ABBONATI SOSTIENI

CASO IDROSSICLOROCHINA, CURIAMO LA GENTE A CASA E TORNIAMO ALLA NORMALITÀ – Conferenza in #Senato

In Senato l’onorevole Matteo Salvini e il senatore Armando Siri hanno presentato la conferenza stampa Covid19 strategie per affrontare la pandemia.

Al centro del dibattito il ritorno all’utilizzo del farmaco idrossiclorochina che come ricorda il senatore Siri: “Ha fatto parte del protocollo di cura domiciliare anti Covid-19 dal 17 marzo fino al 26 maggio scorso quando l’Agenzia italiana del farmaco, AIFA ha deciso di bloccare il suo utilizzo”.

Eppure l’idrossiclorochina viene utilizzata anche in altri Paesi europei e non, come la Germania e la Cina che ha definitivamente debellato il virus. “Oggi manca un protocollo di cura domiciliare, l’unico farmaco che viene prescritto è la tachipirina!” – ricorda il senatore Siri – “il Covdid-19 sarebbe tranquillamente curabile a casa visto che richiede l’ospedalizzazione in pochissimi casi pari allo 0,0002%”.

Alla conferenza hanno preso parte anche alcuni dei medici che nel corso di questi mesi hanno somministrato ai loro pazienti il farmaco come cura, raggiungendo risultati molto incoraggianti. Fra questi c’è il dottor Pier Luigi Garavelli Direttore della S.C. Malattie infettive di Novara e il primario oncologo di Piacenza Luigi Cavanna.

Così l’appello all’AIFA di questi medici a non avere pregiudizi né a rifarsi a studi falsati su questo farmaco. “Chiediamo un atto concreto verso l’idrossiclorochina”.

Secondo Matteo Salvini: “Per qualcuno la ricetta è chiudere, per altri è curare. Due soluzioni per l’Italia opposte. Un’Italia chiusa e malata o un’Italia laboriosa e sana” – e prosegue l’onorevole – “Il ricovero  ospedaliero si può evitare, esiste questa cura, dovrebbe essere valorizzata!”

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€76.291 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

ByoBlu - Il video blog di Claudio Messora

1.00
REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!
Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 28 Novembre 2020
dr

diego rao

€10,00 28 Novembre 2020

Viva la Liberta'

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
te

tatiana egorova

€10,00 28 Novembre 2020
GB

Giuseppe Bonelli

€50,00 28 Novembre 2020
BC

BRYAN CELERE

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
A

Andrea

€10,00 28 Novembre 2020
AC

Alessandro Canichella

€15,00 28 Novembre 2020
S

Stevens

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Novembre 2020
G

Giuliano

€10,00 28 Novembre 2020
MS

Marisa Santin

€10,00 27 Novembre 2020

Grazie x la vostra informazione, questo é il minimo che si possa dire
Marisa

LM

Leopoldo Minicucci

€10,00 27 Novembre 2020

Ad maiora

Utente anonimo

Anonimo

€20,00 27 Novembre 2020
GF

Gianluca Ferraresi

€5,00 27 Novembre 2020

Continuate così!
Io quando posso vi dono un piccolo contributo

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Novembre 2020

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ma quante balle racconta questo Siri senza considerare l’altro, l’uomo del No lockdown ieri e del Si lockdown oggi. Ancora questi imbecilli profittatori e uomini del business.
    Il protocollo ospedaliero prevede cortisone, eparina, azitromicina e ossigeno.
    A casa direi idem!

  • La ricerca del vero e il potere
    Novembre 3, 2020 / gpcentofanti

    Il rapporto tra la ricerca della verità e l’interesse umano e il potere tocca una questione decisiva. Spesso è il potere che facilita, ostacola, vieta, il circolare delle condivisioni. Possono esistere grandi santi e profeti, ed io ne conosco qualcuno, che hanno seminato fecondamente ma nella sostanziale oscurità perché fuori dagli ambienti delle gerarchie ecclesiali. Portatori di novità profonde ed equilibrate, troppo oltre per venire facilmente recepite da qualche vescovo. Mentre la gente dal vivo beneficiava del loro amore più vicino al discernere di Gesù.

