SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

RIDER FELICI? LE BUFALE DEL MAINSTREAM PER COSTRUIRE UN MONDO PIÙ INGIUSTO

“”Il cretino si riconosce dall’uso della parola “resiliente” o “resilienza””, una specie di covid della lingua, pericoloso virus”, con queste parole il critico d’arte Vittorio Sgarbi inquadra l’abuso del termine resilienza. Una parola divenuta vero e proprio veicolo per sponsorizzare il nuovo modello di società che si vuole creare post Covid.

La storia smentita del rider felice

Secondo i principali organi d’informazione i cittadini dovranno assumere questa capacità di resilienza e quindi assorbire l’urto e riadattarsi al nuovo mondo. Ma cosa vuol dire riadattarsi secondo i registi dell’informazione mainstream? “Da commercialista a rider felice”, con questo titolo il Messaggero dava spazio alla storia di un presunto commercialista di 37 anni che si è ritrovato costretto a chiudere la propria attività a causa delle misure restrittive imposte dal Governo.

Secondo il giornale romano però il ragazzo sarebbe poi diventato esempio di resilienza, adattandosi alla nuova realtà e trasformandosi in “rider felice” con buste paga che oscillano tra i 2000 e i 4000 euro netti mensili. L’articolo comparso solo nella versione cartacea del giornale è stato ripreso anche da La Stampa.

Quest’articolo si è poi rivelato essere una grande fake news. Il ragazzo non era commercialista, non ha mai chiuso un’attività e soprattutto come rider guadagna, se va bene, 1500 euro lordi.

Da gioielliere a rider notturno: il modello perfetto per il mainstream

Stessa storia, stesso posto, stesso rider. Sul Corriere della Sera è apparso un altro articolo che sembra essere la copia in carta carbone del precedente. Il protagonista è sempre un ragazzo di 37 anni, in questo caso però si tratta di un gioielliere che ha scelto di continuare la sua attività aggiungendone un’altra, quella di rider notturno.

Il giornale di via Solferino parla di questa storia con toni entusiastici, trasformando il racconto del ragazzo in una storia epica, quasi da supereroe. Non più però come Bruce Wayne che di notte si trasformava in Batman per combattere il crimine al servizio dei cittadini, ma come un cittadino resiliente che di notte si trasforma in rider per consegnare pizze, al servizio di qualche multinazionale di delivery.

Resilienza: la parola trappola per sfruttare le persone

In realtà il messaggio che si tenta di far passare con queste storie di dubbia veridicità è ben studiato e per questo molto pericoloso. Le chiusure imposte sono incostituzionali? L’emergenza virus è stata utilizzata politicamente per abbassare ulteriormente i diritti dei lavoratori? Tutto questo ai giornali mainstream non interessa e la narrazione deve essere una sola: se non ti riadatti è solo colpa tua. Perché il termine resilienza può essere declinato in tantissimi modi, ma porta con sé il concetto di assenza di resistenza.

Cittadini resilienti significa cittadini che si adattano placidamente ad un nuovo sistema e alle sue nuove ingiustizie, come quella di essere costretti a girare in bicicletta di notte per paghe misere e senza tutele sindacali. Invece che resilienti, è meglio che i cittadini siano ora resistenti di fronte ad un sistema che intende cambiare in peggio la loro vita.

AIUTACI A COMPENSARE GLI ABBONAMENTI RUBATI DA YOUTUBE

€15.335 of €100.000 raised

Youtube ha rubato alla TV dei cittadini migliaia di abbonamenti e ci ha tolto la possibilità di fare pubblicità. Vogliono soffocarci perché siamo “dannosi”. Omettono di dire che in realtà siamo “dannosi” solo per loro e per la loro brutale bramosia di controllo. Siamo invece aria fresca e pura per i cittadini.

Stiamo lavorando da mesi alla conversione delle entrate di Byoblu e di DavveroTV a formule che il potere non può controllare, ma abbiamo bisogno di comprare ancora un po’ di tempo. Siamo sul ring e non abbiamo finito di combattere.

Solo tu puoi suonare quel gong e permetterci di fare un altro round, perché il potere, che nulla ammette se non se stesso, non deve averla vinta: la tv dei cittadini deve continuare ad esistere. Devono capire che tutti i loro soldi non sono niente di fronte alla determinazione dei cittadini che si organizzano per fare da soli.

Siamo centinaia di migliaia. Forse milioni… Diamo una risposta secca. In cambio avrete qualcosa che neanche loro possono comprare: la libertà! Vi daremo programmi ancora migliori e ancora più coraggiosi. Noi non abbiamo paura di essere “controversi”.

Comprateci solo un altro po’ di tempo!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 26 Febbraio 2021
rc

riccardo cecchele

€50,00 26 Febbraio 2021

grazie per tutto quello che fate, avanti tutta!

GM

Giorgia Matteucci

€10,00 26 Febbraio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 26 Febbraio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 26 Febbraio 2021
SB

STEFANO BALLO

€25,00 26 Febbraio 2021

Pro democrazia.
Grazie

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 26 Febbraio 2021
PF

Paolo Ferrante

€25,00 26 Febbraio 2021

Tenete duro.

Utente anonimo

Anonimo

€100,00 26 Febbraio 2021
AT

Alessandro Talamonti

€35,00 26 Febbraio 2021
GP

Giuseppe Palomba

€10,00 26 Febbraio 2021
FF

Famiglia Franchini

€20,00 26 Febbraio 2021

Un piccolo dono in questo grande momento.
Grazie di cuore, uniti ce la faremo

RS

Raffaele Strazzera

€10,00 26 Febbraio 2021

Memento audere semper

L

Lucio

€5,00 26 Febbraio 2021

Condivido il pensiero....

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 26 Febbraio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 26 Febbraio 2021
MT

Mirco Tolentino

€25,00 26 Febbraio 2021

Continuate cosi! Bravi!

MG

Marco Gueli

€5,00 26 Febbraio 2021
Utente anonimo

Anonimo

€200,00 26 Febbraio 2021
CB

Carmelo Buono

€10,00 26 Febbraio 2021

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Marcia Della Liberazione

UNISCITI AI 10.600 SOSTENITORI

Sostieni l’Informazione Libera

Share via