ABBONATI SOSTIENI

Non devi rompere il cazzo!

stai zitto

editoriale di Max del Papa

Dici che siamo alla dittatura, ancora morbida ma dittatura, e i servi truci, subito: zitto, merda, chiudi la bocca, non ti azzardare. Che è precisamente il segno della dittatura. Ma vogliamo vedere le cose per come sono, vogliamo, come diceva Pasolini, collegare i punti in apparenza lontani?

Prove di dittatura

Damnatio per chi obietta, infamato come negazionista, nazista; obbligo di girare mascherati all’aperto; esercito per i dissidenti; avvisaglie di isolamento totale; l’ennesima virologa – ormai una pandemia, sono come i supereroi, ne trovi a un soldo la dozzina – che ordina, non si sa da quale pulpito: distanziamento sociale anche in casa, mascherina anche in casa; su Twitter un autore di televisione goliardica stila il suo decalogo: “mettete la mascherina, usate la app e non rompete il cazzo”.

Proprio così dice, non rompete il cazzo, per dire non fiatate, muti e obbedienti. E la canea furibonda contro chi non si adegua. Il premier eletto da nessuno Conte, va ad Assisi, si affaccia da un balcone e arringa la folla mentre nel cielo sfilano le frecce tricolori: immagine ducesca, ma si precipitano gli zelanti a spiegarti che il vero tiranno sei tu. Non è dittatura sanitaria, è dittatura e basta e verranno a prenderci a casa, uno per uno.

Marco Salvati Non Rompete il Cazzo

Scenari argentini o cambogiani. Anche l’opposizione che c’è ma non c’è “non rompe il cazzo”, sta muta e rassegnata ed è sempre più insistente il sentore di qualcosa che non si comprende, come una forza mostruosa e invincibile. L’Oms che le ha sbagliate tutte ammette serenamente che il lockdown globale è “una misura politica” ma non dobbiamo farci caso, non dobbiamo “rompere il cazzo”. Strana pandemia: colpisce solo l’Occidente capitalista, l’Africa, che non ha difese, ne è immune. Forse perché è già stata acquisita dalla Cina e non conviene insistere. L’Europa invece si può comperare, pezzo a pezzo, dopo averla imbavagliata e fatta fallire, l’America è sufficiente indebolirla.

Per chi lavora questa genia zdanoviana? È semplice: lavora per se stessa, nei giornali, nelle televisioni è segreto di Pulcinella che se non ti adegui ti fanno fuori. Un po’ come in certi ambienti dello spettacolo dove se non ti presti ai traffici e alle pratiche più oscene sei espulso. Mentre ciascuno lavora per sé, il paese si sfilaccia, si logora, si ripiega nella morìa di aziende, di negozi, di imprese, di attività. Ma a chi importa.

Dittatura morbida, ma fino a quando? Il venerabile maestro Piero Angela, divulgatore di documentari, trova che “non c’è abbastanza pressione, ci vuole l’esercito contro gli untori senza mascherina”: non mette paura? Il genetista Crisanti è un altro diventato difficile da seguire, un giorno dice che le scuole sono focolai, che bisogna impedire agli alunni di cantare, un altro che le mascherine all’aperto sono inutili e tu lo ascolti e ti chiedi: ma è rinsavito oppure sta rilanciando, vuole qualcosa di più? Perché alla fine non è come dice Bergoglio, che il virus è colpa del mercato ma il contrario, il mercato sfrutta il virus: dopo la saturazione delle mascherine, il business delle visiere di plastica, poi i guanti, poi, chissà, le calosce e le tute immunizzanti come nei film di fantascienza e forte è il sospetto che vogliano trasformarci in tanti profilattici saltellanti in giro, umanità cazzona, sterilizzata e contenta.

