ABBONATI SOSTIENI

LOCKDOWN TERRITORIALE IN VALLE D’AOSTA, 3 PAESI CHIUSI E PRESIDIATI DALLE FORZE DELL’ORDINE

L’ordinanza regionale che dispone un mini lockdown

Il timore di lockdown territoriali si avvera. Tre paesi della Valle d’Aosta, Saint Denis, Chambave e Verrayes, sono completamente chiusi dalla mezzanotte del 16 ottobre. L’ordinanza 422 del presidente della Giunta regionale uscente, Renzo Testolin, ha istituito una zona rossa da cui non si può più entrare né uscire. Le strade di accesso pedonale e veicolare sono infatti sbarrate e presidiate dalle forze dell’ordine.

È davvero colpa di una festa?

La motivazione ufficiale del provvedimento amministrativo è la salita dell’indice di contagio Rt al livello 2. Secondo le voci che si sono rincorse nella piccola comunità, sette ragazzi sono risultati positivi al virus Sars Cov-2: cinque asintomatici e due con sintomi che sono passati dopo alcuni giorni. La colpa del contagio di questi ultimi è stata attribuita a una festa tradizionale che una ventina ragazzi hanno organizzato, ma un gruppo di cittadini vuole vederci chiaro. Per questo motivo hanno istituito un comitato per la liberazione della Valle d’Aosta e presentato un ricorso al TAR per chiedere l’annullamento dell’ordinanza. Secondo Luca Vesan, il presidente del comitato, non ci sono prove che il contagio sia avvenuto durante la festa, visto che “i ragazzi sono costretti ogni mattina a prendere mezzi pubblici pieni dove la distanza fisica non è rispettata”.

Il ricorso al Tar contro l’ordinanza

Per sette positivi, di cui solo due sintomatici, un’intera comunità di 2800 persone viene dunque completamente rinchiusa. L’ordinanza ha imposto inoltre un monitoraggio epidemiologico nei comuni di Chambave, Saint Denis e Verrayes e la popolazione è stata sottoposta a tappeto al test PCR con tampone nasofaringeo.
Da un punto di vista fattuale, la chiusura totale dei tre Comuni è una misura del tutto sproporzionata e inadeguata”, dice Maurizio Giordano, l’avvocato che ha curato il ricorso al TAR, nonché referente regionale del ComiCost, il comitato per le libertà costituzionali. “Come detto più volte da illustri virologi, essere positivi al virus non equivale sempre a essere malati e contagiosi”, ricorda l’avvocato Giordano, “ma questo dato ormai acquisito pare che i vertici delle Istituzioni non lo abbiano compreso a pieno”.
“Da un punto di vista giuridico, l’ordinanza lede l’articolo 13 della Costituzione, un principio fondamentale della nostra Carta”. Il provvedimento amministrativo dispone infatti “l’obbligo di permanenza domiciliare che è una misura restrittiva della libertà personale. In base all’articolo 13 della Costituzione, una simile misura penale può essere imposta solo sulla base di una legge e per atto motivato dell’autorità giudiziaria, non da un’ordinanza che è un atto amministrativo”, spiega l’avvocato.
Ad emetterla è stata poi il presidente della Giunta Regionale uscente che “si sarebbe dovuto limitare ad atti di ordinaria amministrazione. Per questo motivo chiederemo al nuovo presidente della Giunta regionale di annullare l’ordinanza in autotutela”, annuncia l’avvocato Giordano .

I danni economici subiti dalla cittadinanza

Nell’attesa che la politica o la giustizia si pronuncino, i cittadini del comitato valdostano denunciano le gravi ripercussioni economiche e psicologiche che avrebbero già subito. “Ci sono famiglie divise; alcuni mariti che lavorano fuori dalla zona rossa non possono più tornare a casa, perché, se lo facessero, rischierebbero di non poter più lavorare”, racconta Luca Vesan. “Molti sono stati costretti a rinviare operazioni e visite mediche anche urgenti”.
Il ComiCost annuncia di prendere in considerazione tutte le denunce per i danni subiti dai cittadini della Valle d’Aosta in conseguenza dell’ordinanza per agire sia in sede penale che civile.

 

 

 

 

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€74.355 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

ByoBlu - Il video blog di Claudio Messora

1.00
REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!
Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 25 Novembre 2020
DO

Daniele Ortu

€100,00 25 Novembre 2020

GRAZIE PER QUELLO CHE FATE. SIETE GRANDI!

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 25 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 25 Novembre 2020
NM

Nicola Mariani

€10,00 25 Novembre 2020
AG

Alberto Gastaldi

€10,00 25 Novembre 2020

Un servizio indispensabile

AS

Andrea Speranzon

€10,00 25 Novembre 2020
MS

Matteo Sabattini

€10,00 25 Novembre 2020

Grandi! Viva la LIBERTA

MA

Mario APICELLA

€10,00 25 Novembre 2020

proviamo visto che siamo sempre al verde ma che grazie a voi almeno non ci sentiamo soli

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 25 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€1,50 24 Novembre 2020
GP

Giovanni Puddu

€10,00 24 Novembre 2020

L'Umanità ha una lunga storia di verità velate e/o nascoste da una strategia di comunicazione fuorviante mirante alla manipolazione delle… Leggi tutto

L'Umanità ha una lunga storia di verità velate e/o nascoste da una strategia di comunicazione fuorviante mirante alla manipolazione delle menti impregnate di crisi e di paure ininterrotte. Fino ad un certo punto ci si premuniva almeno di salvare la faccia, ora, viene fatto spudoratamente. Grazie a voi è possibile almeno poter manifestare la non condivisione.

Grazie e Cordiali Saluti

RR

Roberto Ravagnan

€10,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 24 Novembre 2020
PV

Paola Viani

€10,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 24 Novembre 2020
AD

Andrea Di Martino

€10,00 24 Novembre 2020

Per una tv libera.

PA

Pietro Antoniazzi

€25,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 24 Novembre 2020

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via