SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

IL PUB HALLOWEEN VINCE UN PRIMO ROUND NELLA BATTAGLIA LEGALE CONTRO I DPCM

Cade l’accusa di epidemia colposa nei confronti di Mattia Florulli, il titolare del pub Halloween di Bologna che ha sfidato i dpcm, mantenendo aperta la propria attività anche oltre gli orari consentiti con un atto di disobbedienza civile o di obbedienza costituzionale, visto che l’articolo 1 della Costituzione stabilisce che: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”.

Cosa era successo al pub Halloween?

Il locale era stato sottoposto a sequestro preventivo effettuato dalla polizia, che aveva accertato violazioni della normativa anti covid. Il provvedimento di sequestro era stato convalidato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bologna.
Il pub ribelle o “negazionista”, com’era stato definito in senso dispregiativo dalla maggior parte della stampa, era stato raggiunto da provvedimenti di chiusura emessi dal sindaco e dal Questore di Bologna.
In una delle serate di apertura, in seguito all’adesione alla protesta di #IoApro, il titolare aveva avuto uno screzio con un cronista de La Repubblica, che era entrato nel locale per filmare il rispetto o meno delle regole da parte dei clienti e dei gestori.

Cosa ha detto il Tribunale del Riesame?

Il Tribunale del Riesame, adesso, ha annullato l’imputazione più grave, cioè quella di epidemia colposa. Il titolare del pub era stato infatti accusato di aver creato le condizioni per favorire e determinare la diffusione del contagio da Covid19 con la sua decisione di restare aperto. Per questo motivo i giudici del Tribunale del Riesame hanno disposto il dissequestro del locale e la sua restituzione al titolare.
I giudici hanno però confermato l’imputazione dell’articolo 650 c.p., cioè quella relativa al mancato rispetto degli ordini emessi dal Sindaco e dal Questore. Per questo motivo rimane ancora il sequestro preventivo della società e l’impossibilità effettiva per il Florulli di riaprire l’attività.
Il Tribunale del Riesame non ha seguito l’orientamento inaugurato da un pubblico ministero della Procura della Repubblica di Modena che, in precedenza, non aveva convalidato il sequestro preventivo della palestra GimFive di Vignola, in provincia di Modena, chiarendo che non possono applicarsi sanzioni di tipo penale in caso di violazione dei dpcm.
L’avvocato Mauro Sandri, legale della società che gestisce il pub, ha espresso soddisfazione per l’annullamento dell’accusa di epidemia colposa e ha detto che procederà a richiedere il risarcimento di danni. “Se il sequestro rimane per il mancato rispetto delle ordinanze, è legittimo pensare che il pub possa riaprire allo scadere del periodo di validità di questi provvedimenti”, ha commentato l’avvocato che ha annunciato che farà ricorso in Cassazione contro la pronuncia.

I ricorsi al TAR del Lazio contro i dpcm

Intanto il contrasto legale ai dpcm continua anche dinanzi ad altri organi giudiziari. Oggi si è tenuta un’udienza al TAR Lazio che è competente a pronunciarsi sulla richiesta di annullamento dei dpcm. I giudici hanno iniziato a discutere sui dpcm di dicembre e gennaio e sui provvedimenti relativi all’obbligo di indossare le mascherine a scuola per i minori. È attesa a breve una pronuncia del Tribunale amministrativo del Lazio.

La necessità di un giusto bilanciamento tra salute e diritti fondamentali

Il tema di un giusto contemperamento tra la salute e la libertà dovrebbe essere al centro delle decisioni del prossimo governo, visto che la protezione dell’interesse collettivo della salute non deve portare a illegittime repressioni di diritti fondamentali e a misure distruttive per l’economia dei commercianti, dei ristoratori e delle piccole e medie imprese, vero e proprio tessuto produttivo del nostro Paese.

UN CANALE TELEVISIVO UNICO NAZIONALE PER I CITTADINI. LA SFIDA, ENTRO IL 10 APRILE.

€306.794 of €150.000 raised

Youtube ha oscurato il canale di Byoblu. La giustificazione? Le riprese di una manifestazione di piazza di 7 mesi. Per i cittadini, niente diritto di cronaca! Oltre mezzo milione di iscritti costruiti in 14 anni di sacrifici andati in fumo. Duemila interviste a giudici della Corte Costituzionale, politici, economisti, magistrati, avvocati, giornalisti, intellettuali, duecento milioni di visualizzazioni video, tutti i vostri commenti, tutte le vostre condivisioni… tutto andato in fumo!
Abbiamo la possibilità di acquistare un canale nazionale sul digitale terrestre, in una buona numerazione, a un prezzo molto al di sotto del valore di mercato. