ABBONATI SOSTIENI

UNA CLASS ACTION CONTRO IL GOVERNO PER LA GESTIONE DELL’EMERGENZA

Decine di avvocati di tutte le regioni d’Italia promuovono una class action per richiedere il risarcimento del danno materiale, morale, biologico e di relazione subito dai cittadini italiani, dalle famiglie, dai liberi professionisti, imprenditori e imprese, in conseguenza delle normative emergenziali, illogiche ed illegittime, emanate dal governo italiano in questi mesi.

Se ne è parlato in una conferenza nella sala stampa della Camera dei deputati, a Roma il 12 novembre scorso, in cui sono intervenuti l’onorevole del gruppo misto, Sara Cunial, gli avvocati Edoardo Polacco e Mauro Sandri, per il settore alberghiero Rosa Lotito, Francesco Orlando rappresentate dei ristoratori e albergatori e Tano Simonato, ristoratore.

Al governo di Giuseppe Conte si contesta la decisione di attuare il lockdown nazionale impedendo lo svolgimento di attività economiche quotidiane, la soppressione di diritti costituzionalmente garantiti. Tra i reati che vengono contestati al Presidente del Consiglio dei Ministri e a tutto il Governo ci sono quelli di attentato alla Costituzione (articolo 283 del codice penale), abuso d’ufficio (articolo 323) e violenza privata (articolo 610).

Byoblu, oltre ad aver seguito l’intera conferenza, ha realizzato a margine delle interviste a Sara Cunial, all’avvocato Mauro Sandri e al medico Mariano Amici, per comprendere meglio come starebbero realizzando  questa azione legale.

“Ristoro bis è un contentino, una mancetta ai commercianti e a tutte le categorie devastate da queste misure draconiane” – spiega l’onorevole Cunial – “Non basta certo il ristoro, noi oggi abbiamo chiesto un vero e proprio risarcimento oggetto di una classe action, è solo il primo passo di una resa dei conti richiesta al Governo”.

A proposito del lockdown adottato dal Governo come misura in grado di contenere la diffusione del virus, l’avvocato Mauro Sandri: “I dati scientifici dimostrano la nostra tesi cioè che l’emergenza è scoppiata dalla mala gestione del virus, vale a dire dal disservizio del sistema sanitario nazionale” – e prosegue – “Il lockdown non è una soluzione, non lo è stato prima né ora.  Il Governo italiano deve rispondere di aver utilizzato sistemi di contenimenti inefficaci e obsoleti”. 

Mariano Amici, medico chirurgo si sofferma invece sulla questione dei tamponi: “Questo test viene usato come diagnosi di Covid19, ma è una assurdità, perché il tampone è inattendibile e non è diagnostico. Ad affermarlo è lo stesso inventore che non può essere utilizzato a scopi diagnostici. Perché allora utilizzarlo per dire che ci sono dei positivi? Vanno presi dei provvedimenti”.

 


 VOTA ADESSO NELLA GRANDE CONSULTAZIONE POPOLARE PER SEGNALARE AL PARLAMENTO I NOMI CHE VORRESTI FOSSERO AUDITI, IN UNA NUOVA COMMISSIONE TECNICO SCIENTIFICA DI FIDUCIA DEI CITTADINI. Segui questo link: https://go.byoblu.com/GrandeConsultazionePopolare.
  
vota adesso la Grande Consultazione Popolare per un Comitato Tecnico Scientifico di fiducia dei cittadini in Parlamento

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€76.291 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

ByoBlu - Il video blog di Claudio Messora

1.00
REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

ERROR: Either your browser does not support Apple Pay or you do not have a saved payment method.


or Pay with Card
Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 28 Novembre 2020
dr

diego rao

€10,00 28 Novembre 2020

Viva la Liberta'

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
te

tatiana egorova

€10,00 28 Novembre 2020
GB

Giuseppe Bonelli

€50,00 28 Novembre 2020
BC

BRYAN CELERE

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
A

Andrea

€10,00 28 Novembre 2020
AC

Alessandro Canichella

€15,00 28 Novembre 2020
S

Stevens

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Novembre 2020
G

Giuliano

€10,00 28 Novembre 2020
MS

Marisa Santin

€10,00 27 Novembre 2020

Grazie x la vostra informazione, questo é il minimo che si possa dire
Marisa

LM

Leopoldo Minicucci

€10,00 27 Novembre 2020

Ad maiora

Utente anonimo

Anonimo

€20,00 27 Novembre 2020
GF

Gianluca Ferraresi

€5,00 27 Novembre 2020

Continuate così!
Io quando posso vi dono un piccolo contributo

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Novembre 2020

13 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ora si svegliano i fenomeni; una persona onesta deve ridursi a chiedere la carità, davvero bravi questi avvocati con i 400 puffi in parlamento che stanno a guardare