    Il potere spesso incapace di recepire il nuovo ma anche poco interessato a farlo in quanto portatore del proprio autoreferenziale progetto. Un pastore che afferma di avere per progetto solo la volontà di Dio poi scambiandola per la propria, sia pure con buona intenzione. Poco preparato, assetato, di imparare da tutti.

    Ci si può chiedere se anche i profeti in Israele siano comunque espressione di qualche potere proprio in quanto profeti noti. O forse in alcune situazioni era più facile l’emergere e il tramandarsi di posizioni alternative, sinceramente aperte al vero.

    Oggi il problema è fortemente accentuato dalla cultura intellettualista, che svuota tante persone di una ricerca vitale vivisezionando la conoscenza in branche asfittiche, non adeguatamente parte di una maturazione complessiva. Diviene più facile istituzionalizzare i canoni della conoscenza secondo i desiderata del potere.

    Il nuovo ancor più può venire seminato, e anche qui talora in mezzo a grandi difficoltà, dal vivo, tra la gente mentre diventa sempre più difficile entrare nel pubblico dibattito non in nome di un adeguato ruolo nell’apparato, o di altre formalità ma in base al semplice positivo contributo alla ricerca del vero.

    Possiamo chiederci se la ricerca del vero non sia sparita quasi completamente dal dibattito pubblico. Lasciando prevalere la sola opinione del potere. Stando così le cose resta la semina dal vivo, come detto talora in mezzo a mille ostacoli anche a causa del potere variamente distratto e poco coivolto. E talora restano quasi esclusivamente, in certa misura, piccoli spazi ai margini, come le note ai piedi degli articoli, o qualche intervento su Youtube o alcuni social.

    “La parola del Signore era rara in quei giorni, le visioni non erano frequenti” (1 Sam 3, 1). “Allora Giòsafat disse al re di Israele: «Consulta oggi stesso l’oracolo del Signore». Il re di Israele radunò i profeti, quattrocento circa, e domandò loro: «Devo marciare contro Ramot di Gàlaad o devo rinunziarvi?». Gli risposero: «Attacca; Dio la metterà nelle mani del re». Giòsafat disse: «Non c’è qui nessun profeta del Signore da consultare?». Il re di Israele rispose a Giòsafat: «Ci sarebbe un uomo con cui consultare il Signore, ma io lo detesto perché non mi predice il bene ma sempre il male. Si tratta di Michea figlio di Imla» (2 Cr 18, 4-7).

    Interessante tra l’altro osservare la perplessità di Giosafat di fronte all’unanimismo dei quattrocento profeti di corte: «Non c’è qui nessun profeta del Signore da consultare?»

  • Mio cognato è stato “salvato” dalle cure del Dottor Cavanna, se fosse stato ospedalizzato non so come sarebbe andata a finire.

  • sono mesi e mesi, che le stese cose sono dette dal DOTT:MONTANARI….solo dopo quasi un anno siamo a parlare delle stesse cose…ma dai…..quanta gente potevamo salvare ????
    aziende farmaceutiche, aifa, che infami…

  • Mha che dire………..
    Perchè questa cosa solo ora?
    Perche tutto sto tempo perso?
    Meglio tardi che mai………………..

  • Carissimi ministri, onorevoli, senatori, deputati, io non ho ricordo in questa mia vita che abbiate mai fatto qualcosa che riguarda l’interesse del popolo, che si tratti di salute o benessere in generale. Che voi siate burattini o burattinai non credo che cambierà mai qualcosa in Italia perché il vostro interesse maggiore è quello di stare bene voi e la vostra progenie, almeno che non arrivi un meteorite e ci stermina tutti non cambierà mai niente, purtroppo è una triste realtà, con questa didattica a distanza poi stiamo crescendo degli asini, che fanno molto comodo allo stato in modo da poterli in futuro giostrarli meglio, l’intelligenza e il progresso chissà perché fa paura, anche il paese più troglodita del mondo è più avanti di noi, ma io sono ottimista credo sempre nei miracoli.

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via