ABBONATI SOSTIENI

Heather Parisi dice la verità sul vaccino. Luca Telese prova a zittirla, ma viene messo all’angolo.

Luca Telese Heather Parisi

Una settimana fa, la nota soubrette Heather Parisi, che risiede a Hong Kong, aveva postato una foto sul suo profilo Instagram, con il seguente testo accompagnatorio:

Molti mi hanno chiesto qual è la situazione del vaccino in Cina e a Hong Kong e cosa faremo io e la mia famiglia.

In Cina al momento, sono state vaccinate 1 milione di persone (su 1.4 miliardi!). È prevista la vaccinaziine di 50 milioni, ma la risposta della gente è molto tiepida per ammissione delle stesse autorità che non stanno forzando la mano.

A Hong Kong sarà disponibile forse a Gennaio e forse verrà data la possibilità di scegliere quale vaccino. Io sono per la libertà vaccinale (cosìdetto consenso informato) che è un diritto riconosciuto in tutto il mondo dalla Dichiarazione di Helsinki, dalla Dichiarazione dell’Unesco, dalla Dichiarazione di Norimberga; io e la mia famiglia NON faremo il vaccino perchè è fuor di dubbio che si tratta di un vaccino sperimentale di cui non si hanno avuto modo di vedere gli effetti nel breve, nel medio e nel lungo periodo.

Sono perfettamente consapevole che per questa scelta in Italia (non a Hong Kong) sarò derisa, attaccata, emarginata e che molti, in assoluta malafede, mi definiranno “novax”.

Purtroppo, nella società di oggi, la libertà e la tolleranza hanno ceduto il posto alla prevaricazione e alla violenza.

Ma se questo è il prezzo da pagare per difendere l’ennesima violazione di un diritto inviolabile, lo faccio senza esitazione. H*

Non bisognava essere di certo aruspici particolarmente capaci, per vaticinare che sarebbe stata “derisa, attaccata, emarginata e che molti, in assoluta malafede,” l’avrebbero definita “novax“. E infatti Luca Telese non si è fatto attendere, arrivando addirittura ad evocare lo scenario tanto caro a chi a scuola, durante l’ora di educazione civica (quando ancora c’era), andava in bagno con il Postalmarket anziché prendere appunti: “Heather Parisi non vuole vaccinarsi? Allora non ha diritto a curarsi negli ospedali italiani“.

Capite questi sinceri democratici come ragionano? Si possono curare mafiosi, assassini, criminali di qualsivoglia risma, ma non si può e non si deve assolutamente curare chi mette in discussione il primo comandamento di quella nuova religione universale che è lo scientismo (sì, “scientismo”. Che è cosa ben diversa da “Scienza”, nobile frutto dell’ingegno umano che addentano bande di servi del vil danaro): parliamo del sacro vaccino.

Non avrai altra cura all’infuori del vaccino, recita il primo dogma dello scientismo. E che di dogma trattasi lo dimostra il modo in cui i sacerdoti di questa nuova casta religiosa si stracciano le vesti appena uno che non è servo osa mettere in discussione il loro sacro feticcio. Chi si pone dei dubbi e chiede che gli vengano chiariti, paradossalmente, dimostra di essere molto più scienziato, in questo suo evocare la ragion critica, rispetto a quelli che obbediscono senza pretendere di capire, avallando così la tesi dello scientismo come “nuova religione” che impone obbedienza cieca in assenza della quale, come accade in tutte le sette, lancia anatemi e proclama editti per bandire, esiliare i rei discepoli del metodo socratico (i quali sapevano di non sapere già migliaia di anni fa, mentre oggi siamo circondati da gente che è sicura di sapere tutto, o attribuisce questa onniscienza a chi è certamente infallibile, come appunto le divinità nelle religioni rivelate). Se poi si riuscisse a superare anche quel cavillo giuridico che impedisce la lapidazione istantanea, di certo per costoro tornare ai tempi della giustizia sommaria sarebbe un passo avanti verso il progresso e verso la civiltà, perché anche stupratori e pluriomicidi hanno diritto ad un giusto processo, ma non i blasfemi che non si inchinano all’altare dei miliardi di fatturato che girano intorno al nuovo elisir di lunga vita, la nuova pietra filosofale che trasforma la malattia in salute. Tanto efficace che, pure se la possiedi, sei terrorizzato da chi non ce l’ha, costretto a vivere di nascosto dalla vita che ormai può esistere solo servoassistita dalla tecnobiologia coperta da brevetto.

