ABBONATI SOSTIENI

“LA SVENDITA DELL’ITALIA: UN ATTO SACRILEGO” – PAOLO MADDALENA

A cosa sono valsi un milione e 240 mila morti italiani per riconquistare i territori usurpati dallo straniero durante la prima guerra mondiale, se adesso, in apparente tempo di pace, il porto di Trieste passa sotto il controllo tedesco?

È infatti una società di Amburgo, la Hamburger Hafen und Logistik Ag, a rilevare il 50 per cento più uno dell’area portuale della città posta ai confini del territorio italiano. “È una notizia sacrilega, perché la vendita del porto di Trieste è contraria agli interessi della Patria e all’articolo 52 della Costituzione che stabilisce che la difesa della Patria è dovere sacro del cittadino”, afferma il giudice emerito della Corte Costituzionale, Paolo Maddalena ai microfoni di Byoblu24.

La svendita del porto di Trieste

Il porto di Trieste fu privatizzato con legge numero 84 del 1994, proposta dal governo guidato da Carlo Azeglio Ciampi, “un massone che ha svenduto il patrimonio pubblico italiano con un artificio terribile dal punto di vista giuridico ed etico: le privatizzazioni”, denuncia Maddalena.

Attraverso di esse “Lo Stato italiano viene destrutturato, perché concedere beni pubblici (come ad esempio un porto) a stranieri significa dare un colpo mortale all’indipendenza dell’Italia” – e prosegue – “Il popolo italiano viene defraudato dei suoi beni che gli appartengono a titolo di proprietà pubblica, cioè a titolo di sovranità” nel momento in cui questi ultimi vengono dati a gruppi privati o a Stati stranieri, come nel caso della Cina. “I nostri politici svendono la Patria, ma da chi siamo governati?”, si chiede Paolo Maddalena nel suo accorato intervento.

Le mira cinesi sul porto di Taranto

A Taranto sta infatti per chiudersi l’operazione per l’affidamento di una delle più grandi aree del porto al Gruppo Ferretti, oggi controllato per l’85 per cento dai cinesi del Weichai Group. Uno degli sponsor dell’intera operazione è il senatore Mario Turco del Movimento cinque stelle.

Lo scorso anno è stata affidata, per i prossimi 49 anni, la gestione del terminal contenitori a una società turca, la Yilport Holding, che, secondo un’informativa dell’AISE, il nostro servizio di intelligence estera, è socia della Cosco, una compagnia di Stato cinese.
Il porto di Taranto, che dista pochi chilometri dalla base NATO, è infatti per la Repubblica cinese un asset fondamentale per il progetto della via della seta. Altri porti italiani su cui i cinesi hanno le loro mira sono: Genova, Ravenna, Venezia, Palermo e Gioia Tauro.

Il progetto della Via della Seta è un accordo pessimo per l’Italia” – mette in guardia il professore Maddalena – “la Cina agisce con enti pubblici: è la Repubblica popolare cinese che compra e che si sta espandendo in Europa, venendo in contrasto con gli Stati Uniti d’America che hanno numerose basi Nato sul nostro territorio. È una situazione rischiosissima anche per la nostra sicurezza nazionale”.

Le soluzioni: stampare moneta e applicare la Costituzione

Secondo il giudice bisogna far valere il nostro interesse nazionale. Le soluzioni ci sono e sono sancite nella nostra Carta costituzionale: lo sciopero generale da parte dei lavoratori e l’applicazione dell’articolo 43.
Quest’ultimo stabilisce che la legge può riservare o trasferire allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori i servizi pubblici essenziali, le fonti di energie e le situazioni di monopolio, “in una parola tutte le industrie strategiche e tutte le fonti di produzione nazionale”.

Per ricostruire il patrimonio pubblico e riprendere la ricchezza del popolo italiano svenduta alle multinazionali o a potenze straniere, occorre, secondo Maddalena, “stampare una moneta italiana, operazione non è affatto vietata dai trattati europei”. Con la moneta interna sarebbe possibile riportare nelle mani del popolo tutti i beni pubblici persi.

