SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

DPdCM: DIRITTO PRATICO DEL COMANDO MAGICO – Avv. Vincenzo Giarmoleo 

DPdCM: DIRITTO PRATICO DEL COMANDO MAGICO

Tradurre ogni atto, ogni comunicazione, ogni iniziativa del potere o del governo (legittimo per definizione) sul piano puramente normativo, può essere un grosso errore. Come è noto, la norma giuridica esprime un dover-essere che, di per sé, dovrebbe sgombrare il campo da ogni possibile condotta incompatibile con quel dover-essere. Nel senso che esso si propone questo fine: un dover-essere è, per definizione, diretto a evitare un male (o ad arrecare benefici: bene e giustizia – direbbero i Greci – alla collettività). 

Ma ciò pare non accada più: anzi, poiché spesso risulta, come in questi giorni, poco chiaro il senso, incerta la ratio dispositiva di quel dover-essere (cioè della specifica norma giuridica) per conseguenza emerge altrettanto distintamente quanto l’escludere ogni altra possibilità di azione, da parte di quel dover-essere, possa costituire un incaglio semantico. 

Guai, poi, se si comincia a disquisire sull’ampiezza dei poteri garantiti da un “superpotere” – c.d. stato di emergenza – che il governo di un paese democratico, o presunto tale, si attribuisce, anche se in forza di una pre-esistente norma giuridica. 

Per logica (se usare la logica ha ancora un senso): lo stato di emergenza, oggi, è – di nuovo – norma. Tuttavia, il suo prolungarsi, il suo estendersi nel tempo (un anno, due anni?) ne contraddice l’essenza, il significato. 

Se lo stato emergenziale dura troppo a lungo – perdura – ecco che l’eccezione s’è fatta norma. Ovvero, tutto ciò che eccede l’ordinarietà è norma: sia la previsione, che l’esclusione. Un esempio pratico? Esiste una norma di legge (art. 85 T.U.P.S. – Regio Decreto n. 773/1931, ma anche art. 5 Legge 152/1975 e successive modifiche) che impone di uscire senza coprirsi il viso, in luogo pubblico o aperto al pubblico, in modo da rendere difficoltoso il riconoscimento della persona, senza giustificato motivo. Ciò perché – e questo da sempre – nascondere il viso desta allarme sociale: chi occulta i propri connotati lo fa, di solito, per poter operare anonimamente e quindi potenzialmente per intraprendere azioni riprovevoli o ingiuste. 

La norma, infatti, è assistita da severe sanzioni (arresto fino a due anni). 

Nell’emergenza sanitaria, al contrario, coprire il volto con la mascherina (e così rendendosi irriconoscibili) diventa norma; attenzione: non soltanto condotta lecita (ciò che potrebbe costituire giustificato motivo che evita di ricadere nella fattispecie di reato prima prevista) ma condotta obbligatoria (dover-essere), con un pre-scritto del tutto opposto alla preesistente – e tuttora vigente – norma (che soccombe rispetto alla successiva, nel quadro dell’emergenza, per ragioni tecnico-normative che qui tralasciamo, seppur non siano di secondaria importanza) che impone di non uscire col volto coperto. 

Normalità: vietato non connotarsi, per esigenze di ordine pubblico. 

Emergenza: obbligatorio non connotarsi, per un fine sanitario (che si assume) come superiore. 

Una condotta (usare la mascherina) sola, due norme opposte. Vigenti entrambe. 

Il discrimine in base al quale si applica l’una piuttosto che l’altra è il regime di eccezione, lo stato di emergenza: l’a-normale. 

Unico discrimine? Kronos, il Tempo (1). Ma un solo segno: l’ambivalenza dell’essere, che tollera due dover-essere confliggenti. Due norme inconciliabili che, seppur chiare nelle rispettive finalità, incrementano il tasso di distonia e lanciano un messaggio schizofrenico alla collettività: quanto a lungo possiamo e dobbiamo non-connotarci? Oppure, al contrario: quanto a lungo dobbiamo osservare una condotta (normalmente) contraria al buonsenso, socialmente riprovevole e persino anti-igienica? 

Se (non soltanto sul piano linguistico) l’eccezione o emergenza – ciò che emerge rispetto all’ordinario – diventa norma, l’atto stesso del normare rischia di perdere di senso. 