Che poi, è significativo che proprio i giornalisti, che si può dire senza tema di smentita che “di vaccini non capiscano un’emerita sega“, ne siano i primi strenui difensori, pronti ad immolarsi sull’altare della più cieca obbedienza, come un kamikaze. Se non ne possono capire nulla, allora perché se ne fanno paladini? Perché sposano una tesi attribuita a un magico unicorno (la “comunità scientifica”) che non sono in grado di verificare? Non è questa forse la negazione del giornalismo stesso, ovvero quello che prescrive la verifica delle fonti? Hanno forse condotto di persona numerosi esperimenti, prima di asserire, pronunciare, sentenziare? I tribunali hanno condannato per decenni fior di penne, perché avevano osato scrivere di cose che non avevano verificato personalmente, ma quando si tratta di parlare del “sacro vaccino”, allora ogni altra disciplina deve inchinarsi e lasciare strada. Un giornalista può parlare dei vaccini solo se è un integralista della siringa: se invece osa porsi delle domande, la risposta della “comunità scientifica” (o meglio dell’esercito di servi delle case farmaceutiche) è “taci, che non sei un immunologo“. Ed ecco la contraddizione: se non puoi parlarne male perché non hai il camice bianco (ma anche in quel caso poi ti radiano), non dovrebbe essere egualmente esecrabile, a parità di requisiti, parlarne bene? Se la logica è “taci che non è il tuo mestiere“, allora dovrebbe tacere anche Telese, nonostante ne parli bene. E perché, se uno non è un officiante del rito scientista, non può osare scrivere di vaccini sui social, ma può fare tranquillamente il Ministro della Salute e andare a pontificare in televisione come faceva Beatrice Lorenzin, che aveva solo la terza media? Un po’ come dire che, siccome non sei laureato in matematica, non ti puoi azzardare a parlare delle tabelline, ma puoi esprimerti con sicumera sulla teoria della relatività ristretta. Forse ha ragione Stefano Montanari, che durante il #NoCensuraDay andato in onda ieri e oggi su DavveroTv ha detto che la comunità scientifica è quella cosa che può essere evocata solo da chi non ne ha mai fatto parte, perché se fosse uno scienziato saprebbe che tale comunità, intesa come gruppo che si esprime con un unica voce, non esiste. Come gli unicorni magici.

Heather Parisi, comunque, non si fa mettere il sale sulla coda (come avrebbe detto mio nonno), e in un post del 31 dicembre sul suo blog, replica così a Luca Telese.

Ho inviato al giornalista Luca Telese di TPI.it (The Post Internazionale) la mia risposta all’articolo a sua firma del 26 dicembre e ve la riporto di seguito.

Gentilissimo Luca Telese,

ho letto con attenzione l’articolo che ha voluto dedicarmi e le chiedo la cortesia di concedermi qualche minuto del suo prezioso tempo per aggiungere qualcosa a vantaggio dei suoi numerosi lettori.

Anche se sono cresciuta a San Francisco, io sono la classica americana “booney town” di quegli americani che, per dirla in maniera diretta, parlano come mangiano. E spesso parlo senza immaginare le conseguenze, senza cercare le parole giuste, quelle che piacciono a tutti e che non scontentano nessuno.

