ABBONATI SOSTIENI

LA STORIA È DA RISCRIVERE? I POPOLI ANTICHI SONO TUTTI STATI NELLE AMERICHE – Galileo Ferraresi

La storia spesso la scrivono i vincitori. Questo vuol dire in pratica che molto di quello che leggiamo sui libri o studiamo a scuola è solo una visione parziale o edulcorata della verità.

E allora Byoblu24 ha voluto provare a vederci chiaro, indagando i fatti oltre il velo dell’oscurantismo. In questo video in particolare rileggiamo la storia della navigazione dei popoli antichi fino all’Impero romano.

Insieme a Galileo Ferraresi, navigatore, inventore e fotografo, autore del libro ‘Grandi navigazioni dei popoli del Mediterraneo, dall’antichità alla Roma imperiale’, scopriremo che a Pompei ci sono mosaici che ritraggono un ananas. Come è potuto accadere che tale frutto sia arrivato sulle tavole dei pompeiani? Forse gli antichi abitanti dell’Italia del tempo si sono spinti fino a zone della terra dove questo frutto si coltivava e che sono bel al di là dei confini del Mediterraneo?

E poi saremo sorpresi dal sapere che in Brasile, a Rio de Janeiro, sono state trovate delle iscrizioni fenice.

E ancora, la scoperta del mappamondo disegnato dai romani e dai babilonesi, quest’ultimo scolpito sulla terracotta. Si comprende allora come è molto probabile che i popoli antichi non solo si fossero spinti oltre lo stretto di Gibilterra, arrivando sulle coste delle Americhe già prima di Cristoforo Colombo, ma che questi popoli erano anche a conoscenza che la terra fosse sferica e non piatta.

Gli egiziani infatti erano in grado di calcolare perfettamente la distanza dalla terra alla luna, la circonferenza della terra, la latitudine e la longitudine.

Alla luce di tutto questo e molto altro, la storia è da riscrivere? Forse è il caso di cominciare a mettere in discussione le “certezze granitiche” della storia ufficiale.

REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!

€76.291 of €100.000 raised

Fermati e rifletti: che tu sia giovane o che abbia alle spalle ormai diverse primavere, quante volte ti è capitato di vedere una televisione che nascesse per l’esclusiva volontà dei cittadini? Sta avvenendo oggi, e sta accadendo in Italia. Per la prima volta abbiamo la possibilità di finanziare non un giornale, non un semplice canale youtube, ma un’informazione diversa, al vertice della piramide dell’informazione, che possa raggiungere milioni di italiani e che sia davvero libera.

In questo video Claudio Messora e Virginia Camerieri vi raccontano la magia che sta avvenendo sotto ai vostri occhi, e vi chiedono di crederci. Non è mai bastato così poco per ottenere così tanto, perché Democrazia è Confronto, e già solo offrire un punto di vista diverso a milioni di cittadini, nell’era della censura social e del pensiero unico dominante, è un atto rivoluzionario.

Non è più il momento di essere nichilisti né quello di dividersi: sarà una televisione di tutti, e per averla ti chiediamo solo di partecipare con il tuo piccolo atto di fiducia mensile. Riusciresti a sopportare, quando un giorno ogni spazio dovesse chiudersi – come già avvenuto in passato – il rimorso o il rimpianto di non averci provato quando sarebbe bastato così poco per far accadere il miracolo?

Diventa un editore della nuova televisione. Fai una donazione mensile ricorrente, o sottoscrivi un piccolo abbonamento. Potrebbe essere l’ultimo spiraglio aperto, nel quale infilarsi prima che la pesante paratia stagna del controllo sociale si chiuda del tutto.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

ByoBlu - Il video blog di Claudio Messora

1.00
REALIZZIAMO INSIEME L’OTTAVA TELEVISIONE ITALIANA, CHE SIA FINALMENTE UNA TV DEI CITTADINI!
Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Niente e nessuno potrà più manipolarti, con i suoi trucchi per convincerti che la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza. Manuale di Autodifesa per Sovranisti: il primo libro edito da Byoblu. Scritto da Francesco Carraro.

