SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

L’UE A GAMBA TESA SULLA VICENDA AUTOSTRADE: BRUXELLES STA CON I BENETTON?

2/2/2021

Quando arriva una lettera dall’Unione europea indirizzata all’Italia non è mai un buon segno. Inviti a introdurre misure lacrime e sangue, minacce di sanzioni e pesanti vincoli. Di solito il tenore dei messaggi è sempre questo.

La minacciosa lettera dell’UE

E l’ultima lettera arrivata in ordine di tempo segue ancora questa logica e riguarda l’annosa vicenda legata ad Autostrade. La Direzione Generale della stabilità finanziaria, dei servizi finanziari e dell’Unione dei mercati dei capitali, che fa capo alla Commissione europea, ha infatti recapitato a Palazzo Chigi un testo che riguarda le nuove misure legislative applicabili ai contratti di concessione autostradale.

In particolare Bruxelles lamenta la gestione del Governo in merito alla trattativa che dovrebbe nel tempo portare alla revoca della concessione autostradale al gruppo facente capo alla famiglia Benetton. La Commissione europea contesta la previsione di assegnazione temporanea all’ente pubblico Anas perché equivarrebbe ad un’assegnazione diretta e quindi contraria, secondo Bruxelles, ai principi di libera concorrenza.

La Commissione chiede anche chiarimenti su una presunta violazione unilaterale delle clausole contrattuali che prevedrebbe tra le altre cose, la riduzione dell’indennizzo dovuto dal Governo ad Autostrade dai 23 miliardi previsti dal contratto ad una cifra compresa tra i 6 e gli 8 miliardi di euro. E questa missiva europea si conclude con la consueta minaccia di sanzioni nel caso in cui questi punti non venissero chiariti.

Un’intromissione durante una vicenda giudiziaria irrisolta

Lascia davvero stupefatti la supponenza che l’Unione europea adotta per entrare a gamba tesa nell’affare Autostrade, mentre si sta svolgendo da oltre due anni un’indagine giudiziaria che coinvolge proprio questo gruppo.

La scelta di revocare la concessione autostradale è infatti diretta conseguenza del crollo del Ponte Morandi e soprattutto di quello che sta emergendo a seguito delle indagini svolte dalla Procura di Genova. Secondo le ultime rivelazioni, il Ponte Morandi sarebbe crollato a causa degli insufficienti interventi di manutenzione a fronte di un incremento sostanziale dei profitti. Una tendenza registrata proprio dopo la privatizzazione dell’infrastruttura avvenuta nel 1999.

Nel caso i sospetti venissero confermati, la revoca non sarebbe solo legittima, ma necessaria e il gruppo dovrebbe anche incorrere nel pagamento di un cospicuo risarcimento, oltre a rispondere di eventuali condanne penali.

L’UE è sensibile agli interessi lobbistici

Perché quindi l’Unione europea decide di intromettersi in una vicenda così delicata, nel pieno di un’inchiesta giudiziaria, prendendo le parti di Autostrade? Nella lettera dell’UE si parla vagamente di un numero considerevole di reclami pervenuti a Bruxelles da parte di soggetti coinvolti nella vicenda. Ed è facile scoprire chi possa essere andato a piagnucolare alla Commissione europea.

Sul Registro per la trasparenza, l’elenco che comprende tutti i soggetti privati che fanno attività di lobbying alla Commissione europea, è compreso proprio il gruppo ASPI, Autostrade per l’Italia. Il caso vuole che il gruppo abbia deciso di iscriversi a questo registro nel febbraio 2019, pochi mesi dopo il crollo del Ponte Morandi.

Una coincidenza temporale decisamente strana, ma che potrebbe aver permesso ad ASPI di accedere nelle giuste stanze per esercitare la proprio influenza. Se quindi davvero l’Unione europea sta rispondendo alle pressioni lobbistiche di un gruppo privato minacciando di sanzioni lo Stato italiano, allora dobbiamo davvero interrogarci sull’utilità di continuare a far parte di un’istituzione decisamente contraria ai nostri interessi.

UN CANALE TELEVISIVO UNICO NAZIONALE PER I CITTADINI. LA SFIDA, ENTRO IL 10 APRILE.

€306.724 of €150.000 raised

Youtube ha oscurato il canale di Byoblu. La giustificazione? Le riprese di una manifestazione di piazza di 7 mesi. Per i cittadini, niente diritto di cronaca! Oltre mezzo milione di iscritti costruiti in 14 anni di sacrifici andati in fumo. Duemila interviste a giudici della Corte Costituzionale, politici, economisti, magistrati, avvocati, giornalisti, intellettuali, duecento milioni di visualizzazioni video, tutti i vostri commenti, tutte le vostre condivisioni… tutto andato in fumo!
Abbiamo la possibilità di acquistare un canale nazionale sul digitale terrestre, in una buona numerazione, a un prezzo molto al di sotto del valore di mercato. Servono poco meno di 150 mila euro, e poi Byoblu e DavveroTV entreranno nelle case di tutti gli italiani, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta. Bisogna raggiungere questa cifra entro il 10 aprile. Se ci state, se accettate la sfida, fate la vostra donazione ed entriamo, tutti insieme, nella storia, dalla porta principale.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

GC

Giorgiana Costantini

€5,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
FM

Fabrizio Muccio

€5,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 14 Aprile 2021
AD

Antonio Doretto

€10,00 14 Aprile 2021

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 14 Aprile 2021
FI

Felice Isoldi

€25,00 14 Aprile 2021

Complimenti per quello che fate, é fondamentale. Sono con voi.

MG

Maurizio Girardi

€10,00 14 Aprile 2021

Sostengo Byoblu perché credo in una comunità informata, consapevole e liberale.

mm

massimiliano moretti

€5,00 14 Aprile 2021

Avanti cosi!

gg

giulia gualandri

€11,11 14 Aprile 2021

nonostante non abbia la tv voglio sostenere questa iniziativa ammirevole e coraggiosa

SB

Simone Bacciocchi

€25,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 14 Aprile 2021
G

Giovanni

€5,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 13 Aprile 2021
FL

Fausto Lazzari

€15,00 13 Aprile 2021

Grazie per il vostro lavoro, dedizione ed obbiettivi.
Bravi. Continuate così!
Con stima,
Fausto Lazzari

BN

Bruno Negra

€50,00 13 Aprile 2021

Sostengo Byoblu e auguro al lavoro di tutti lunga vita, affinché si possa continuare ad alimentare una comunità informata liberamente. Usiamo il nostro cervello!

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 13 Aprile 2021
AP

Alessandro Paglia

€5,00 13 Aprile 2021

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via