ABBONATI SOSTIENI

IN 20MILA IN PIAZZA A LIPSIA: LA LIBERTÀ MUORE ATTRAVERSO IL SILENZIO #Byoblu24

Almeno 20 mila persone sono scese per le strade di Lipsia, in Germania per protestare contro le misure anti covid  adottate dal governo di Angela Merkel.

La manifestazione, alla fine della prima settimana di lockdown light, è stata organizzata dal movimento Querdenker, Pensiero latelare, ormai attivo in oltre cinquanta città in tutto il Paese, secondo il quale le restrizioni anti Covid violano le libertà garantite dalla Costituzione.

Subito etichettata dai media generalisti come una manifestazione di no vax, no mask etc tra i manifestanti erano presenti molti medici, dottori che hanno voluto dire la loro su questa emergenza. Ecco alcune dichiarazioni tradotte dal tedesco.

Il primo medico nel video afferma:

Vogliamo dare un segnale che esistono diversi medici che non sono d’accordo con queste misure e che molti aspettano da lungo tempo che finalmente venga messo sul tavolo un reale fondamento scientifico per tali misureil che finora non è ancora accaduto purtroppo.

Il Governo federale rigetta qualsiasi dialogo con le voci critiche, è così incredibile! Ho domandato ad alcuni colleghi che approvano queste misure cosa sia il test pcr, quale idea abbiano al riguardo, come esso funzioni. Non lo sapevano, non hanno saputo darmi una risposta, incredibile!

Posso soltanto appellarmi a tutti i colleghi affinché comincino ad occuparsi in maniera accurata di dare ascolto anche alle voci critiche e soltanto allora di farsi un’idea, senza accettare tutto ciò che gli viene dato in pasto ed assecondare ciò che gli viene detto da altri.

Un altro dottore, specialista in chirurgia e medicina generale, spiega:

Sono qui a Lipsia a sostegno della famiglia umana, in particolare per i più deboli nella nostra società: i più anziani e i nostri figli. 

Sono qui in ossequio al mio regime professionale, alla Dichiarazione di Ginevra e nel rispetto della “legge sul paziente” ancorata nel Codice Civile tedesco.

Secondo un altro dottore: Alla fin fine la battaglia viene decisa all’interno del corpo tramite il sistema immunitario. Su ciò dovremmo riflettere e a ciò dovremmo lavorare.

Il lockdown in Germania

Dal 2 novembre scorso in Germania hanno nuovamente chiuso ristoranti, bar, cinema, teatri, sale da concerto, saloni di bellezza, palestre e piscine. Gli alberghi non possono più ospitare turisti ma soltanto persone in viaggio per lavoro o affari, mentre il governo ha sconsigliato fortemente ogni spostamento non urgente o necessario.

I contatti privati sono stati limitati a 10 persone, appartenenti al massimo a due famiglie, e sono stati intensificati i controlli. Sospese le manifestazioni sportive amatoriali.


 VOTA ADESSO NELLA GRANDE CONSULTAZIONE POPOLARE PER SEGNALARE AL PARLAMENTO I NOMI CHE VORRESTI FOSSERO AUDITI, IN UNA NUOVA COMMISSIONE TECNICO SCIENTIFICA DI FIDUCIA DEI CITTADINI. Segui questo link: https://go.byoblu.com/GrandeConsultazionePopolare.
  
vota adesso la Grande Consultazione Popolare per un Comitato Tecnico Scientifico di fiducia dei cittadini in Parlamento

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€73.941 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

ByoBlu - Il video blog di Claudio Messora

1.00
REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!
Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

AM

Antonio Magnani

€5,00 24 Novembre 2020
MP

Massimo Pellizzari

€100,00 24 Novembre 2020

Difendiamo insieme l'Autonomia dell'Informazione, siamo Voce fuori dal Coro!

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 24 Novembre 2020
fz

fabio zotta

€5,00 24 Novembre 2020
RB

Rossella Barucci

€5,00 24 Novembre 2020
DR

David Ratta-Delfini

€10,00 24 Novembre 2020

Avanti Byoblu per una TV a tutela del popolo

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 24 Novembre 2020
JM

Judith Minoletti

€10,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 24 Novembre 2020
KF

Katia Fasan

€5,00 24 Novembre 2020

Forza byoblu! Viva la libertà!

RF

Raffaella Ferrero

€10,00 24 Novembre 2020
RC

Radu Contac

€10,00 24 Novembre 2020

Forza,forza BYOBLU ... portare la luce e la libertá svelando i grandi misteri del lato oscuro.

PG

Paulina GLUCH

€5,00 24 Novembre 2020

Grazie per tutto quello che fatte, avanti così anzi di più dobbiamo svegliare più persone possibile

GV

Graziella Vadalà

€10,00 24 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 24 Novembre 2020
ab

andrea bonifacio

€5,00 24 Novembre 2020
em

emiliano migliorati

€10,00 24 Novembre 2020

Grazie ragazzi siete i migliori professionisti dell'informazione, è una vera
fortuna avervi conosciuto.

FG

Federica Gilardoni

€10,00 24 Novembre 2020

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Molte persone si avvedono sempre più del sistema teleguidato dai potenti della finanza e di internet che sta dominando larga parte del mondo col pensiero unico, una sedicente solidarietà omologante che tende a rendere le persone meri individui consumatori persi in una massa anonima. Nasce il bisogno di una informazione alternativa che sia pluralista tessendo reti di partecipazione dal basso. Ci si può chiedere se non sia meglio che si tratti di una fitta trama di piccole realtà in modo che possano restare libere da problematiche economiche che rischierebbero di risucchiarle nelle logiche esiziali delle fonti di finanziamento.

    Il punto fondamentale è uscire dalla cultura della astratta ragione che svuota le persone e le mette in pugno allo pseudotecnicismo dei poteri succitati. Perché ciò avvenga è necessario liberare la società dalle false strutturazioni frutto di tali distorcenti impostazioni. Per prima cosa bisogna restituire all’unico legittimo detentore, il popolo, ciascuna persona, il diritto di venire formato, fin dalla scuola, alla luce della identità liberamente scelta e nello scambio con le altre. Il falso neutralismo intellettualista svuota, omologa, la gente e la orienta dove vuole il sistema. Si presenta con un’aura di oggettività scientifica ingannevole perché ogni forma di conoscenza matura invece con l’autentico maturare della persona, delle comunità.

    Venire formato alla luce della identità ricercata e nella condivisione con le altre può stimolare la vissuta maturazione, tendendo a favorire l’uscita dal riduttivismo razionalista. Si riaprono le vie del vivo, specifico, uomo integrale, non più scisso in ragione astratta, anima, valori, disincarnati, e resto emozionale-pragmatico.

    Benché alcuni filosofi abbiano descritto la china fallimentare del razionalismo essi stessi sono rimasti in tale orizzonte, guardando con fatalismo al drammatico processo segnalato. La ricerca di una informazione libera e pluralista è un primo germinale stimolo di liberazione ma spesso poco o per nulla consapevole del problema di fondo tecnicista. Si cerca la libertà ma per vie ancora figlie dell’intellettualismo. Per esempio meno attenti alla decisiva condivisione dal vivo. O propugnando un ideale di giustizia che poco va a toccare vie capaci di aiutare l’uomo ad aprirsi ad un’autentica, vissuta, ricerca personale ed interpersonale. Si resta ignari nelle spire dell’astratta ragione e delle sue già studiate conseguenze.

    Davvero pochi sono i soggetti e i gruppi noti più consapevoli della necessità di un salto di qualità che orienti verso la libera maturazione dell’uomo tutto intero. E anche tra questi possono scarseggiare quelli che cercano le adeguate vie per favorire nella società un tale cambiamento. La ricerca può conservare dunque venature intellettualiste.

    Vi è inoltre il problema che in una cultura ancora così pervicacemente della ragione astratta possono restare ignoti ai più soggetti e gruppi anche che da decenni si trovino sulle scie di tali fecondi percorsi. Risultano infatti vie spesso incomprensibili agli apparati e poco comunicabili appunto intellettualisticamente, specie a chi non avverta di suo la necessità vitale, personale e comunitaria, di un profondo rinnovamento. È la gente che beneficia di queste più umane vie quando si trova, spesso per caso, a lasciarsi aiutare a crescere in tali rinnovate direzioni.

    Siamo dunque ai primi albori di un vero salto di qualità. Esso potrebbe venire stimolato, per esempio nella Chiesa, tra l’altro dall’illuminazione di figure con importanti ruoli istituzionali. Ho riferito altrove (https://gpcentofanti.altervista.org/una-chiesa-famiglia/ ) ai processi ecclesiali che possono stare in varia misura favorendo queste trasformazioni. Un ritorno alla coscienza spirituale e psicofisica, al cuore, nella Luce serena, a misura. Anche un ateo, una persona di religione non cristiana, può in varia misura trovare un certo tal percorso tendenziale. Colpisce che Maria abbia detto a Fatima che il suo cuore immacolato trionferà. Suscita domande anche che abbia affermato che “alla fine” trionferà. Quanto sfacelo sarà necessario ancora sperimentare prima che ci si avveda diffusamente dell’artiglio mortale del razionalismo?

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via