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 28 Novembre 2020
dr

diego rao

€10,00 28 Novembre 2020

Viva la Liberta'

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
te

tatiana egorova

€10,00 28 Novembre 2020
GB

Giuseppe Bonelli

€50,00 28 Novembre 2020
BC

BRYAN CELERE

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 28 Novembre 2020
A

Andrea

€10,00 28 Novembre 2020
AC

Alessandro Canichella

€15,00 28 Novembre 2020
S

Stevens

€10,00 28 Novembre 2020
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 28 Novembre 2020
G

Giuliano

€10,00 28 Novembre 2020
MS

Marisa Santin

€10,00 27 Novembre 2020

Grazie x la vostra informazione, questo é il minimo che si possa dire
Marisa

LM

Leopoldo Minicucci

€10,00 27 Novembre 2020

Ad maiora

Utente anonimo

Anonimo

€20,00 27 Novembre 2020
GF

Gianluca Ferraresi

€5,00 27 Novembre 2020

Continuate così!
Io quando posso vi dono un piccolo contributo

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Novembre 2020

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • La ricerca del vero e il potere
    Novembre 3, 2020 / gpcentofanti

    Il rapporto tra la ricerca della verità e l’interesse umano e il potere tocca una questione decisiva. Spesso è il potere che facilita, ostacola, vieta, il circolare delle condivisioni. Possono esistere grandi santi e profeti, ed io ne conosco qualcuno, che hanno seminato fecondamente ma nella sostanziale oscurità perché fuori dagli ambienti delle gerarchie ecclesiali. Portatori di novità profonde ed equilibrate, troppo oltre per venire facilmente recepite da qualche vescovo. Mentre la gente dal vivo beneficiava del loro amore più vicino al discernere di Gesù.

    Il potere spesso incapace di recepire il nuovo ma anche poco interessato a farlo in quanto portatore del proprio autoreferenziale progetto. Un pastore che afferma di avere per progetto solo la volontà di Dio poi scambiandola per la propria, sia pure con buona intenzione. Poco preparato, assetato, di imparare da tutti, di lasciare spazio a ciascuno. Il regno di Dio è in mezzo a voi, dice Gesù. Indicando così il contributo, in vario modo, di ciascuno e l’oltre della grazia.

    Ci si può chiedere se anche i profeti in Israele siano comunque espressione di qualche potere proprio in quanto profeti noti. O forse in alcune situazioni era più facile l’emergere e il tramandarsi di posizioni alternative, sinceramente aperte al vero. Si sarebbe tramandata diffusamente la storia di Giovanni Battista se non vi fosse stata la grazia della resurrezione di Cristo e l’invio dello Spirito Santo? L’intreccio tra la grazia del cielo e le risposte umane è sotto l’opera amorevole, delicata, potente, di Dio.

    Oggi il problema è fortemente accentuato dalla cultura intellettualista, che svuota tante persone di una ricerca vitale vivisezionando la conoscenza in branche asfittiche, non adeguatamente parte di una maturazione complessiva. Diviene più facile istituzionalizzare i canoni della conoscenza secondo i desiderata del potere.

    Il nuovo può venire seminato, e anche qui talora in mezzo a grandi difficoltà, dal vivo, tra la gente ma può diventare sempre più difficile entrare nel pubblico dibattito non in nome di un adeguato ruolo nell’apparato, o di altre formalità ma in base al semplice positivo contributo alla ricerca del vero.

    Possiamo chiederci se la ricerca del vero non sia sparita quasi completamente dal dibattito pubblico. Lasciando prevalere la sola opinione del potere. Stando così le cose resta la semina dal vivo, come detto talora in mezzo ai mille ostacoli del sistema. E talora restano nel dibattito pubblico quasi esclusivamente, in certa misura, piccoli spazi ai margini, come i commenti ai piedi degli articoli, o qualche intervento su Youtube o alcuni social.

    “La parola del Signore era rara in quei giorni, le visioni non erano frequenti” (1 Sam 3, 1).

    “Allora Giòsafat disse al re di Israele: «Consulta oggi stesso l’oracolo del Signore». Il re di Israele radunò i profeti, quattrocento circa, e domandò loro: «Devo marciare contro Ramot di Gàlaad o devo rinunziarvi?». Gli risposero: «Attacca; Dio la metterà nelle mani del re». Giòsafat disse: «Non c’è qui nessun profeta del Signore da consultare?». Il re di Israele rispose a Giòsafat: «Ci sarebbe un uomo con cui consultare il Signore, ma io lo detesto perché non mi predice il bene ma sempre il male. Si tratta di Michea figlio di Imla» (2 Cr 18, 4-7).

    Interessante tra l’altro osservare la perplessità di Giosafat di fronte all’unanimismo d’apparato dei quattrocento profeti di corte: «Non c’è qui nessun profeta del Signore da consultare?»
    https://gpcentofanti.altervista.org/gli-aiuti-chiave-della-mia-vita/

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via