ABBONATI SOSTIENI

GRANDE RESET ECONOMICO: LA BATTAGLIA PER IL NUOVO ORDINE MONDIALE

È arrivato il momento di un grande reset del capitalismo globale.

Con queste enigmatiche parole Klaus Schwab, il fondatore del World Economic Forum, ha inaugurato la riunione virtuale di Davos, il gotha dove si incontra l’establishment della finanza internazionale, lo scorso giugno.

Un reset per imporre un “capitalismo moderato”

Ma cosa intende dire Schwab con “grande reset”? Nel suo intervento si delineano i due assi su cui si baserebbe questo punto di non ritorno. Deindustrializzazione e digitalizzazione. L’opera di propaganda di Greta Thunberg ha da tempo posto le basi per il primo asse e cioè l’eliminazione delle industrie del carbone e del petrolio e la conseguente riconversione ecologica dell’intero sistema produttivo per arrivare a quello che viene descritto come capitalismo sostenibile.

Questo cambiamento dovrà essere supportato da un processo di digitalizzazione mondiale. Le nuove infrastrutture 5G serviranno proprio a questo: a facilitare la gestione di un enorme traffico di dati, che diventeranno il petrolio del 21esimo secolo.

La maggior parte degli aspetti della vita quotidiana saranno controllati digitalmente, compresi tutti i pagamenti. Il sistema economico e finanziario verrà quindi trasferito nell’etere e sarà gestito con un sistema ibrido composto dalle banche centrali e da quelle aziende private in grado di coniare le proprie criptomonete, come il progetto Libra annunciato da Mark Zuckerberg.

Il reset dell’establishment non risolverà le ingiustizie sociali del capitalismo

Appare evidente che da questo scenario emerga una massa di sconfitti, tutti coloro che perderanno la propria occupazione dopo lo smantellamento del sistema industriale e la digitalizzazione dei servizi. Il grande reset proposto a Davos non sembra quindi essere una risposta alla portata di tutti, ma appare come una soluzione imposta dall’alto, atta semplicemente a tutelare gli interessi di chi la propone.

È curioso notare che la cosiddetta presunta “pandemia” di coronavirus, con le sue draconiane politiche di lockdown, curiosamente facilita e favorisce questo grande reset, imponendo un drastico cambiamento nei processi del lavoro, permettendo l’avanzata del digitale e – attraverso il blocco della mobilità – indebolendo l’industria dei combustibili fossili. Insomma, ad uno sguardo meno distratto e più attento, il coronavirus appare come una curiosa coincidenza, nella quale il caso potrebbe centrare molto poco.

L’altro reset: una moneta non più a debito ma a credito

Sembra però esserci un altro scenario possibile, un altro tipo di reset dell’attuale sistema capitalista. Non una soluzione moderata per rendere il capitalismo più “green“,”eco friendly” e “digital“, mantenendo però intatte le ingiustizie sociali di fondo. Si tratterebbe invece di un reset che intende rivoluzionare il sistema economico e finanziario moderno, partendo dalla sua base principale: la moneta.

Moneta che non dovrebbe essere più intesa come risorsa scarsa e a debito, ma come bene pubblico illimitato emesso a credito dalle banche centrali. Un cambio di paradigma totale che modificherebbe le gerarchie finora date per certe nel sistema che conosciamo: non più l’uomo come pedina all’interno di un’economia dominante, ma l’economia al servizio dell’uomo.

Secondo i rumors questa rivoluzione potrebbe essere fatta solo attraverso il superamento del sistema SWIFT, il provider globale più sicuro dei servizi finanziari. Questo dovrebbe essere rimpiazzato da un nuovo sistema gestito da computer quantistici.

Fantascienza? Alcuni esperti sostengono che il progetto sia già in stadio avanzato e che la nuova moneta sarà agganciata alle riserve auree di ogni Paese. E in quel caso chi si ritroverà con più soldi? La banca centrale dello Zimbabwe, un Paese attualmente al 115esimo posto nella classifica mondiale per prodotto interno lordo. Insomma una vera e propria rivoluzione copernicana.

Sempre secondo alcuni esperti, questo reset sarebbe sponsorizzato dal Presidente americano Donald Trump e le prossime elezioni americane sarebbero quindi uno spartiacque decisivo in questo senso.