Bastava che a chi mi chiedeva se mi vaccino, rispondessi: “Dopo un po’, sì.”, con l’espressione usata da una mia collega che lei ha in grande stima, e tutto sarebbe passato liscio. Nessun giornale si sarebbe chiesto “perché dopo un po’ e non adesso?”, oppure “quanto è un po’?” “Dopo” è rassicurante quel tanto che basta. Lo dicono sempre anche i miei gemelli quando chiedo loro di fare i compiti: “Li facciamo dopo un po’, mamma!” ed io torno a fare le mie cose, tranquilla.

Oppure avrei potuto fare come il grande Beppe e dire che mi sarei inoculata tutti i vaccini in un colpo solo. ‎Così non avrei scontentato nessuno. Il vaccino cinese in ossequio al paese in cui vivo, quello americano per orgoglio di patria e magari, perché no, anche quello Italiano. E i titoli sui giornali sarebbero stati come quelli per Beppe: “La Parisi come Grillo, ha detto che si vaccina”. Poco importa se tecnicamente non è possibile inocularsi tutti i vaccini e se l’affermazione di Beppe ha il tipico gusto della boutade. La faccia è salva per tutti.

Oppure avrei potuto dire come Paolo Mieli dalla Gruber: “Io subito sì, lo farei, ma se dovessi fare figli sarei più cauto”. E avendo avuto due figli a 50 anni, sono sicura che nessuno si sarebbe sognato di contestare la mia scelta di non farlo per mantenere la possibilità di averne anche a 60.

Vede, caro Telese, si possono dire cose anche senza dirle. In fondo la lingua italiana si presta così bene alle frasi ambigue. E invece io ho detto quello che penso e che pensano anche altri, senza tanti giri di parole e magari con qualche approssimazione.

Lei scrive “se la Parisi non vuole credere alle autorità sanitarie”. No, io voglio credere alle autorità sanitarie e per questa ragione, per capire, ho consultato, tra gli altri, il sito ufficiale dell’AIFA dove ho trovato un documento con il titolo: “Domande e risposte EMA su Comirnaty”. Sono domande e risposte destinate a spiegare e a dissipare i dubbi dei cittadini. Ma l’effetto, almeno per me, è stato esattamente il contrario.

Sono rimasta sorpresa e preoccupata dalla serie incredibile di risposte che ho rinvenuto nel documento e che contenevano le espressioni “non ha fornito dati sufficienti”, “non è ancora noto”, “non si conosce”, “i dati sono in numero limitato” (o addirittura) “molto limitato”, “non esistono studi”. Davvero tante per un vaccino che, occorre dirlo per non venire tacciati di incompetenza, NON è sperimentale.

Le porto alcuni esempi che sono sicuro lei conoscerà già.

Domanda: Le persone che hanno già avuto COVID-19 possono essere vaccinate con Comirnaty?

Risposta EMA: Non sono stati segnalati ulteriori effetti indesiderati nei 545 soggetti che hanno ricevuto Comirnaty nell’ambito dello studio e che erano stati precedentemente colpiti da COVID-19. Lo studio non ha fornito dati sufficienti per stabilire in che misura Comirnaty funzioni nei soggetti che hanno già avuto COVID-19.

Domanda: Può Comirnaty ridurre la trasmissione del virus da un soggetto a un altro?

Risposta EMA: L’impatto della vaccinazione con Comirnaty sulla diffusione del virus SARS-CoV-2 nella popolazione generale non è ancora noto. Non si conosce ancora fino a che punto le persone vaccinate possano ancora essere in grado di trasportare e diffondere il virus.

Domanda: Quanto dura la protezione di Comirnaty?

Risposta EMA: Al momento non si conosce la durata della protezione fornita da Comirnaty. Le persone vaccinate nell’ambito dello studio clinico continueranno a essere monitorate per due anni per raccogliere maggiori informazioni sulla durata della protezione.

Domanda: Le persone immunocompromesse possono essere vaccinate con Comirnaty?

