SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

L’ARMATA BRANCALEONE DEI CENSORI DI FACEBOOK

Li chiamiamo per mera convenzione fact checkers, controllori di fatti, ma per molti di loro, soprattutto per quelli al servizio delle multinazionali della tecnologia, il giusto appellativo sarebbe quello di censori delle notizie scomode agli interessi dei loro padroni.

Quello che hanno fatto nei confronti del nostro tg del 22 gennaio può essere configurata a tutti gli effetti come una censura, costituente una violazione dell’articolo 21 della Costituzione e probabilmente anche il reato di diffamazione.

Utilizziamo l’avverbio “probabilmente” perché nel nostro ordinamento spetta solo alla magistratura stabilire se una condotta costituisca o meno reato.

Che cosa hanno fatto gli autonominati smascheratori di bufale?

Sono intervenuti bollando come falsa la nostra informazione, velando la copertina del nostro Tg pubblicato sul social network e allegando un articolo in lingua inglese tratto dal sito Lead stories. Il suo titolo, tradotto in italiano, è “Notizie false: Un esperimento di alto livello condotto 3 mesi fa non ha dimostrato che la pandemia da coronavirus potrebbe uccidere 65 milioni di persone“.

L’articolo sostiene che nell’evento 201, la nota simulazione di una pandemia da coronavirus condotta dalla John Hopkins University, con il World Economic Forum e la Bill and Melinda Gates Foundation, non si sarebbe predetto la morte di milioni di persone.

informazioni false

informazioni false 2

Lo sconclusionato intervento dei fact checkers

L’aspetto assurdo e paradossale è che noi, nel nostro tg del 22 gennaio, non abbiamo assolutamente parlato dell’evento 201. Ciò significa che i soi-disant controllori di fatti non solo non sono entrati nel merito di quello che dovrebbero controllare (i meri fatti), ma hanno censurato la nostra informazione con il primo articolo che avevano tra le mani, tra l’altro in lingua inglese per confonderne ancora di più le acque.

Il sospetto che viene è che ciò che conti per loro sia solo mettere il bollino di fake news ad alcune notizie, quelle scomode.

Di cosa parlavamo nell’edizione del 22 gennaio?

Il servizio di apertura riguardava la bozza del piano pandemico 2021-2023: il documento ufficiale redatto dal Ministero della Salute. Noi mettevamo in risalto l’assenza, nel principale documento ufficiale che dovrebbe servire per affrontare al meglio l’emergenza sanitaria, di ogni riferimento ai protocolli di cura sperimentati e redatti dai numerosi medici che hanno curato i malati di covid-19 utilizzando l’idrossiclorochina.

È lesa maestà parlarne? Il Consiglio di Stato ha sospeso la nota del 22 luglio 2020 dell’AIFA (l’Agenzia italiana del farmaco) che di fatto vietava la prescrizione off label (ossia per un uso non previsto dal bugiardino) dell’idrossiclorochina nella cura del Covid-19. Il massimo organo di giustizia amministrativa ha quindi scritto in una sua sentenza che i medici devono sentirsi liberi, in scienza e coscienza, di prescrivere il farmaco.

Il servizio proseguiva osservando come il piano pandemico menzioni la scarsità delle risorse sanitarie che potrebbero portare i medici e gli operatori sanitari a prendere “decisioni eticamente impegnative”. Noi abbiamo esercitato il nostro spirito critico e la nostra libertà di espressione tutelata dall’articolo 21 della Costituzione sottolineando come la scarsità delle risorse sanitarie e le carenze delle strutture ospedaliere sia il frutto di anni di tagli e di politiche di austerità.

Non ci siamo solo limitati alla critica, ma abbiamo fornito anche una soluzione (quella che noi riteniamo essere la migliore), ovvero l’emissione di BTP Italia, di cui c’è grande richiesta e che hanno un costo molto basso per lo Stato: uno strumento utile per aumentare i posti letti, le terapie intensive e il personale sanitario.

Il servizio, in chiusura, parlava dei vaccini anti covid. Il piano pandemico definisce i vaccini come lo strumento preventivo più efficace. Noi abbiamo semplicemente riportato una notizia: il professor Peter Doshi, editorialista di punta del British Medical Journal, ha scritto che l’efficacia dei vaccini Pfizer e Moderna si attesta tra il 19% e il 29%, quindi ben lungi dalle percentuali inizialmente sponsorizzate dalle case farmaceutiche.

È questa l’informazione che dà fastidio a Facebook al punto di censurarla e di bollare il nostro Tg come una fake news?

Il piano pandemico definisce come particolarmente positivo il rapporto tra rischi e benefici del vaccino. Noi ci siamo chiesti su quali basi concrete i relatori del piano abbiano affermato ciò, visto che gli scienziati stessi come Doshi hanno richiesto più dati grezzi per potersi pronunciare con certezza sulla sicurezza del vaccino e visto che le stesse aziende come Moderna hanno affermato che i dati definitivi saranno resi pubblici solo al termine della fase di controllo, vale a dire alla fine del 2022.

Il telegiornale proseguiva poi con un servizio su uno studio di Science, secondo il quale il SARS COV2 potrebbe regredire a “fastidiosa malattia della prima infanzia”. Si tratta di una previsione fatta sulla base dei dati epidemiologici e immunologici di altri virus e Coronavirus che ancora oggi stanno circolando, come ad esempio Sars e Mers.

Avevamo poi riportato le parole di Elon Musk, l’uomo più ricco al mondo ma anche un ingegnere, sull’RNA sintetico. Musk ha affermato che l’Rna ha un enorme potenziale, comportandosi come un “programma di un computer”.

