ABBONATI SOSTIENI

La pazienza è finita: i lockdown coprono solo lo sfacelo del sistema sanitario – Armando Siri

Sessanta milioni di reclusi per il virus? No, non per il virus: perché abbiamo distrutto il nostro sistema sanitario, che adesso non riesce a curare poche migliaia di persone! Ma la disobbedienza civile è dietro l’angolo… A dirlo è Armando Siri, giornalista professionista e senatore, in una nota su Facebook.
Nel video qui sopra, Armando Siri in una recente intervista apparsa su Byoblu24.

Di Armando Siri, giornalista professionista, senatore della Repubblica

State chiusi in casa a Natale, a Capodanno, all’Epifania. Fate sacrifici oggi per essere liberi domani!

Quante volte l’abbiamo sentito? Il punto è che “domani” non arriva mai! E anche questa volta è arrivata puntuale la conferma. Ancora tutto chiuso, tutti chiusi, in casa.

Repubblica Weekend rossi per tutti

La verità è che nonostante i blocchi il virus ha continuato la sua naturale curva di contagi. Chiudere ristoranti, negozi, piscine, alberghi, impianti sportivi, e costringere in casa le persone non serve a salvare vite ma di sicuro contribuisce attivamente ad ammazzare la nostra economia e ad alienare il nostro stato d’animo.

Quello che non vi dicono è che non esiste una vera e propria “pandemia”, visto che siamo di fronte ad una mortalità pari allo 0,00000026% della popolazione mondiale, ma siamo di fronte allo sfacelo e all’inadeguatezza del sistema sanitario nazionale e in generale occidentale. Blocchiamo a casa 60 milioni di persone e chiudiamo un Paese perché non siamo in grado di prestare cure e assistenza adeguati a qualche migliaio di persone. Ma vi pare accettabile?

E per fortuna siamo di fronte ad un virus a bassa letalità, visto che anche la maggior parte dei malati anche con sintomi severi per fortuna guarisce. Senza considerare che l’80% degli individui hanno comunque una immunità innata e non si ammalano.

Eppure niente! Pur di non ammettere l’inadeguatezza di un sistema e correre concretamente ai ripari investendo in infrastrutture, tecnologia, capitale umano e riorganizzazione degli ospedali e della medicina territoriale, si fa pagare all’intera nazione un prezzo altissimo e per di più inutile, in termini economici e psicologici.

Così non si può andare avanti! Penso di interpretare il sentimento di tanti concittadini se dico che la pazienza è finita.  Adesso che si è capito che i sacrifici servono solo a coprire inettitudine e disorganizzazione e non certo per salvare vite o fermare il virus, non mi stupirei se molti italiani cominceranno a manifestare concretamente tutta la loro insofferenza con gesti di disobbedienza civile.

2021: AIUTACI A PORTARE BYOBLU SULLE TELEVISIONI DI TUTTA ITALIA

€69.742 of €100.000 raised

Hai guardato il video che racconta tutte le cose che abbiamo fatto, insieme, nel 2020? Bene: quest’anno dev’essere l’anno della svolta. Insieme, dobbiamo arrivare nelle case di tutti gli italiani.

Conosci il vecchio detto “l’unione fa la forza“? Oggi è più attuale che mai: è il solo modo che abbiamo di reagire a un mondo che sappiamo istintivamente essere sbagliato e che vogliamo cambiare, prima che lui cambi noi.

Spegniamo la televisione del dolore e della paura. Accendiamone una nuova, che smetta di trattarci come telespettatori o clienti di una televendita. Una televisione dei cittadini, per i cittadini. Nel 2020, con il vostro aiuto, l’abbiamo fatta nascere, e oggi ci sono App su tutti i dispositivi e ben tre regioni sul digitale terrestre, Lazio, Lombardia e Piemonte. Nel 2021 dobbiamo completare l’opera e coprire l’intero territorio nazionale. Dobbiamo! Non c’è alternativa, lo sai anche tu.

Non importa quanto sembri difficile: nessuno credeva che saremmo arrivati fin qui, senza i soldi delle multinazionali, delle banche, dei governi, dei grandi “filantropi”. E invece… Quindi, dimmi: adesso cosa ci impedisce di compiere anche il prossimo passo? L’unico limite è la nostra volontà. L’unico ostacolo è la nostra convinzione. Con li tuo aiuto possiamo farcela, possiamo arrivare ovunque. Perché tutti insieme siamo un’onda gigantesca. Un’onda che travolge tutto.

Coraggio: metti la tua goccia nel vaso, e facciamolo traboccare!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

MB

Mariastella Busetto

€25,00 19 Gennaio 2021

Abbiate fiducia

nv

noemi maria viano

€10,00 19 Gennaio 2021

Forza!!!! Avanti tuttaaaaaa!!!! Libertà!!!!

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 19 Gennaio 2021
VD

Vincenza De luca

€5,00 19 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 19 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€30,00 19 Gennaio 2021
lm

luciano murdaca

€50,00 19 Gennaio 2021

Credo fermamente nel vostro lavoro . Adesso è tempo che anche noi facciamo la nostra parte . Grazie Messora
grazie Byo Blu.

Utente anonimo

Anonimo

€50,00 19 Gennaio 2021
e

eugenia

€50,00 19 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 19 Gennaio 2021
ac

angelo crucitti

€5,00 19 Gennaio 2021

E' difficile andare controcorrente, quando racconto le cose da voi dette
non mi credono!!!Speriamo che riusciate ad andare avanti La cosa… Leggi tutto

E' difficile andare controcorrente, quando racconto le cose da voi dette
non mi credono!!!Speriamo che riusciate ad andare avanti La cosa più grave è che non vi contestano ad armi pari, ma vi bannano.
Ciao

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 19 Gennaio 2021
A

Alessandro

€25,00 19 Gennaio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 19 Gennaio 2021
AP

ANDREA PELLEGRINI

€25,00 19 Gennaio 2021

SIETE ESSENZIALI!! SOLO GRAZIE!!!!!

MM

Matteo Missiroli

€30,00 19 Gennaio 2021

Donazione come contributo annuale. HO condiviso la vostra mail, spero ne arrivino altre.
Grazie, Matteo Missiroli.

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 19 Gennaio 2021
mc

mauro cassano

€5,00 19 Gennaio 2021

Sostengo Byoblu non perché ne condivida totalmente i contenuti, ma perché la libertà di diffonderli è essenziale al dibattito… Leggi tutto

Sostengo Byoblu non perché ne condivida totalmente i contenuti, ma perché la libertà di diffonderli è essenziale al dibattito, presupposto minimo di una società democratica.

PB

Paolo Binda

€10,00 19 Gennaio 2021

Sono a casa senza lavoro da tempo,ma un contributo lo voglio fare anch'io,forza ragazzi

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 19 Gennaio 2021

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • La spiazzante eterogenesi dei fini
    Gennaio 3, 2021 / gpcentofanti
    È drammatico e interessante constatare le conseguenze del razionalismo. Ormai giunge a ciò che era stato ampiamente previsto. Un pensiero unico, tecnicista, omologante. La gente è spogliata di tutto. Ma è interessante anche rilevare gli stimoli che tale situazione può generare. Non restare chiusi nel proprio orticello ma aprirsi al libero sviluppo della propria identità e del solo allora autentico scambio con le altre. Aprirsi alla partecipazione pluralista. Si è quasi “costretti” all’autentica ricerca umana se non si vuole anche criticando il sistema finire per fare il suo gioco. Infatti come previsto da filosofi e scrittori vari il punto è che il vero dominatore oggi non sono i vertici dell’attuale establishment, la finanza e le big tech, ma il tecnicismo stesso. La vera, necessaria, rivoluzione è aprire davvero il cuore all’umano. I calcoli, le miopi difese, sono tecnicismi. Non animano la gente, restano discorsi tra quattro gatti. E ancora una volta potremmo dire che, in un modo o nell’altro, qui gatta ci covid.
    https://gpcentofanti.altervista.org/una-nuova-resistenza/

  • Salve Giampaolo, ho letto il suo commento e il contenuto del link che ha condiviso. Se da un lato è apprezzabile l’accento posto sulla centralità della riflessione filosofica, mi permetto di rilevare che a mio avviso il suo discorso contiene un equivoco di fondo: ciò che viene definito “tecnicismo” non ha a che fare col razionalismo bensì con l’economicismo, dove l’agire tecnico è trattenuto, limitato e asservito alla logica del capitalismo. E’ molto interessante il riferimento alla “eterogenesi dei fini” e a tal proposito è utile ascoltare la voce del Sommo Filosofo recentemente scomparso, Emanuele Severino, il quale coglie la natura del rapporto tra la Tecnica e le forze ideologiche (Capitalismo in testa) che intendono servirsene per realizzare i propri scopi escludenti rispetto agli antagonisti (Cristianesimo, Islam, Democrazia, ecc…). Capire la natura di tale rapporto è fondamentale per una lettura “autentica” della realtà nella quale siamo immersi.
    V. Link https://www.startmag.it/mondo/tutto-il-pensiero-di-emanuele-severino-su-tecnologia-etica-capitalismo-e-felicita/
    “Per il capitalismo l’uomo è un mezzo che serve per l’incremento indefinito del profitto. Ma la tecnica è destinata a portare al tramonto anche il capitalismo: lottando contro i propri nemici interni ed esterni esso è costretto a potenziare sempre di più lo strumento-tecnica di cui si serve, ed è inevitabile che giunga un tempo in cui lo scopo del capitalismo non sia più l’incremento del profitto, ma l’incremento della potenza della tecnica che dovrebbe produrre quel primo incremento. Abbandonando il proprio scopo il capitalismo cessa di esistere; può diventare un mezzo di cui la tecnica si serve. La quale ha la capacità di dare all’uomo – dopo e attraverso i tempi drammatici che stiamo vivendo – il maggior benessere di cui egli abbia mai goduto – e comunque di soddisfarne per lo meno i bisogni primari.”

  • Non sono d’accordo con il pensiero di Siri su Mattarella.
    Il presidente della repubblica è garante della Costituzione quindi non deve attendere di essere sollecitato dalle forze politiche che lanciano allarme di incostituzionalità. Il PdR può e deve entrare a gamba tesa. Ma scusate è logico. Mettiamo il caso che tutte le forze politiche perdano il lume della ragione, oppure per ragioni varie assumano un atteggiamento passivo non sollevando nessun problema di incostituzionalità. Secondo Siri il PdR dovrebbe attendere all’infinito un sollecito che non arriva guardando passivamente la Costituzione calpestata. Assurdo.


    Siri sta ammettendo la passività della Lega.

  • Ha detto tante cose giuste, però ha sorvolato su responsabilità del presidente della repubblica, ritenendo che senza richieste dei partiti lui non può muoversi, Ma Anche Il presidente ha occhi e oltre una certa misura è suo dovere richiamare all’ordine, altrimenti la sua figura è solo passiva! mentre prende uno stipendio, molto attivo!

  • Ha detto tante cose giuste, però ha sorvolato su responsabilità del presidente della repubblica, ritenendo che senza richieste dei partiti lui non può muoversi, Ma Anche Il presidente ha occhi e oltre una certa misura è suo dovere richiamare all’ordine, altrimenti la sua figura è solo passiva! mentre prende uno stipendio, molto attivo!

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 ABBONATI CHE GIA’ ACCEDONO AI CONTENUTI RISERVATI DI BYOBLU

Sostieni l’Informazione Libera

Share via