati i signori del politecnico.

    Voviamo in un truman show che tutti avalliamo per paura, adattamento e sopravvivenza e le cupole ballano sul dolore del mondo. Le cupole non la cupola………….

  • DUE SOLI COMMENTI, oltre il mio, naturalmente mi dispiaccio per byoblu, ma qui ventum seminabunt et turbinem metent. Il vento è la descrizione di un NUOVO MONDO, quello agognato dal commentatore Scabini, forse voleva dire una NUOVA ITALIA, immaginandola ISOLA e FELICE, come se la GEOPOLITICA non esistesse, e 60 milioni di individui che vagano nella penisola italica, mi guardo bene dal dire POPOLO, fossero disponibili a trasformarsi da CONSUMATORI in PERSONE e poi capaci di realizzare l’AUTARCHIA in un Pianeta GLOBALIZZATO, con il quale abbiamo firmato trattati militari, commerciali, culturali, sanitari di ogni tipo e natura, e molti di questi imposti dalla sonora sconfitta nella Seconda Guerra Mondiale, che molti lettori/ascoltatori di byoblu pensano che dopo 70 anni abbia esaurito i suoi effetti, al contrario sono ancora presenti e futuri, riguardano anche GERMANIA e GIAPPONE. A ricordarcelo sono il numero sconosciuto di Basi Militari USA, con testate nucleari e intelligence a seguito, e non mi riferisco ai servizi segreti che circolano in tutti gli Stati, ma al MUOS, acronimo di Mobile User Objective System, un sistema di comunicazioni satellitari militari ad alta frequenza e a banda stretta, gestito direttamente dal PENTAGONO, composto da quattro satelliti, più uno di riserva, e quattro stazioni di terra, una delle quali è nella mia splendida Isola, in SICILIA. Il MUOS integra forze navali, aeree e terrestri in movimento in qualsiasi parte del mondo, e sarà uno dei primi obiettivi della RUSSIA in caso di un attacco, lo ha detto chiaramente PUTIN quando esclamò…NOI RUSSI moriremo come MARTIRI, ma chi ci attaccherà morirà come un CANE… e NOI SICILIANI saremo tra i primi, si pensa dopo 20 minuti dal primo attacco. Anche perché a parte le infrastrutture visibili, come il MUOS, la Sicilia è un obiettivo perché fulcro di un enorme Internet exchange point, il Sicily Hub, che ha i propri centri operativi a Palermo e Catania, sconosciuto ai più, che si aggiunge alla ristretta cerchia di exchange point esistenti a Francoforte, Londra, Amsterdam e Marsiglia. La scelta della Sicilia non è casuale, perché è da qui che passano i cavi del traffico generato in Africa, Medio Oriente ed Asia, un’altro motivo motivo per essere i preferiti da una RUSSIA attaccata. I quattro estensori della PETIZIONE sono certamente persone serie e per bene, ma la petizione è scritta da chi ha scarse conoscenze geopolitiche, ma anche macroeconomiche, che inserirò nel prossimo commento. Il Popolo Italiano, TOGLIATTI e COMUNISTI compresi, ha accettato tutto questo, altrimenti la GUERRA CIVILE sarebbe stata portata alle estreme conseguenze, quella della morte di tutti i FASCISTI in armi, un bagno di sangue che c’è stato a metà, per poi dire agli AMERICANI…grazie ma faremo da soli.. invitandoli con le buone ad andarsene, facendo capire che c’erano pronte anche le cattive. I conti con la Storia si fanno sempre, altrimenti si rischia di credere nell’araba fenice, all’asino che vola.