  • Questi signori, pur comprendendo la lloro situazione. Non stanno chiedendo un risarcimento al governo ma stanno mettendo in atto un estorsione a danno del popolo Italiano.
    Che il tampone non è diagnostico lo avevo sospettato. I virus, si trovano nel sangue e non nella mucosa come mi sono documentato. Resta di fatto che i morti ci sono stati e ci sono, e non credo che andare in giro a sputare muco sia la soluzione. Il governo ha assunto misure di prevenzione dettategli da esperti in materia. Non è Giuseppe Conte che la mattina si sveglia e si mette a colorare e fare decreti.
    Per favore, un po’ di coerenza.
    Che si voglia invece far luce sulla dinamica, come il fatto che nessuno stato punta il dito su chi ha diffuso questo virus. Questo è un atto dovuto. Purtroppo bisogna avere sia i ciglioni ma anche i soldi per farlo. Io potrei mettere a disposizione il primo ingrediente, Il secondo, purtroppo sono un operaio e non ho queste possibilità.
    Certo attaccare il governo in questo modo è in queste circostanze lo trovo sia vigliavo che anche ingiusto neu confronti degli Italiani.
    Io metterei queste persone con tanta lingua al Governo. Se poi non trovano una soluzione che porta a quanto loro stessi stanno asserendo senza alcuna cognizione, con la stessa lingua gli farei pulire tutte le porcellane d’Italia.
    Una causa sarebbe utile e Dovuto, ma non contro i mulini a vento e contro gli italiani. Ma giustamente indagare perché,come e quando, qualcuno non dice nulla a chi ha deliberato questo virus. .
    A nessuno piacciono queste restrizioni.
    La Cina lo ha fatto, oggi in Cina il virus è stato debellato e senza vaccini. Se non capire questo, credo che i legali a cui avete affidato questa causa lo abbiamo capito e mi complimento con loro augurandogli di godersi i soldi che gli state corrispondendo.
    Peccato che non sono un avvocato.
    Da un canto mi fate pena ma dall’altra devo informarmi se non posso citarvi a nome del popolo italiano per tentata estorsione, diffusione del virus, probabilmente anche omicidio per le vittime di coronavirus i quali non hanno rispettato le regole, ascoltando questi vostri “saggi” consigli.
    Mi devo infornare.

    Imparate a fare la pizza, fa bene a voi e agli Italiani.

    Federico Giacomo .

    • In Cina non hanno debellato nulla, sulla Cina purtroppo esistono più ombre (cinesi) che altro. Giuseppe Conte , come descritto nell’intervista, avrebbe il dovere di ampliare leproprie conoscenze sentendo il parere di più professionisti, alcuni dei quali vengono definiti luminari. Il lockdown scorso ha dimostrato l’inefficacia dello stesso. Mi scusi ma se a maggio stavamo uscendo dall’emergenza, e ci siamo rientrati dopo 5/6 mesi, qualcosa nelle “tempistiche” del virus non quadra. lei è operaio ed ha ammortizzatori sociali (cassa integrazione) che l’aiutano ad andare avanti economicamente senza quasi accorgersene. e le partite IVA?? oggi è il 16, irpef, iva, inps… sono DOVUTE! anche per pagare la sua (e quella di altri) Cassa Integrazione. Il virus non si debella, semplicemente perché non esiste alcun vaccino immunizzante, e questa sarebbe la soluzione? perchè non puntare investimenti (statali dico io) su degli antivirali efficaci o su profilassi efficace con medicinali già esistenti? Interessi da preservare?? perchè non parlano di fallimento dello Stato? perchè non parlano di fallimento del neoliberismo e di tutta la globalizzazione, che negli anni ci ha portato ad impoverirci e a perdere la nostra libertà monetaria?
      Questo governo è lo specchio del fallimento di questa era.

  • Bene se è una Class Action dovrebbe esserci la possibilità di parteciparvi a tutti coloro che la condividono quindi come si potrebbe aderire in pratica?