Insieme a questo servirebbe una informazione libera e indipendente, Maddalena ne è ben consapevole e formula un augurio a Byoblu: “Spero che presto riusciate a diventare una rete nazionale e ad arrivare in tutta Italia”, afferma il professore in un’intervista che è a tutti gli effetti il manifesto di un patriota italiano.

LA TUA GRANDE SCOMMESSA PER CAMBIARE LA STORIA

€22.133 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

ID

Ilaria De Lucia

€5,00 28 Ottobre 2020

Grazie

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€2,00 28 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€2,00 28 Ottobre 2020
ac

agnese carpitelli

€5,00 28 Ottobre 2020

La soluzione: il cambiamento! Buon lavoro!

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 27 Ottobre 2020
SD

SIMONE DINI

€2,00 27 Ottobre 2020

Poco ma spero appreziate

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
LB

Luca Bulgarelli

€25,00 27 Ottobre 2020

Soltanto chi non ha bisogno di comandare ne di ubbidire capisce cos'è la libertà.

NG

Neus Garcia

€1,50 27 Ottobre 2020

poco ma mi aggiungo grazie

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Ml

Maurizio leone

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€33,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 27 Ottobre 2020
ZG

Zeljka Grubac

€10,00 27 Ottobre 2020

Buon lavoro

FR

Francesco Rovito

€25,00 27 Ottobre 2020

ho conosciuto byoblu a marzo, in questa diabolica situazione, e sono convinto che la realizzazione di un polo TV di informazione libera sarà un contributo per le future generazioni, di un rilievo non scontato da riuscire facilmente a valutare..

AG

Aldo Gardin

€10,00 27 Ottobre 2020
FS

FRANCESCO SCAGLIA

€10,00 27 Ottobre 2020

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Tutto condivisibile o quasi l’analisi di Maddalena. Tutto meno l’affermazione che gli italiani se la prendono coi migranti, i quali portano lavoro e ricchezza (sic). Evidentemente Paolo Maddalena conosce poco la situazione reale dei cd. migranti. Casomai sono gli italiani, sempre più precarizzati e bistrattati che mantengono le torme di invasori, e non certo il contrario. Non solo, la precarizzazione del lavoro e la distruzione del sistema sociale sono in massima parte dovuti proprio alla presenza sempre più massiccia e insostenibile di queste “risorse” protette e sostenute da quei politicanti nemici dell’Italia e degli italiani che Maddalena giustamente critica.
    Prima di dire scempiaggini del genere è bene che Maddalena si documenti meglio.

  • Ho ascoltato con trasporto ciò che il giudice ha spiegato. Troppi italiani sono infatti all’oscuro di questi fatti gravissimi. Cosa possiamo fare noi come cittadini per iniziare a compiere i primi passi a una grande e accorata rivolta. Occorre essere ben organizzati, ma siamo voci soliste fuori dal coro. Occorre forse iniziare una petizione da presentare, tanto per incominciare? Anche gli scioperi sono utili, ma dobbiamo essere in tanti per farci sentire. Si può creare un gruppo “Byoblu” per iniziare a comunicare, tra cittadini, professionisti? Grazie

  • Il dott. Maddalena (che seguo su byoblu da anni) ha dimenticato che L’Italia ha perso la II guerra mondiale ed ha subito il Trattato di Parigi (febbraio 1947). Nel Trattato è chiaramente dichiarata la perdita di sovranità italiana sul neo costituito Territorio Libero di Trieste. Faccio presente che il Trattato di Parigi è recepito in toto dalla Costituzione italiana entrata in vigore il 01/01/1948. Attualmente Trieste ha una amministrazione civile provvisoria da parte del governo italiano (non dello Stato italiano) a seguito degli accordi del Memorandum di Londra del 1954.Pertanto le affermazioni del dott. Maddalena andrebbero corrette nella perdita di sovranità da parte del popolo del Territorio Libero di Trieste.

  • Il dott. Maddalena (che seguo su byoblu da anni) non ha ricordato che l’Italia ha perso la guerra ed ha subito il Trattato di pace di Parigi con il quale ha perso la sovranità sul territorio di Trieste. Inoltre la stessa costituzione italiana recepisce in toto il trattato internazionale.

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via
Top