ABBONATI SOSTIENI

BIMBO STRAPPATO ALLA MADRE E PORTATO IN UN LUOGO SEGRETO: “NON SO DOVE SIA, VOGLIO RIVEDERLO” – Speciale #Byoblu24

SPECIALE BYOBLU24 – Questa è la storia di una mamma che ha perso la responsabilità genitoriale sul figlio e che quel figlio adesso non sa più dove sia. Nessuna notizia dallo scorso 14 agosto. Quando il bambino le viene strappato via dalle braccia è quasi mezzogiorno, fa caldo, è piena estate. La mamma sta parlando con alcuni operatori dei servizi sociali, sembra una normale chiacchierata ma in mano quegli stessi operatori hanno il decreto del giudice: “collocamento con assoluta urgenza del minore in area ed idoneo ambiente, protetto e segreto, da attuarsi con l’ausilio delle Forze dell’Ordine”.

Tutto è iniziato 3 anni fa quando la madre decide di troncare la relazione con il suo convivente, e padre del bambino, che ha anche denunciato per violenza contro di lei (procedimento archiviato) e per abusi sul figlio. Quest’ultimo procedimento giudiziario è ancora in corso. Quella tra la mamma e il suo ex compagno è una battaglia a colpi di denunce e di accuse reciproche. Tra cui quella, rivolta proprio alla madre, di non aver voluto vaccinare il bambino. Per i servizi sociali e per il consulente tecnico d’ufficio che redigono la relazione questo è un aggravante, ma lei insiste: “Non sono una No Vax, mio figlio ha uno stato di salute incompatibile con il programma di vaccinazione”. Medici, pediatri, biologi: sono diverse le relazioni che spiegano l’incompatibilità del bambino con alcuni tipi di vaccino o che perlomeno consigliano una serie di esami approfonditi per escludere qualsiasi eventuale reazione o controindicazione. Del caso si è occupato, tra gli altri, il biologo Franco Trinca e il nanopatologo Stefano Montanari, consulenti di parte della madre.

Ma non è solo una questione legata ai vaccini, per il Ctu incaricato dal tribunale tra la mamma e il figlio c’è un “rapporto simbiotico”: i due avrebbero stretto un “patto di lealtà”, scrivono, che allontanerebbe il bambino dal padre, rifiutato e visto come figura ostile. Secondo le relazioni stilate, non sarebbe una madre in grado assolvere all’obbligo di istruire ed educare il figlio. La decisione del giudice, sulla base di queste considerazioni espresse dal Ctu, è quindi inevitabile: sospesa la responsabilità genitoriale di padre e madre, la tutela del minore passa in capo all’Azienda Sanitaria Provinciale. Abbiamo cercato di capire di più recandoci alla sede dei servizi sociali che hanno in carico il bambino. Bocche cucite: “C’è un procedimento giudiziario in corso – spiegano – e non abbiamo nulla da dichiarare, eseguiamo soltanto le disposizioni del giudice”!

Questa vicenda, assai delicata, #Byoblu24 l’ha voluta affrontare impegnandosi in una ricostruzione dei fatti obiettiva e completa. Dispiace per il tentativo andato a vuoto di contattare anche il legale dell’altra parte in causa, il padre del bambino. Rimaniamo a disposizione per qualsiasi intervento volto a completare e chiarire ulteriormente la questione.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€67.142 of €100.000 raised

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 19 Gennaio 2021
FT

Fausto Triva

€25,00 19 Gennaio 2021
MM

MAURO MANEO

€10,00 19 Gennaio 2021
SD

Salvatore Di Stefano

€10,00 19 Gennaio 2021
MS

MANUELA SILVESTRINI

€10,00 19 Gennaio 2021
LS

Luca Schillaci

€25,00 18 Gennaio 2021
BC

Bojana Cavka

€10,00 18 Gennaio 2021
g

gianluca

€5,00 18 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€30,00 18 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€30,00 18 Gennaio 2021
PB

Pasquale Bisceglia

€5,00 18 Gennaio 2021
FM

Filippo Macedone

€10,00 18 Gennaio 2021

Sebbene non tutti i servizi siano della stessa qualità...

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 18 Gennaio 2021
M

Michele

€5,00 18 Gennaio 2021
DG

Daniela Gasparini

€10,00 18 Gennaio 2021

Grazie!

MF

MADDALENA FERRARI

€50,00 18 Gennaio 2021

Non mollate!

SM

Silvana Montalti

€25,00 18 Gennaio 2021
D

Domenico

€50,00 18 Gennaio 2021

Grazie !!

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 18 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 18 Gennaio 2021

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • I bambini hanno bisogno per un sano sviluppo di avere un rapporto equilibrato con entrambi i genitori: il padre e la madre. In questo caso la madre, a parere della CTU, ha instaurato con il piccolo un patto di lealtà di fatto alienando la figura paterna. Le denunce non provano nulla e il fatto che siano state archiviate, evidentemente perché prive di fondamento, avvalorano che si tratti di alienazione parentale.
    Dispiace che un sito come “Byoblu” affronti un tema delicato come questo con pressapochismo e approssimazione.

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via