ABBONATI SOSTIENI

LE MANI DEL PD SULLA COSTITUZIONE

 

«Quando si vuole diminuire l’importanza di un organo rappresentativo s’incomincia sempre col limitarne il numero dei componenti, oltre che le funzioni», diceva Umberto Terracini in una seduta dell’Assemblea costituente nel 1947. Il giurista e padre costituente paventava i rischi connessi a una riduzione del numero e delle funzioni dei parlamentari. Chissà se immaginava che l’organo rappresentativo del popolo sarebbe stato svilito nel suo ruolo come ormai avviene da tempo.

 

Il disegno di legge costituzionale del Partito democratico

Dopo la vittoria del sì al referendum costituzionale che ha ridotto il numero dei parlamentari a 600, un gruppo di senatori del Partito democratico ha depositato un disegno di legge costituzionale. La logica e la prudenza dei pesi e contrappesi avrebbero suggerito un rafforzamento delle funzioni del Parlamento e invece no. La direzione è quella di un rafforzamento del potere esecutivo.

 

Aumentano i poteri del Presidente del Consiglio dei Ministri

Il progetto di riforma aggiunge all’articolo 92 della Costituzione il potere del Presidente del Consiglio di proporre al presidente della Repubblica la revoca di un ministro.
Oggi non è così, un ministro può essere sfiduciato solo dal Parlamento. Nella storia repubblicana l’unico ministro sfiduciato dal Parlamento è stato Filippo Mancuso, guardasigilli del governo Dini nel 1995. La prassi è stata sempre quella delle dimissioni, forzose o meno, dei ministri.
Attribuire però ufficialmente al presidente del Consiglio il potere di proporre la revoca dei ministri sottopone questi ultimi al ricatto e alla volontà del capo del Governo.

 

Le modifiche al Senato

Il disegno di legge costituzionale del Pd ripropone qualche idea contenuta nella riforma Renzi-Boschi, che era stata bocciata dall’elettorato nel referendum del 2016. Il nuovo Senato a 200 membri viene infatti integrato da un senatore eletto a maggioranza assoluta da ogni Consiglio regionale. Saranno quindi 21 i senatori eletti dai Consigli regionali se dovesse passare questo progetto.

 

Un nuovo iter legislativo

Il Senato viene indebolito attraverso un nuovo procedimento legislativo: il bicameralismo temperato. In base alla riforma l’approvazione delle leggi spetta alla Camera dei deputati, ma il Senato può intervenire nel corso dell’iter legislativo. Su richiesta di un quinto dei suoi componenti, il Senato può disporre, entro 15 giorni dalla trasmissione del testo da parte della Camera, l’esame del disegno di legge. Entro i successivi 20 giorni, il Senato può deliberare proposte di modificazione sulle quali la Camera si pronuncerà definitivamente.

Da questo bicameralismo temperato sono escluse: le leggi di revisione costituzionale, le leggi costituzionali e le leggi elettorali che seguono l’iter paritario tra le due camere.

 

Il Parlamento in seduta comune

Vengono aumentate poi le funzioni del Parlamento in seduta comune che si occuperà anche delle leggi di autorizzazione a ratificare i trattati internazionali, delle leggi di approvazione di bilanci e consuntivi, delle leggi di conversione dei decreti legge, di autorizzare il ricorso all’indebitamento ai sensi dell’articolo 81 della Costituzione e di accordare o revocare la fiducia e la sfiducia costruttiva.

 

La sfiducia costruttiva

Si introduce infatti anche l’istituto della sfiducia costruttiva. In base ad esso un decimo dei componenti del Parlamento può chiedere di sfiduciare l’esecutivo indicando al Presidente della Repubblica una persona incaricata di formare un nuovo governo. La mozione di sfiducia è approvata a maggioranza assoluta dei componenti del Parlamento in seduta comune.

 

Addio alla Repubblica parlamentare

In base alla proposta di riforma il Governo potrà presentare una questione di fiducia motivata non solo sull’approvazione di un disegno di legge, sul mantenimento di un articolo o su un emendamento, ma anche su un ordine del giorno, una mozione o una risoluzione in discussione in una delle camere.
Un’ulteriore aggiunta che, se dovesse passare, sbilancerebbe l’ago della bilancia dei poteri verso il Governo e farebbe dire addio alla forma di governo della Repubblica parlamentare.

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€78.409 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

ByoBlu - Il video blog di Claudio Messora

1.00
REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!
Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

RS

Riccardo Simone

€10,00 3 Dicembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 3 Dicembre 2020
bL

bonaventura Laise

€10,00 3 Dicembre 2020

Grazie a Voi per il lavoro che fate. Resistere Resistere Resistere e Libertà di opinione qiesta è Democrazia. Grazie

Utente anonimo

Anonimo

€15,00 3 Dicembre 2020
MM

Manuela Maresca

€50,00 3 Dicembre 2020

Grazie

RD

RICCARDO DIMIDA

€10,00 3 Dicembre 2020
MZ

Marzio Zanin

€10,00 3 Dicembre 2020
pc

paola castiglioni

€50,00 3 Dicembre 2020

Grazie per il Vostro lavoro....speriamo in studi fatti da ricercatori indipendenti validi per comprovare/evitare vaccinazioni covid… Leggi tutto

Grazie per il Vostro lavoro....speriamo in studi fatti da ricercatori indipendenti validi per comprovare/evitare vaccinazioni covid dannose....

LD

Lorenzo D'Attoma

€10,00 3 Dicembre 2020
AB

Angelo Bonacini

€10,00 3 Dicembre 2020

Per la Patria, quella Patria Costituente per la quale mio padre ha combattuto i Nazisti.

pM

patrizio MASSERONI

€10,00 3 Dicembre 2020
A

Andrea

€10,00 3 Dicembre 2020

grazie

CA

Cristina Alessi

€50,00 3 Dicembre 2020
D

Davide

€5,00 3 Dicembre 2020

Per la Patria 🏴

DC

Daniele Alessandro Campana

€5,00 3 Dicembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 2 Dicembre 2020
GB

Giorgio Bertazzoni

€50,00 2 Dicembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 2 Dicembre 2020
gr

giancarlo rosati

€10,00 2 Dicembre 2020

Avanti così.

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 2 Dicembre 2020

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via