Risposta EMA: I dati relativi all’uso nelle persone immunocompromesse (il cui sistema immunitario è indebolito) sono in numero limitato. Sebbene queste persone possano non rispondere altrettanto bene al vaccino, non vi sono particolari problemi di sicurezza. Le persone immunocompromesse possono essere vaccinate in quanto potrebbero essere ad alto rischio di COVID-19.

Domanda: Le donne in gravidanza o in allattamento possono essere vaccinate con Comirnaty?

Risposta EMA: Studi sugli animali non mostrano effetti dannosi durante la gravidanza; tuttavia, i dati relativi all’uso di Comirnaty in donne in gravidanza sono in numero molto limitato. Sebbene non esistano studi sull’allattamentonon si prevedono rischi per l’allattamento stesso. Deve essere presa la decisione se usare il vaccino in donne in gravidanza di concerto con il medico, dopo aver considerato i benefici e i rischi.

Tra le altre cose l’EMA dichiara che si tratta di “una autorizzazione subordinata a condizioni. Significa che dovranno essere forniti ulteriori dati sul vaccino per due anni”.

Di fronte a questo quadro di informazioni, è davvero così sbagliato porsi qualche domanda e avere qualche dubbio? Perché accanirsi con tanta violenza contro chi lo vuole fare e dichiara di non volersi vaccinare? Tanto più che esiste un diritto di scelta legalmente riconosciuto?

Criminalizzare e condannare alla gogna mediatica chi fa una scelta diversa da quella ufficiale equivale a negare ‎qualsiasi diritto di scelta. In fondo di fronte alle domande fondamentali come quella relativa al “Può Cominarty ridurre la trasmissione del virus da un soggetto all’altro” e a quella “Quanto dura la protezione di Comirnaty”, l’EMA risponde rispettivamente con “non è ancora noto” e “non si conosce”. Quindi la presunta superiorità morale di chi dice che si vaccina per rispetto degli altri, è basata su un dato che “non è ancora noto” e che “non si conosce”.

Non voglio rispondere alla sua provocazione sul fatto che non ho diritto a farmi curare dagli ospedali italiani. Sono cittadina di Hong Kong (mentre non sono cittadina italiana) dove vivo da dieci anni e le autorità di qui hanno sicuramente abdicato su molti diritti civili ultimamente, ma non hanno mai sollevato alcun dubbio o reticenza sulla volontà di assicurare trattamento sanitario a ogni cittadino, indipendentemente da come la pensa sui vaccini. Come vede, a volte, la difesa dei diritti inviolabili del cittadino la trovi dove meno te la aspetti.

Però credo che i ricatti morali e pratici uniti alla volontà di relegare chi non si vaccina tra i paria della società escludendolo da ogni servizio pubblico, dalla possibilità di lavorare e di muoversi e, secondo lei, anche dall’avere accesso alle cure mediche, non aiuti a convincere gli indecisi. Anzi. Appare l’atto di prevaricazione di chi, non avendo gli strumenti per convincere, fa valere la legge del più forte.  

È questo quello a cui è destinata la nostra società oggi? Il sopravvento di quella parte della società che, riconoscendosi superiore sul piano morale, si sente legittimata a decidere per tutti qual è il bene comune da conseguire con l’uso della forza?

Con stima,

Heather Elizabeth Parisi

La Parisi, una soubrette, si è dimostrata più giornalista di Luca Telese. Che, intendiamoci, non è certo il più rappresentativo della sua categoria in quanto a scientismo acritico e probabilmente anche di comodo (garantisce di non farsi cacciare a pedate dalla conduzione dei grandi studi televisivi).

Tanto che lui rispondeSiamo d’accordo, ovviamente, sul fatto che dilemmi così grandi non si risolvono a colpi di slogan“.

Ah! Siamo d’accordo? Sul serio? E allora perché liquidate a colpi di slogan tutti quelli che questi “dilemmi così grandi“, a differenza vostra, se li pongono sul serio e si prendono tutta la responsabilità di subire una costante macchina del fango, tutti i giorni, per il solo fatto di non essere politicamente allineati al corteo di topolini che seguono il pifferaio magico fino al mare?