Un reset temperato per cambiare tutto per non cambiare nulla, oppure una nuova rinascita, finalmente definitiva?

Il parere di Cosimo Massaro

A questo proposito abbiamo sentito il parere dello scrittore Cosimo Massaro, nonché studioso del sistema economia internazionale. Massaro effettua un’analisi storica dell’origine del moderno sistema economico internazionale, basato sull’emissione a debito della moneta da parte delle banche centrali. Lo scrittore conferma poi l’esistenza di una battaglia in corso tra l’establishment internazionale e alcuni personaggi dissidenti, tra cui lo stesso Presidente americano Trump e il Presidente russo Putin. Insieme starebbero mettendo a punto un sistema di pagamenti alternativo al circuito SWIFT.

LA TUA GRANDE SCOMMESSA PER CAMBIARE LA STORIA

€22.128 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€2,00 28 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€2,00 28 Ottobre 2020
ac

agnese carpitelli

€5,00 28 Ottobre 2020

La soluzione: il cambiamento! Buon lavoro!

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 27 Ottobre 2020
SD

SIMONE DINI

€2,00 27 Ottobre 2020

Poco ma spero appreziate

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
LB

Luca Bulgarelli

€25,00 27 Ottobre 2020

Soltanto chi non ha bisogno di comandare ne di ubbidire capisce cos'è la libertà.

NG

Neus Garcia

€1,50 27 Ottobre 2020

poco ma mi aggiungo grazie

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Ottobre 2020
Ml

Maurizio leone

€10,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€33,00 27 Ottobre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 27 Ottobre 2020
ZG

Zeljka Grubac

€10,00 27 Ottobre 2020

Buon lavoro

FR

Francesco Rovito

€25,00 27 Ottobre 2020

ho conosciuto byoblu a marzo, in questa diabolica situazione, e sono convinto che la realizzazione di un polo TV di informazione libera sarà un contributo per le future generazioni, di un rilievo non scontato da riuscire facilmente a valutare..

AG

Aldo Gardin

€10,00 27 Ottobre 2020
FS

FRANCESCO SCAGLIA

€10,00 27 Ottobre 2020
bp

bernardo piemonte

€3,00 27 Ottobre 2020

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Vinz De Carlo

    Come è stato ed è, una scelta esclusivamente POLITICA, la “seconda ondata”( sanitariamente inesistente), lo sarà anche un secondo lookdown.
    La presenza dell esercito è appunto atta a contenere le insurrezioni popolari.
    L obbligatorietà della mascherina anche all aperto è propedeutica alla nuova chiusura
    La decisione non sarà un esclusiva del governo italiano (è solo una pedina di uno scacchiere più ampio) ma gli “ ordini” arrivano da molto più in alto
    Le forze di opposizione lo sanno,ma non possono ne soprattutto VOGLIONO fare nulla per impedirlo.Al momento regna la connivenza politica
    La proroga dell emergenza sanitaria al 31 Gennaio 2021 è emblematica
    Un elemento,non meno importante,che ci viene celato e’ che la comunità scientifica italiana (e non solo) è al corrente che il coronavirus cinese è stato geneticamente modificato in laboratorio con l inserzione di geni del virus dell’HIV (motivo per cui erano preoccupati..giustamente aggiungererei) ma alle condizioni di oggi sembra essersi “adattato” all uomo tanto da generare quasi esclusivamente degli asintomatici.
    È comunque un dato da non sottovalutare perché il virus ha bisogno dell ospite per riprodursi,il contagio asintomatico rappresenta comunque un grosso problema in questo senso.Senza un vaccino (sicuro) il coronavirus non smetterà di esistere pur potendo adeguatamente curare il Covid-19.
    Ci vogliono fottere!
    Esiste ad oggi un UNICA via d uscita:le elezioni del 3 Novembre negli USA.Dipendera’dal loro esito
    Ma potrebbe essere in ogni caso troppo tardi
    Il contenuto di questo post è la confidenza che mi è stata fatta (a dire il vero e per certi versi gliel’ho “estorta”) da una personalità vicina al premier Conte.
    Vi pregherei di condividere più che potete ed inviterei chiunque a trarne le proprie conclusioni e ad agire come meglio crede

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via
Top