  • Gli estensori della PETIZIONE quando ci danno i dati sui Titoli di Stato non danno le cifre, sanno che farebbero riflettere prima di firmare la PETIZIONE, li fornisco io. Sono 2.004.766 milioni€, si legge oltre 2.004 miliardi di euro, di cui ben 681.620 milioni€, il 34%, oltre 681 miliardi, in possesso di investitori ESTERI; 340.810 milioni€, quasi 341 miliardi, il 17% nei cavò della BCE, e li resteranno; infine una minoranza di noi ITALIANI ha 1.022.430 milioni€, oltre 1.002 miliardi di euro, il 49% del totale, e di questi solo il 6% fa parte del risparmio delle FAMIGLIE, 264 miliardi in Titoli di Stato, dalle mie parti si dice UNNI VAI CU SCECCU, per dire che non basta quello che possiedi per fare l’impresa. Ci deve essere un motivo per cui O Capitano! Mio Capitano! leghista, al secolo Matteo SALVINI, ha investito i suoi risparmi di europarlamentare in un fondo d’investimento a capitale del Lussemburgo, per definizione NEOLIBERISTA, per la precisione 3.094 partecipazioni della BG SELECTION, quando le ha comprate il loro valore era intorno ai 99€ in crescita, quindi un investimento di 306.000€, e non scelse Titoli di Stato ITALIANI per definizione SOVRANI e con un rendimento molto più alto del fondo lussemburghese. Secondo voi per quale motivo?

  • Grazie e complimenti per il lavoro che stata facendo nel tentare di impedire che questo bellissimo paese non venga svenduto al miglior offerente.
    Penso che la petizione necessiti di maggiore visibilità. Se vogliamo raccogliere tanto consenso l’accesso alla firma deve essere più immediato.
    In bocca al lupo, Santa

  • Servizio eccelso!!!
    Complimenti in sempre più ci rendiamo conto .
    Grazie a voi ci si accorge delle grosse incoerenze e castronerie che un ventennio di malgoverno di affaristi, sicuramente non inetti dei loro malaffari, ci ha portato allo statto attuale…..

    Grazie!!!

    Mattia.

  • Firmo con entusiasmo la petizione sperando che possa essere ascoltata e non tralasciata come tutte le buone idee. Purtroppo abbiamo un Governo di incompetenti e parassiti che certamente metterà i bastoni tra le ruote a questa lodevole iniziativa. Possiamo dimostrare all’Europa e al Mondo che l’Italia non è una Nazione di buoni a nulla, ma bensì un grande Paese che saprà risollevarsi con le sue forze. Mia ed io abbiamo già partecipato all’emissione del mese scorso e nelle nostre possibilità parteciperemo, se, come spero, verranno accolte le Vostre richieste, che considero anche mie.

  • Interessantissimo il dialogo ipotetico di Grassi, dettato da ragione e coscenza, elementi totalmente assenti in chi ci governa oggi. Purtroppo non credo che ci sia qualcuno al governo, che dia ascolto a questi importantissimi consigli, in quanto formato da emissari al soldo di quei poteri che questi consigli andrebbero a fermare. Il problema in italia oggi, non è come recuperare denaro, il problema è che abbiamo la quasi totalita del governo, al soldo di forze extraparlamentari, prova ne è il tutale vilipendio alle norme costituzionali e al silenzio/assenso di tutte quelle forze che dovrebbero invece vigilare: opposizione, corte costituzionale, magistratura, forze dell’ordine…..tutti se ne sono stati a guardare. Ragione vuole che per risolvere un problema, si dovrebbe prima di tutto, eliminarne la causa e poi gli effetti…..cercare di risolvere gli effetti, lasciando indisturbata la causa, vanificherà ogni tentativo.

  • Bisogna stare attenti e riflettere bene. Con i Bot gli italiani si sono arricchiti per anni. Erano una manna. Il problema per lo Stato: interessi alti. Si è scelto il sistema internazionale perchè si accontenta di interessi molto bassi con il rischio però che il nostro debito pubblico e le varie valutazioni degli enti possa fare salire lo spread e possono essere dolori. Il problema rimane sempre lo stesso: abbassare il debito pubblico. Pensiamoci bene

Share via
Top