Continua Telese: “E per questo, in linea con lo spirito di questa testata, approfondiremo nei prossimi giorni, sul nostro sito, con degli esperti, anche molti dei suoi dubbi (alcuni dei quali partono da interrogativi fondati che attraversano tutti noi)“. No, Telese. Non millantare uno “spirito” che non avete. State soltanto cercando di parare il colpo perché la verità è che Heather Parisi, elencando tutte le risposte date dall’Aifa e dall’Ema stesse, vi ha messi con le spalle al muro e state provando ad improvvisarvi liberali e aperti al dialogo solo per uscire dall’angolo.

Se davvero voi aveste fatto il vostro lavoro di giornalisti, e non quello poco nobile e molto più sicuro di mettervi in scia delle grandi navi da crociera, come gabbianelle affamate, a raccattare gli avanzi che il potere economico e finanziario gettava dai boccaporto, senza librarsi mai in cielo ad un’altezza sufficiente per guardare la rotta sulla quale quei giganti del mare stavano conducendo tutti i loro passeggeri, questi “approfondimenti” li avreste condotti già da tempo, sui vostri accreditatissimi siti web, sulle vostre ricchissime trasmissioni quotidiane – e non vi sono certamente mancati i mezzi. Avreste invitato i vari sacerdoti del potere scientista non per onorarli e celebrare sacri riti in loro onore, ma per metterli a confronto con questi dubbi e queste domande che, caro Telese, attraversano la società ormai da anni. Ma la tua categoria, in tutti questi anni, ha massacrato centinaia di migliaia, forse milioni di famiglie che chiedevano solo di capire, che osavano esercitare il loro spirito critico e non chiedevano altro che ascoltare dibattiti, confronti seri. Quei dibattiti che qui in rete a noi sono stati negati, perché gli dei dell’Olimpo scientista si sono sempre rifiutati di partecipare, convinti come sono di appartenere ad una razza aliena di rango superiore a quella di una madre che doveva scegliere se vaccinare o no i suoi tre figli, che per lei erano tutto, erano la sua vita, mentre per costoro erano solo numeri da snocciolare con sprezzante sicumera, certi come sono di avere ricevuto direttamente dal creatore il diritto divino di disporre delle nostre vite senza che noi si possa obiettare o anche solo esitare. Avete chiamato quelle madri e quei padri “negazionisti”, “no vax”, “complottisti”, “contrari al progresso”. Avete detto e scritto che sono “untori”, che meritano di non essere curati, che dovrebbero essere violati nel loro corpo, presi con la forza, che devono perdere la patria potestà, proprio loro che quella responsabilità genitoriale l’hanno presa così seriamente da osare chiedere risposte certe prima di affidare i loro bambini agli sherpa inoculatori che lavorano in catena di montaggio, gli stessi per i quali “i danneggiati da vaccino non esistono”, sebbene esista addirittura una legge dello Stato per risarcirli.

Su una cosa Heather Parisi, tra le altre, ha certamente ragione, quando dice che “i ricatti morali e pratici uniti alla volontà di relegare chi non si vaccina tra i paria della società escludendolo da ogni servizio pubblico, dalla possibilità di lavorare e di muoversi e, secondo lei, anche dall’avere accesso alle cure mediche, non aiuti a convincere gli indecisi. Anzi. Appare l’atto di prevaricazione di chi, non avendo gli strumenti per convincere, fa valere la legge del più forte“.

