SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

TERAPIA SHOCK. GLI EFFETTI DEL NEOLIBERISMO IN RUSSIA

TERAPIA SHOCK. GLI EFFETTI DEL NEOLIBERISMO IN RUSSIA

Nel 1989 una particolare euforia permeava le vite di milioni di persone nell’Est Europa. In quei giorni si avviava alla conclusione il ‘socialismo reale’, ovvero l’applicazione storica del marxismo-leninismo.

La fine della storia

Per la Russia post-sovietica e i paesi satelliti c’era già pronto il nuovo modello di società, quella neoliberista. Proprio in quegli anni il politologo Francis Fukuyama si apprestava a pubblicare ‘La fine della storia’ (1992), testo in cui prefigurava la vittoria finale del capitalismo, la stabilizzazione dell’economia di mercato nel mondo e, di conseguenza, la fine della storia come successione di sistemi economico-politici. Tuttavia quello che sembrava essere l’avvento di una nuova era di prosperità e benessere per tutti, si è presto rivelato essere l’esatto contrario.

Conosciuto con il nome di ‘terapia shock’, l’applicazione del neoliberismo in Est Europa fu rapido e radicale. Non sono pochi quelli che ancora oggi ricordano le pesanti conseguenze di quella terapia, che anziché curare finì per distruggere il tessuto sociale ed economico di numerosi paesi.

Cerchiamo di analizzare dunque quali furono le conseguenze del neoliberismo selvaggio in Russia.

La crisi demografica e sanitaria

Con l’arrivo dell’economia di mercato in Russia molti pensavano che finalmente i frigoriferi si sarebbero riempiti di prodotti e che ci sarebbe stata piena occupazione. La realtà dice il contrario. Tra il 1991 e il 2015 emigrano dal paese 5,3 milioni di abitanti, la gran parte per ragioni economiche e sociali.

Nel 1988 l’aspettativa di vita in Unione Sovietica era di 69,4 anni. Nel 1994, dopo l’introduzione delle nuove dottrine neoliberiste, l’aspettativa cala a 64,4 anni.

In uno studio pubblicato nel 1998 sul British Medical Journal dal titolo ‘Economic change, crime, and mortality crisis in Russia: regional analysis’, si legge:

“Il calo dell’aspettativa di vita in Russia negli anni ’90 non può essere attribuito semplicemente all’impoverimento. Al contrario, l’impatto della transizione sociale ed economica, aggravato dalla mancanza di coesione sociale, sembra aver giocato un ruolo importante.”

In sostanza la transizione economica, lontana dal portare benessere, si è risolta in un impoverimento generale della popolazione con pesantissime conseguenze di natura sanitaria e demografica.

Lo studio mette in evidenza anche che il rapido cambiamento della società, dal sistema socialista all’economia di mercato, ha aumentato significativamente la pressione psicologica sulle persone in età da lavoro.

L’aumento dei suicidi

Le conseguenze di tale pressione risultano in un aumento dei suicidi. Nel 1988 su 100mila persone si registravano il 27 suicidi; nel 1995 saranno 41.

In un articolo pubblicato nel 2015 sul Journal of Socialomics, dal titolo ‘What Accounts for the Differences in Suicide Trends Across Countries of the Former Soviet Union?’, Yury Evgeny Razvodovsky, psichiatra dell’Università statale di Grodno in Bielorussia, scriveva: “La rapida privatizzazione di massa e l’aumento della disoccupazione sono fattori determinanti per l’aumento della mortalità in Russia negli anni 90”.

Zoya Khodkina, dell’Istituto per lo studio dei problemi sociali ed economici russi, affermava nel 2003: “Le cause principali dei suicidi negli ultimi dieci anni sono i problemi sociali ed economici collegati al fatto che le persone non riescono ad adattarsi alle nuove condizioni dalla caduta dell’Unione Sovietica”.

Lo stesso scenario in Bielorussia?

L’applicazione del capitalismo selvaggio in Russia ed in Est Europa non avrebbe portato il benessere sperato. L’accanimento con cui buona parte del mondo occidentale si rivolge oggi alla Bielorussia fa pensare che lo stesso schema ‘terapia shock’ possa ripetersi anche con i bielorussi. L’opposizione al presidente Alexander Lukashenko già parla di necessità di liberalizzare. L’economia di mercato applicata in poche settimane potrebbe portare la Bielorussia sull’orlo del baratro, come la Russia negli anni ’90.

AIUTACI A COMPENSARE GLI ABBONAMENTI RUBATI DA YOUTUBE

€36.548 of €100.000 raised

Youtube ha rubato alla TV dei cittadini migliaia di abbonamenti e ci ha tolto la possibilità di fare pubblicità. Vogliono soffocarci perché siamo “dannosi”. Omettono di dire che in realtà siamo “dannosi” solo per loro e per la loro brutale bramosia di controllo. Siamo invece aria fresca e pura per i cittadini.

Stiamo lavorando da mesi alla conversione delle entrate di Byoblu e di DavveroTV a formule che il potere non può controllare, ma abbiamo bisogno di comprare ancora un po’ di tempo. Siamo sul ring e non abbiamo finito di combattere.

Solo tu puoi suonare quel gong e permetterci di fare un altro round, perché il potere, che nulla ammette se non se stesso, non deve averla vinta: la tv dei cittadini deve continuare ad esistere. Devono capire che tutti i loro soldi non sono niente di fronte alla determinazione dei cittadini che si organizzano per fare da soli.

Siamo centinaia di migliaia. Forse milioni… Diamo una risposta secca. In cambio avrete qualcosa che neanche loro possono comprare: la libertà! Vi daremo programmi ancora migliori e ancora più coraggiosi. Noi non abbiamo paura di essere “controversi”.

Comprateci solo un altro po’ di tempo!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

IR

Irene Rizzotto

€5,00 4 Marzo 2021

Continuate così. Siete grandi.

KS

Katia Serra

€5,00 4 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 4 Marzo 2021
AB

Antonio Bianchi

€10,00 4 Marzo 2021
GS

Giora Sluzky

€10,00 4 Marzo 2021
LT

Luciano Taras

€10,00 4 Marzo 2021

Vi stimo tanto, non ho mai fatto mai nessun abbonamento e non ho mai pagato la RAI ma a voi vi RISPETTO!!! BRAVI continuate a tenerci… Leggi tutto

Vi stimo tanto, non ho mai fatto mai nessun abbonamento e non ho mai pagato la RAI ma a voi vi RISPETTO!!! BRAVI continuate a tenerci informati!!!

SB

Sandra Bolognini

€10,00 4 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€20,00 4 Marzo 2021
YF

Yuri Farina

€10,00 4 Marzo 2021
MB

Monica Buggia

€10,00 4 Marzo 2021

Siete una delle poche voci libere in Italia....non voglio che vi spengano!

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 4 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 4 Marzo 2021
MF

Massimo Ferro

€5,00 4 Marzo 2021
GC

Giovanni Cuomo

€25,00 4 Marzo 2021
JA

Jacek Piotr Abramowicz

€10,00 4 Marzo 2021

La vita vince su tutto.

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 4 Marzo 2021
NS

Nicoletta Soini

€50,00 4 Marzo 2021

Vi ringraziamo! Senza la vostra libera informazione ci sentiremo persi!
Dino D'onofrio
Mauro Bettoni
Nicoletta Soini

SG

Steva Guidi

€10,00 4 Marzo 2021

Grazie di esistere

fs

fabio scabini

€5,00 4 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 4 Marzo 2021

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via