  • Il sistema sta sviluppando sempre nuovi modi per imbrigliare la democrazia. La china ha cominciato a farsi ripidissima nel primo decennio degli anni duemila. La finanza ha preso a sviluppare i suoi giochi folli, senza controlli, ben sapendo che prima o poi ciò avrebbe condotto all’esplosione di una crisi economica drammatica. Quando questa è puntualmente scoppiata si è detto sfacciatamente sui potenti e quasi unici grandi media del sistema che non ci si era resi conto di quello che poteva accadere.

    Ecco gli arroganti “esperti” degli apparati che affermano che dare voce agli incompetenti è pericoloso, come se non si dessero nella società persone preparatissime, pensiamo a quanti preti provenienti dal mondo della cultura e come se non vi fosse sempre da imparare in mille modi da ogni persona, anche per esempio, dalle sue difficoltà e perplessità. Dunque pericoloso per chi se non per i soli potenti che qualcuno esprima vedute diverse. Si è sostenuto così che certe banche non potevano fallire perché troppo grandi e si è scaricato sul popolo il peso di un tale recupero. Il popolo è stato spogliato dei propri risparmi, il lavoro precarizzato e schiavizzato, qualsiasi contropotere dal basso, piccole e medie imprese, liberi professionisti, famiglie, massacrato da tasse esorbitanti e leggi assurde. Fin dalla scuola lo spogliamento di una libera formazione nella identità ricercata e nello scambio con le altre. Una civismo, una solidarietà, omologante che spegne l’autentico sviluppo delle persone e le rende meri individui consumatori persi in una massa anonima.

    Fin da allora si è compreso che il potere, attraverso una pseudoscienza, un razionalismo astratto, era ormai completamente in mano ai potenti della finanza e di internet, ai potenti del virtuale. Ora si chiama complottismo il pensare che la pandemia, che di certo favorisce il virtuale, sia creata ad arte da tali realtà. Ma qui emerge l’anima di questa nuova dittatura: si cerca di confondere la gente con etichette di complottismo, di negazionismo, affibbiate a chi osserva che mai, per caso, qualcosa accade a favore della massa e a sfavore dei potenti. Il nuovo volto della dittatura è questo ambiguo portare tutto a vantaggio dei potenti senza che si possa obiettare nulla. I giochi della finanza, la pandemia, le elezioni via internet, soggette a molte possibili maggiori manipolazioni. La parola viene sistematicanente, legalmente, scientificamente, tolta a voci appena contrarie.

    Di fronte a tale nuova dittatura bisogna sviluppare una nuova resistenza. Potere a chi il covid non conviene, potremmo sintetizzare. No a elezioni via internet: significa già essere passati alla dittatura.  È dunque un inganno cadere nella diatriba sui voti dirottati o meno nelle elezioni in USA. Tali votazioni vanno invalidate perché il voto elettronico moltiplica la possibilità di brogli. Sarebbe un significativo primo paletto allo strisciante assumere tirannicamente il potere da parte dei dominatori del virtuale. Non credere a nulla dei media, degli uomini di cultura famosi, chiunque sale alla ribalta, qualunque bene viene proposto dal sistema, può servire in realtà lo scopo di teleguidare le persone.

    Divide et impera. Tra i possibili resistenti vi è un grande pericolo: non comprendere che è necessario fare rete tra tutti e invece cercare di emergere non dando spazio a “concorrenti”, pure preparatissimi. Si finisce per creare innocui piccoli canali di sfogo e anche di controllo di poche persone. Bisogna accogliere, dare spazio, dialogare. Condividere il più possibile dal vivo:  Il salto di qualità dallo sfacelo del tecnicismo al ritorno alla libera, plurale, ricerca umana comporta un ritorno alla condivisione dal vivo. Non a caso persone come Socrate e Gesù non hanno scritto, perché il discernimento dal vivo, in contatto con la specifica realtà viva è un’altra cosa. Il tecnicismo degli apparati irreggimenta il mondo con la pseudoscienza e il potere del denaro. Un sito nasce con tante buone intenzioni ma le logiche commerciali rischiano prima o poi di costringerlo nelle spire del potere economico. Se il fondamento è la logica astratta l’uomo è svuotato, manipolato ed entra in competizione col computer che sempre più lo può sostituire. La libera ricerca identitaria delle persone, la condivisione, l’accoglienza della partecipazione gratuita di tanti, la ricerca del vero e non le pseudocompetenze degli apparati, costituiscono il necessario salto di qualità. Allora il computer può aiutare l’uomo a sviluppare più pienamente la sua umanità.