In Piemonte il 40% dei cittadini sono scettici o contrari alla vaccinazione (fonte: il Corriere della Sera). Sono due milioni di “negazionisti”, “no vax”, “complottisti” o “webeti” (per usare un’espressione cara al tuo amico Mentana)? Quanti sono secondo te nelle altre regione? Vi siete chiesti davvero perché, o pensate che appartengano tutti ad una specie inferiore, incapace di comprendere i sacri testi degli scriba unti dal Signore? Perché Myrta Merlino si stupisce pubblicamente, dichiarandosi esterrefatta, che in Italia ci siano 20 o 30 milioni di persone che non vogliono vaccinarsi (a cominciare, ironia della sorte, proprio dal personale sanitario)? Dov’è stata in tutti questi anni? Non era meglio farlo, un salto fuori dagli studi televisivi, ogni tanto? Perché da giornalista quale è, invece di schiacciarsi sulle tesi dei detentori di brevetti, non realizza anche lei trasmissioni dove si va a fondo delle questioni, mettendo a confronto veri scienziati con gli scientisti di ogni risma, senza trappoloni, senza tesi precostituite o scalette compiacenti?

Te lo dico io perché, Telese, che un po’ di televisione per mia sfortuna l’ho conosciuta, prima di cominciare a rifiutare gli inviti: perché i vostri stipendi arrivano dagli sponsor pubblicitari, e le case farmaceutiche grazie alle loro politiche lobbiste da caimani hanno oggi budget superiori al PIL di molti stati, budget di cui nessuno dei vostri grandi editori può fare a meno. E poi perché se vi azzardate a realizzare una trasmissione seria di approfondimento, i grandi faraoni dell’esercito mediatico scientista iniziano a darvi buca e la prima cosa che vi succede è che non avete più ospiti in trasmissione (come accade a noi, che veniamo accusati di non fare i confronti, ma nessuno sa che sono gli stessi ospiti a rifiutarsi di farli). La seconda cosa che vi succede è probabilmente che vi chiudono il programma, come è successo a Paragone con La Gabbia, e non lavorate più da nessuna parte. Al massimo potrete scrivere sul giornalino di quartiere. Diciamola la verità sullo stato dell’informazione in questo Paese: i giornalisti non vogliono rischiare la carriera, perché i signori che hanno il portafoglio in mano, se sgarrano, gliela distruggono.

Non siete stati liberi fino ad oggi. Avete chiuso gli occhi e avete preferito non vedere. Vi capisco: è umano cercare di mantenersi in sella al cavallo che vi sta dando tante soddisfazioni. Gli eroi sono pochi e poi fanno tutti una brutta fine. Adesso però, almeno, abbiate la compiacenza di non rivendervi come quelli il cui “spirito della testata” è improntato al confronto. Quello che farete è fare il giro delle sette chiese per preparare un pezzo che possa rispondere alle domande di Heather Parisi e tranquillizzare non tanto lei, di cui nulla vi interessa, ma le tante persone che hanno letto, compreso e condiviso le sue parole. A lei avete risposto solo per cercare di tapparle la bocca, per chiudere la stalla prima che i buoi scappassero, su mandato di quella stessa élite scientista di cui adesso cercherete di sostenere le ragioni. E lo dimostra la prima, secca risposta che le hai dato.

Io invece, Luca, da anni faccio mio quel vecchio aforisma di Bertolt Brecht: “Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati”. È uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€87.753 of €100.000 raised

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

SP

Stefania Pratelli

€10,00 27 Gennaio 2021

Grazie per il vostro lavoro.

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 27 Gennaio 2021
A

Alberto

€10,00 27 Gennaio 2021

Per un paese migliore, per un'informazione libera, per una boccata d'ossigeno alle nostre piccole e medie imprese, fatte di tanti… Leggi tutto

Per un paese migliore, per un'informazione libera, per una boccata d'ossigeno alle nostre piccole e medie imprese, fatte di tanti imprenditori e lavoratori onesti che tengono al bene dell'Italia! Evviva ByoBlu, evviva il made in Italy, evviva l'Italia.

ByoBlu, il nostro punto di riferimento oggi, il nostro miracolo domani!

Utente anonimo

Anonimo

€20,00 27 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Gennaio 2021
GL

Gabriele Luchetti

€25,00 27 Gennaio 2021
GP

Giorgio Pesce

€30,00 27 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Gennaio 2021
GG

Giordano Giorgi

€10,00 27 Gennaio 2021

Grazie per la libera e VERA informazione. Spero presto nelle TV di tutte le Regioni.