Subito dopo proseguivamo con una notizia proveniente da Israele, secondo cui 12 mila persone sono risultate positive al virus Sars cov2, dopo aver assunto la prima dose di vaccino. La stessa notizia è stata riportata da diversi quotidiani italiani e confermata anche dalle autorità israeliane.

Ci spostavamo poi negli Stati Uniti d’America discutendo delle nomine del presidente Joe Biden e ponendo il dubbio che possa ripartire una politica estera interventista degli USA nel mondo. Sentivamo l’opinione del giornalista statunitense Chris Hedges, ex corrispondente di guerra e professore di giornalismo all’Università di Princeton, che denunciava nello spezzone la censura operata dai social network e manifestava il suo sdegno per l’approvazione di partiti di sinistra, come il partito democratico, a tali censure.

Leggendo un’agenzia di stampa, il conduttore del Tg Edoardo Gagliardi dava la notizia di un sondaggio dell’Università di Padova secondo cui sei italiani su dieci sono esitanti nel farsi somministrare il vaccino.
In chiusura davamo conto della singolare notizia di una rete di pallavolo anti covid brevettata in Trentino.

Conclusioni

Abbiamo ripercorso le notizie dell’edizione del 22 gennaio per mettere in luce come le grandi multinazionali del big tech non sopportino più i dubbi, le critiche e tutte le voci non allineate al loro pensiero e ai loro interessi economico finanziari. Sono disposte, in palese contrasto con la nostra Costituzione, a censurare la libera espressione.

Fanno tutto ciò senza che la politica prenda provvedimenti e le riporti nell’alveo del rispetto delle nostre leggi.

Le multinazionali e i censori sono destinati a perdere la loro battaglia perché è impossibile fermare il risveglio delle coscienze. ‘Non potete fermare il vento, gli avete solo fatto perdere tempo’ cantava Fabrizio De André nella versione, non a caso censurata, de La canzone del maggio. Continuerete allora a censurarci e forse ci rallenterete nel nostro lavoro, ma non ci fermerete mai, perché è impossibile fermare il vento della libera informazione.

UN CANALE TELEVISIVO UNICO NAZIONALE PER I CITTADINI. LA SFIDA, ENTRO IL 10 APRILE.

€301.356 of €150.000 raised

Youtube ha oscurato il canale di Byoblu. La giustificazione? Le riprese di una manifestazione di piazza di 7 mesi. Per i cittadini, niente diritto di cronaca! Oltre mezzo milione di iscritti costruiti in 14 anni di sacrifici andati in fumo. Duemila interviste a giudici della Corte Costituzionale, politici, economisti, magistrati, avvocati, giornalisti, intellettuali, duecento milioni di visualizzazioni video, tutti i vostri commenti, tutte le vostre condivisioni… tutto andato in fumo!
Abbiamo la possibilità di acquistare un canale nazionale sul digitale terrestre, in una buona numerazione, a un prezzo molto al di sotto del valore di mercato. Servono poco meno di 150 mila euro, e poi Byoblu e DavveroTV entreranno nelle case di tutti gli italiani, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta. Bisogna raggiungere questa cifra entro il 10 aprile. Se ci state, se accettate la sfida, fate la vostra donazione ed entriamo, tutti insieme, nella storia, dalla porta principale.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 11 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 11 Aprile 2021
LF

Laura Fortuna

€10,00 11 Aprile 2021

Bravi! Andate avanti così! Siete la nostra speranza!

AP

Antonella Petrelli

€10,00 11 Aprile 2021

Perché la libera informazione è un diritto di tutti.. grazie per il grande lavoro che fate per tutti noi...

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 11 Aprile 2021
GM

Gabriele Mazzi

€100,00 11 Aprile 2021

Così anche mio nonno potrà godere delle interviste di persone come Mauro Scardovelli, Massimo Citro ecc. ecc.

Utente anonimo

Anonimo

€20,00 11 Aprile 2021
PP

Patrizia Pisu

€10,00 11 Aprile 2021

Resistiamo! 💪🏼

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 11 Aprile 2021
EG

Enrico Galiazzo

€5,00 11 Aprile 2021
RD

Rinaldo Destro

€25,00 11 Aprile 2021

Dal momento che avete fatto in ottimo lavoro non vedo perché non si tenti di continuare.
Spero risolviate in fretta il vostro problema.

GF

Giancarlo Frigeni

€50,00 11 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 11 Aprile 2021
RL

Rito Luzi

€10,00 11 Aprile 2021

Speriamo di rivedervi presto online
L’informazione deve essere libera e voi contribuite a questo,grazie di esistere e di resistere

GD

Giovanni Di Ruggieri

€10,00 11 Aprile 2021

Bravi, continuate cosi

Utente anonimo

Anonimo

€100,00 11 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 11 Aprile 2021
EM

Elisabetta Marrani

€10,00 11 Aprile 2021

Grazie per tutto.
Anche io con la mia famiglia, nel nostro piccolo, facciamo da cassa di risonanza alle Vostre notizie e le usiamo per una… Leggi tutto

Grazie per tutto.
Anche io con la mia famiglia, nel nostro piccolo, facciamo da cassa di risonanza alle Vostre notizie e le usiamo per una vita più consapevole.
Avanti, uniti, per la crescita spirituale e umana.
Come Dante fece dire a Ulisse nell'"Inferno":
"Fatti non foste a viver come bruti ma per servir virtude e canoscenza"

BI

Barbara Indino

€10,00 11 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 11 Aprile 2021

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via