ABBONATI SOSTIENI

Referendum: prima di sparare pensa… Pensa che puoi decidere tu! – Massimiliano Bonavoglia

referendum taglio parlamentari sparare pensa

di Massimiliano Bonavoglia
docente di Filosofia del Diritto, università e-Campus

Tempo fa una bella canzone intonava: “Prima di sparare pensa (…) Pensa che puoi decidere… tu”.

Sino a pochi mesi fa, chi avesse dichiarato di opporsi al taglio del numero dei parlamentari per il quale voteremo fra quattro giorni, si sarebbe attirato i peggiori improperi, perché sarebbe sembrato un difensore della casta. Fortunatamente con il passare del tempo alcuni elettori ancora indecisi hanno avuto modo di approfondire e rivedere il dilemma sì-no, in un’ottica più ampia e meno ideologicizzata. Sfortunatamente, i dibattiti politici quest’anno, rispetto all’ultimo referendum costituzionale, sono stati ridotti ai minimi termini, anche per l’ingiustificato prolungamento dello stato di emergenza voluto dal governo. Chi ha voluto informarsi, lo ha dovuto fare quasi autonomamente. Andiamo ai contenuti.

Taglio del numero dei parlamentari: si risparmia veramente?

Ridurre il numero dei nostri rappresentanti (si arriverebbe a 400 deputati e 200 senatori) produrrà un risparmio irrisorio: lo 0,007% ossia 57 milioni l’anno della spesa, quindi 95 centesimi all’anno per cittadino. Va ribadito: riduciamo i nostri rappresentanti politici, e quindi il nostro potere democratico del controllo della cosa pubblica, per meno di un caffè all’anno.

Sia chiaro: con la vittoria del sì passeremmo dal ventitreesimo posto in Europa (su 27) agli ultimi posti per rapporto rappresentanti parlamentari/elettori. Per di più, non modificando la legge elettorale e i meccanismi costituzionali di rappresentanza, a parlare per noi andrebbero non i volti che conosciamo dall’inizio della campagna elettorale, ma i nominati dalle segreterie di partito, quindi ancora più Toninelli (l’”ottusangolo” dei cinque stelle) e i vari Bonafede (“dj fofò” per gli amici) che, per esempio, oscura la carriera politica dei Di Matteo, fiore all’occhiello dell’antimafia, per non indispettire i capi delle cosche, i quali poi vengono scarcerati (anche quelli al 41-bis) per sedare le rivolte nelle carceri (da loro comandate). Complimenti al Guardasigilli! Perché dall’alto scelgono gente simile? Perché, come diceva Falcone, in uno Stato infiltrato dalla mafia governano i cretini, facilmente controllabili.

Comprare 200 senatori è più facile che corromperne 315

L’unica cosa che andrebbe davvero superata in Italia è il bicameralismo perfetto, ossia il rimpallo tra Camera e Senato di una legge invisa a qualcuno, che ne rende inattuabili i contenuti. Peccato che votando sì al referendum questo meccanismo non venga migliorato. Ci aveva provato Renzi con il precedente referendum, aggiungendovi una caterva di modifiche costituzionali che gli elettori bocciarono sonoramente. Ora non ci si prova nemmeno. Da parte dei poteri forti, comprare 200 senatori, attraverso magari le segreterie dei partiti che li nominano, è molto più facile che corromperne uno a uno 315, eletti da cittadini, nei confronti dei quali si sono spesi su certi temi mettendoci la faccia… si annullano le possibilità che almeno qualcuno di loro non l’abbia intercambiabile con il posteriore, e tenga fede alle promesse.

Intere regioni senza rappresentanza

Intere regioni come il Trentino rischiano di non avere senatori a rappresentarle, a causa del meccanismo che riconosce i seggi su base regionale, e grazie alla riduzione dei posti disponibili intere aree demograficamente meno popolate rischiano di rimanere senza voce, alla faccia della democrazia dal basso! Il ridimensionamento del potere rappresentativo delle massime istituzioni democratiche comporta la riduzione della loro funzione e prepara il terreno per un sistema meno equo e a maggior rischio oligarchico.

Caro uomo comune: prima sparare, pensa!

Torniamo all’uomo comune. Sono sempre gli indecisi l’ago della bilancia. Quindi, caro uomo comune, siamo tutti con te, quando ti indigni per la politica “sprecone”, ma la tentazione di votare sì, però, è una fregatura. Ritieni di tagliare poltrone, ma così facendo non taglierai le loro, anzi, li renderai sempiterni! Apri gli occhi: sono loro stessi che te lo propongono, e perché lo fanno? Perché hanno già svenduto l’anima a gestori esteri. E si tratta della tua di anima, quella del tuo Paese, l’hanno fatto perché non avevano altro da dare, avendo già da tempo barattato la propria per molto meno all’inizio della loro carriera politica.

Il movimento 5 stelle prese più del trenta per cento di voti nel 2018, ma non tanto per i “vaffa”: fu votato perché tutti gli altri avevano dato il voltastomaco. Vinse per demeriti altrui, più che per meriti propri. Alla prova dei fatti, sta distruggendo l’Italia intera, facendo rimpiangere gli statisti della prima repubblica. Ora ti propone, caro uomo comune, di stringere a imbuto le possibilità di far sentire la tua voce, per il bene del Paese.

Prima di sparare la tua cartuccia in cabina elettorale, caro uomo comune, pensa al perché ti stanno facendo rinunciare alle tue chance, non alle loro.

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

LA TUA GRANDE SCOMMESSA PER CAMBIARE LA STORIA

€8.904 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

LD

Lamberto Dallari

€5,00 30 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 29 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 29 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€2,00 29 Settembre 2020
ML

Massimiliano Livieri

€15,00 29 Settembre 2020

grazie Claudio per le informazioni preziose, un abbraccio Manuel Livieri

L

Lorenzo

€10,00 29 Settembre 2020

Camerieri sei brava, ma la "S"... LOL!

RM

Rocco Minniti

€20,00 29 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 29 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 29 Settembre 2020
tg

tirabassi giotto

€5,00 29 Settembre 2020
SA

Sergio Anzalone

€10,00 29 Settembre 2020

Grazie

Ma

Massimo ansaloni

€5,00 29 Settembre 2020
M

Marinella

€25,00 29 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€30,00 28 Settembre 2020
AG

Aldo Gardin

€10,00 28 Settembre 2020

grazie per tutto quello che fate

MS

Massimiliano Seggio

€10,00 28 Settembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 28 Settembre 2020
AM

Alberto Monaco

€10,00 28 Settembre 2020

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Top