Utente anonimo

Anonimo

€2,00 27 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 27 Gennaio 2021
RF

Renzo Fagherazzi

€25,00 27 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€100,00 27 Gennaio 2021
GG

Graziana Giogoli

€25,00 27 Gennaio 2021

Avanti con coraggio, vi sosterrò sempre

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 27 Gennaio 2021
GS

Giorgio Sessa

€10,00 27 Gennaio 2021

X una informazione Vera

BG

Bruno Giordano

€50,00 27 Gennaio 2021

Bravi proseguite con l'informazione indipendente e libera da pressioni e condizionamenti esterni.
Bisogna dare una svolta decisiva al… Leggi tutto

Bravi proseguite con l'informazione indipendente e libera da pressioni e condizionamenti esterni.
Bisogna dare una svolta decisiva al destino del bel paese il nostro paese!

MV

MAURO VICARI

€25,00 27 Gennaio 2021

Un grazie infinito per quanto riuscite a colmare la mia "ignoranza"
su quanto accade oggi. Diversamente sarei il solito zombie.
Saluti.

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 27 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 27 Gennaio 2021

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • I poveri burattinai, come il povero Telese, saranno i primi a venire stritolati dallo stesso infernale sistema che sostengono. No, non è minaccia, non è vendetta: è legge di Natura; quella natura che loro sprezzantemente e continuamente dilaniano, perché non vogliono RICONOSCERSI POVERI INFIMI PECCATORI, bisognosi dell’aiuto di Dio. Un Dio con cui prima o poi, ma presto, dovranno fare i conti………………

  • Telese ha perso l’occasione di avere il coraggio di essere libero, un po’come tutti i giornalisti italiani. Heather Parisi ha pagato già anni fa la sua estromissione dalla televisione italiana nonostante fosse la migliore ballerina dell’epoca. Ma questo è un altro discorso…

  • Heather Parisi, anche se da hong kong, coraggiosa che merita rispetto, voce dei poveri cristi. In Italia solo gente al seguito della propaganda per paura di essere fuori dai giochi. L’unico atto che emerge è il non esporsi. Narrazione a senso unico da quasi un anno e tu cantante, attore, sportivo stai zitto? Falso e Codardo! meglio lavorare 8 ore al giorno per 1500 euro ma guardarsi allo specchio ogni mattina senza vergogna e fiero della propria morale ed etica, che piuttosto essere meschini con se stessi e gli altri per mantenere il macchinone la villa e il conto in banca a 6 zeri…io mi farei schifo!

  • el próximo Sabado, 9 de Enero de 2021
    Horario: 7:00 h. EEUU California | 8:00 h. México, El Salvador, Costa Rica, Guatemala, Honduras, R.Dominicana 9:00h.Ecuador, Colombia, Perú, Panamá | 10:00 h. Bolivia, Rep. Dominicana, Venezuela, EEUU Florida, Paraguay | 11:00 h. Chile, Brasil, Argentina, Uruguay | 15:00 h. España habrá una conferencia de prensa internacional en donde _*miles de doctores en más de 20 países*_ darán a conocer al mundo las evidencias científicas de que el dióxido de cloro es muy efectivo y es la mejor opción para erradicar al virus (Este y cualquier virus) sin ningún efecto nocivo ni tóxico como se ha querido difamar a través de los medios de des-comunicación.
    Esta enfocado a doctores, pero es muy importante que todo el mundo lo vea y se forme su propia opinión. Si les interesa pueden ver todo en http://www.comusav.com o bien escucharlo en http://www.waoplanet.com/radio
    Si estás de acuerdo, _*Por favor compártelo*_

    Esto hay.

  • Claudio Messora articolo spettacolare. Heather dieci spanne sopra alle nostre misere soubrettes… Le tv sono piene di cialtroni, parecchi si nascondono dietro il mestiere del giornalista.

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via