ABBONATI SOSTIENI

ARRIVA LA CONVENZIONE DI FARO: ARTE E CULTURA A RISCHIO PER TUTELARE MINORANZE RELIGIOSE?

Notizia apparsa nel Tg di #Byoblu24 del 25 settembre 2020

Vi ricordate quando coprirono le statue classiche dei Musei Capitolini per non offendere il presidente iraniano Hassan Rohani in visita a Roma nel 2016? Anche allora era ministro dei beni culturali Dario Franceschini, che disse “di non essere stato informato di quella incomprensibile scelta”.

Adesso questa forma di censura potrebbe divenire possibile con la Convenzione di Faro, che il Parlamento italiano ha autorizzato alla ratifica. La Convenzione introduce il concetto di “eredità culturale”, definendolo come “l’insieme delle risorse ereditate dal passato che le popolazioni identificano, indipendentemente da chi ne detenga la proprietà, come riflesso ed espressione dei loro valori, credenze, conoscenze e tradizioni, in continua evoluzione“. Si tratta di una definizione che introduce “una visione più ampia del patrimonio culturale”, secondo il FAI, il Fondo per l’Ambiente Italiano.

I punti controversi della Convenzione di Faro

Sembrerebbe tutto bene fin qui, ma il punto controverso è contenuto all’articolo 4 dell’accordo internazionale. Questo stabilisce che l’esercizio del diritto all’eredità culturale e quindi la fruizione del patrimonio artistico può essere soggetta “alle limitazioni necessarie in una società democratica, per la protezione dell’interesse pubblico e degli altrui diritti e libertà”. Quali sono gli altrui diritti e libertà che possono limitare la nostra eredità culturale? E poi l’arte e la sua fruizione non dovrebbero essere sempre libere per definizione? La Lega, Fratelli d’ItaliaVox Italia non hanno dubbi: la ratio della norma è di tutelare gli interessi di minoranze religiose che potrebbero sentirsi offese dalla nudità di alcune nostre opere d’arte. Per questo motivo, secondo il critico d’arte Vittorio Sgarbi, sentito da Byoblu nel TG #Byoblu24 di oggi, l’autorizzazione alla ratifica dell’accordo “è uno dei tanti delitti di un Parlamento confuso”.

Oggetto di disputa è anche l’articolo 7 della Convenzione, secondo il quale i Paesi ad essa aderenti si impegnano a stabilire i procedimenti di conciliazione nel caso in cui “comunità diverse” attribuiscano a un’opera d’arte un “valore contraddittorio”, cioè un significato diverso da quello che noi comunemente attribuiamo alla stessa. Ancora una volta sorgono molti dubbi: quali sono i “valori contraddittori” di cui parla la Convenzione, tali da dover far sorgere un procedimento di conciliazione oppure da dover sottoporre il nostro patrimonio culturale a limitazioni?

Forse non è un caso che Paesi come Francia, Germania, Regno Unito e Russia non abbiano ratificato né sottoscritto l’accordo internazionale.

La Convenzione prevedeva future pandemie?

Secondo Dario Franceschini, la Convenzione di Faro non chiede affatto di censurare la nostra arte o di coprire le statue. Per “limitazione all’esercizio del diritto all’eredità culturale in nome della protezione dell’interesse pubblico” si intende – secondo il ministro – limitare, regolamentare o bloccare l’accesso a musei, cinema o teatri, come avvenuto durante i primi mesi dell’emergenza Covid.

La Convenzione, però, è stata firmata nel lontano 2005. Dobbiamo allora pensare che gli Stati firmatari prevedevano che avremmo avuto in futuro emergenze o pandemie tali da richiedere una limitazione al diritto di fruizione del patrimonio culturale? Coloro che hanno scritto e firmato questo accordo sanno che “la bellezza salverà il mondo”, come diceva Fedor Dostoevskij? Perché qui pare che invece, la bellezza, potebbe finire per doversi salvare dal mondo!

Scarica qui il documento: La Convenzione di Faro.