Ecco, allora – magia! – che dal nulla normativo, appare (nell’emergenza) la raccomandazione. Ma la raccomandazione (che non è un comando, ma un atto di affidamento) mal si presta a essere veicolata da una norma giuridica (l’ultimo DPCM, che peraltro vorrebbe essere un comando).

Non entriamo, solo per pudore, nel dettaglio di questa raccomandazione, nata oltretutto come norma cogente nell’intenzione originaria del governo e rivelatasi, a una più attenta (quirinalizia) analisi, obbligo giuridico del tutto irricevibile sia costituzionalmente che logicamente (c.d. criterio di ragionevolezza, più volte impiegato dalle Alte Corti per dirimere questioni – per la verità ben più complesse di questa – di bilanciamento tra principi giuridici confliggenti). 

Il contrario dell’emersione, etimologicamente, è il tuffo. Occorre tuffarsi per riemergere. Ma per tuffarsi, ci vuole un atto di coraggio. Invece, il coraggio è proprio ciò che manca. Questo è il paradosso del giorno, dell’anno e – forse – del nostro tempo ingannevole. 

Avvocato 

Vincenzo Giarmoleo 

 

NOTE

(1) “Principio delle cose che sono ha detto l’àpeiron […] di dove è la nascita per le cose che sono, in tal direzione ha luogo anche la loro distruzione, secondo il dovuto: essi infatti scontano reciprocamente la pena e il fio dell’ingiustizia in base alla disposizione del Tempo (Anassimandro, frammento 1, VI secolo a. C.). 

UN CANALE TELEVISIVO UNICO NAZIONALE PER I CITTADINI. LA SFIDA, ENTRO IL 10 APRILE.

€311.009 of €150.000 raised

Youtube ha oscurato il canale di Byoblu. La giustificazione? Le riprese di una manifestazione di piazza di 7 mesi. Per i cittadini, niente diritto di cronaca! Oltre mezzo milione di iscritti costruiti in 14 anni di sacrifici andati in fumo. Duemila interviste a giudici della Corte Costituzionale, politici, economisti, magistrati, avvocati, giornalisti, intellettuali, duecento milioni di visualizzazioni video, tutti i vostri commenti, tutte le vostre condivisioni… tutto andato in fumo!
Abbiamo la possibilità di acquistare un canale nazionale sul digitale terrestre, in una buona numerazione, a un prezzo molto al di sotto del valore di mercato. Servono poco meno di 150 mila euro, e poi Byoblu e DavveroTV entreranno nelle case di tutti gli italiani, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta. Bisogna raggiungere questa cifra entro il 10 aprile. Se ci state, se accettate la sfida, fate la vostra donazione ed entriamo, tutti insieme, nella storia, dalla porta principale.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

PS

Paola Slaviero

€25,00 19 Aprile 2021

Buon lavoro

M

Marianna

€10,00 19 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€15,00 19 Aprile 2021
VD

Viviana De Santis

€10,00 19 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 19 Aprile 2021
PS

Piero Saracino

€10,00 19 Aprile 2021

Vi sostengo perché siete l'unico canale non allineato al pensiero unico.

SE

Susy Empereur

€10,00 19 Aprile 2021

Grazie per il vostro coraggio e impegno

CZ

Chiara Zanisi

€2,00 19 Aprile 2021

Prima la verità, basata sulla libertà di informazione

sc

silvana cappelli

€10,00 19 Aprile 2021
SN

Serena Napoli

€10,00 19 Aprile 2021

Grazie .

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 19 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 19 Aprile 2021
EV

Elisa Viverit

€200,00 19 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 19 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 19 Aprile 2021
FB

Flavia Bocchino

€5,00 19 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 19 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 19 Aprile 2021
AG

Alessandro Gatto

€10,00 19 Aprile 2021

Non posso darvi che un piccolo aiuto, visto che io e mia moglie viviamo di un solo stipendio. La situazione della nostra democrazia è drammatica. Vi ho anche segnalato un guasto che è iniziato oggi pomeriggio, domenica 18 aprile (Roma). Spero sia… Leggi tutto

Non posso darvi che un piccolo aiuto, visto che io e mia moglie viviamo di un solo stipendio. La situazione della nostra democrazia è drammatica. Vi ho anche segnalato un guasto che è iniziato oggi pomeriggio, domenica 18 aprile (Roma). Spero sia solo temporaneo.

MM

Mauro Maschio

€10,00 18 Aprile 2021

Forza ragazzi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via