Democrazia paternalistica

Servirebbe una nuova resistenza, ma che fai? Vai in montagna? Contro chi? Contro chi se il grosso della gente è irrazionale e odia chi ragiona, se nutre un pensiero sciamanico, scaramantico? La griffe resistenziale se l’è presa l’Anpi, una di quelle associazioni residuali in mano al Pd che la manovra alla bisogna e si fa strada un curioso concetto di resistenza che non è contro il regime ma lo puntella, lo blinda. Contro chi, se perfino il pontefice argentino maledice chi ragiona e non si arrende al cristianesimo pagano, medievale?

C’è, vogliamo dire, un tragico vuoto di intenzioni e di prospettive, mancano gli spazi per reagire, per organizzarsi se non c’è neppure una opposizione politica in grado di rappresentare l’insofferenza. Così come Mick Jagger nel ’68, anno di tumulti, se la cavava cantando “ma che cosa può fare un povero ragazzo nella Londra assonnata se non cantare in una band di rock and roll”, anche il cronista potrebbe dire: ma che diavolo posso fare io se non continuare a scrivere su uno schermo? Siamo pochi e siamo soli, collegati ma soli, isolati. Le nostre parole non contano niente, si infrangono contro muri che non sono di gomma, sono bastioni poderosi, fortezze inscalfibili, sono le colonne immani del conformismo e dell’opportunismo e dell’irresponsabilità spacciata per buon senso. Il tratto squisito della dittatura è mascherarsi da democrazia paternalistica, ti impedisco di vivere ma nel tuo interesse, ti segrego per il tuo bene. E tu devi essere riconoscente e non devi “rompere il cazzo”.

Se non ti sta bene, se non lo capisci che ti uccido per farti morire sano, allora ti serve un aiuto: un tetro bussare alla porta, “venga con noi” e il problema è risolto. Sì, d’accordo, sto esagerando, sono un malato, un alienato, sono uno che “rompe il cazzo” ma che pensare quando a questo esito collaborano tutti dalla Cina virale all’Unione europea dei clandestini? Quando esci e vedi una città di zombie in mascherina sotto al sole? Quando i numeri veri non contano, i luminari dissidenti vengono umiliati da campagne mediatiche criminali e i cittadini dissidenti inseguiti, insultati, pestati? Quando l’indifferenza e l’apatia diventano assuefazione? Il Wall Street Journal ha raccontato che Manhattan, il distretto newyorkese più ricco del mondo, sta praticamente fallendo a causa del lockdown: nessuna reazione. Una virologa cinese ha dichiarato che il virus è artificiale, l’hanno creato in laboratorio. Poi è fuggita in America prima che la facessero fuori. Ma, come dice D’Alema, sempre un po’ comunista: “La Cina è una grande civiltà e demonizzarla non ci conviene”. E Bergoglio la pensa allo stesso modo.

fonte

LA TUA GRANDE SCOMMESSA PER CAMBIARE LA STORIA

€22.128 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€2,00 28 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€2,00 28 Ottobre 2020
ac

agnese carpitelli

€5,00 28 Ottobre 2020

La soluzione: il cambiamento! Buon lavoro!

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 27 Ottobre 2020
SD

SIMONE DINI

€2,00 27 Ottobre 2020

Poco ma spero appreziate

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
LB

Luca Bulgarelli

€25,00 27 Ottobre 2020

Soltanto chi non ha bisogno di comandare ne di ubbidire capisce cos'è la libertà.

NG

Neus Garcia

€1,50 27 Ottobre 2020

poco ma mi aggiungo grazie

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Ml

Maurizio leone

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€33,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 27 Ottobre 2020
ZG

Zeljka Grubac

€10,00 27 Ottobre 2020

Buon lavoro

FR

Francesco Rovito

€25,00 27 Ottobre 2020

ho conosciuto byoblu a marzo, in questa diabolica situazione, e sono convinto che la realizzazione di un polo TV di informazione libera sarà un contributo per le future generazioni, di un rilievo non scontato da riuscire facilmente a valutare..

AG

Aldo Gardin

€10,00 27 Ottobre 2020
FS

FRANCESCO SCAGLIA

€10,00 27 Ottobre 2020
bp

bernardo piemonte

€3,00 27 Ottobre 2020

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via
Top