LA TUA GRANDE SCOMMESSA PER CAMBIARE LA STORIA

€22.473 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

RF

Roberto Fantoni

€10,00 29 Ottobre 2020

Grandi

GO

Giovanni Orio

€50,00 28 Ottobre 2020
D

David

€10,00 28 Ottobre 2020

Da inizio anno 2020, ho avuto conferma definitiva che l'informazione distribuita dai mezzi d'informazione dominanti e più diffusi, può essere manipolata e pilotata per essere nociva "a piacere": da chi ha il potere economico o quello legale. Posso… Leggi tutto

Da inizio anno 2020, ho avuto conferma definitiva che l'informazione distribuita dai mezzi d'informazione dominanti e più diffusi, può essere manipolata e pilotata per essere nociva "a piacere": da chi ha il potere economico o quello legale. Posso affermare di esserne completamente disgustato e STUFO!
Grazie per il vostro impegno.

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 28 Ottobre 2020
GP

Giuseppe Piva

€10,00 28 Ottobre 2020

grazie

U

Unga

€10,00 28 Ottobre 2020

80 anni fa hanno usato Hitler, oggi usano il virus!

R

Roberto

€25,00 28 Ottobre 2020

Grazie per il vostro lavoro

DT

Davide Tavecchia

€25,00 28 Ottobre 2020
FM

Francesco Mugnai

€10,00 28 Ottobre 2020
DF

Denis Fellardi

€20,00 28 Ottobre 2020

Grazie per questa TV libera, continuate a tenere duro, continuate così!!

LB

Laura Belardi

€20,00 28 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Ottobre 2020
A

Adele

€10,00 28 Ottobre 2020
GF

Giacomo Fiorani

€25,00 28 Ottobre 2020

Grazie per tutto l'impegno per sviscerare la verità, specialmente in questo terribile periodo, dove siamo alla mercé di un'oscuro progetto ai danni dell'umanità.

A

Anna

€10,00 28 Ottobre 2020

Non è la prima volta, quando io sento le stesse cose precise anche nel siti russi. E per me, questa informazione è più affidabile della favola horror che fanno vedere dal TV.

MP

Marina Perilli

€10,00 28 Ottobre 2020
SB

SIMONE B

€10,00 28 Ottobre 2020
FM

FRANCESCO MAZZOCCO

€10,00 28 Ottobre 2020

forza ragazzi

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Ottobre 2020
MC

Maria Giuseppa Cera

€10,00 28 Ottobre 2020

Vorrei tanto fare di più, ma il mio stipendio è di circa 700 euro al mese, cercherò comunque di fare le mie piccole donazioni ogni volta mi sarà possibile perché è cosa buona e giusta per noi stessi. Seguo tt i GG Davvero TV, compresi i TG… Leggi tutto

Vorrei tanto fare di più, ma il mio stipendio è di circa 700 euro al mese, cercherò comunque di fare le mie piccole donazioni ogni volta mi sarà possibile perché è cosa buona e giusta per noi stessi. Seguo tt i GG Davvero TV, compresi i TG. Siete fantastici!!!

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • La storia della censura alle opere d’arte è una gran montatura innescata da Fratelli d’Italia partendo da una battuta di Sgarbi che è stata presa come notizia vera. La foto che gira si riferisce a un convegno interreliguoso del 2016 nel momento in cui i musulmani hanno praticato una cerimonia di alcune ore, niente di più
    https://genova.repubblica.it/cronaca/2018/04/16/news/epaninonda-194018059/
    La convenzione di Faro non fa cenno a niente di sumile. L’unico punto in cui parla di rapporto con altre culture è l’articolo 7
    Articolo 7 – Eredità culturale e dialogo.
    Le Parti si impegnano, attraverso autorità pubbliche ed altri enti competenti a:
    incoraggiare la riflessione sull’etica e sui metodi di presentazione dell’eredità culturale, così come il rispetto per la diversità delle interpretazioni;
    stabilire i procedimenti di conciliazione per gestire equamente le situazioni dove valori tra loro contraddittori siano attribuiti alla stessa eredità culturale da comunità diverse;
    sviluppare la conoscenza dell’eredità culturale come risorsa per facilitare la coesistenza pacifica, attraverso la promozione della fiducia e della comprensione reciproca, in un’ottica di risoluzione e di prevenzione dei conflitti;
    integrare questi approcci in tutti gli aspetti dell’educazione e della formazione permanente.
    https://farovenezia.org/convenzione-di-faro/

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via
Top