    Si potrà sviluppare questa nuova resistenza? No alla formazione scolastica falsamente neutra, no alla cultura e all’informazione del sistema, no ai personaggi esaltati dal sistema, no alle ambiguità (= potere a chi il covid non conviene; elezioni dal vivo… ).

    Ascoltando voci diverse, plurali, si è stimolati a riflettere, a partecipare, il pensiero unico, il politically correct imperante, spegne. Il non potersi vedere dal vivo rallenta il diffondersi di queste piste, impegnarsi su queste vie significa aiutare la vita umana a non crollare definitivamente. Cosa avverrebbe se questi percorsi di resistenza si sviluppassero? Alcuni metodi dei dominatori del virtuale stiamo imparando a conoscerli, oscuramento, silenziamento, disinformazione, fino alla persecuzione, alla criminalizzazione, del libero pensiero, alla irrisione e alla calunnia.

    • Il problema delle logiche commerciali i siti liberi possono superarlo per esempio appunto con l’accoglienza del volontariato coinvolgendo persone preparatissime proprio perché fuori dalle parole d’ordine del sistema, sentendo la gente che ha tanto da dire già con la sua stessa vita, le sue speranze, sofferenze, domande, perplessità…

  • Bene quest’iniziativa della class action….che cmq avrà tempi lunghi.
    Poi bisognerà vedere se qualcuno pagherà di persona:
    se questo non succede, c’è chi questa class action la userà..nella toilette!
    Quelli che governano queste cose le sanno bene, e perciò le class actions va bene si farle, ma meglio sarebbe agire alla radice: cambiare governo e governanti.
    Questo è, e rimane, il punto cardine.
    Qualsiasi altro rattoppo sarà inutile.
    Nel libro edito da Messora (Manuale di autodifesa per sovranisti-e non-)
    è ben spiegato non solo che cambiare rotta è possibile, ma con le persone giuste al governo sarà possibile (e in tempi brevi) riappropriarci della sovranità monetaria (1° cosa da fare..) e poi dare il via a tutta una serie di cambiamenti, a cascata, così veloci che la burocrazia europea (che si vorrà opporre) non riuscirà a stargli dietro!
    Potranno alzare lo spread, certo…ma se il debito pubblico, con l’emissione di nostra moneta (inizialmente a circolazione interna..), lo ricompreranno le aziende e i cittadini italiani, non sarà più un problema.
    Quindi, in sintesi:
    1)- Lavorare per mettere su un governo sovranista ( che sarà probabilmente di dx, dato che sx (e centro) ha dato ampiamente prova di esser, negli ultimi 20 anni, incapace, insensibile alle richieste popolari ma molto sensibile alle richieste europeiste (=un danno x noi) e neoliberiste,
    esser a favore dell’aumento tasse e del controllo sulla popolazione.
    Perciò direi basta con la sx ed il centro, no? Che dite?
    2)- Ripristinare il potere, COSTITUZIONALE, di emissione monetaria dell’Italia: senza questo requisito siamo fregati.!…saremo sempre dipendenti da qualcun’altro quando ci sarà bisogno di liquidità.
    Inghilterra docet.!….beati loro….Certo, all’inizio avranno un pò di difficoltà… ma solo perchè ostacolati da Bruxelles, mica dagli europei,
    con i quali continueranno ad avere buoni rapporti commerciali come è sempre stato.
    Altri Stati europei sono nella Ue ma con una loro moneta propria.., e stando agli ultimi sviluppi, se ne guarderanno bene prima di rinunciarvi.!
    Altri ancora, come la Danimarca, sta seriamente pensando di uscire e di farlo unitamente all’Italia…
    Insomma…alla fine vorranno rimanere solo i paesi che con l’euro ci hanno guadagnato: Germania e Paesi bassi .
    Tutti gli altri ci hanno perso..e di brutto! L’Italia finora ha perso 4500 miliardi di euro, la Francia sui 3500 (nonostante sfrutti l’Africa!) ecc. ecc.
    Mi chiedo quindi cosa stiamo aspettando…

  • Già che ci siete considerate non solo quelli che non hanno potuto lavorare e guadagnato, ma anche quelli che non hanno potuto cercarlo e non ce l’avevano un lavoro!

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via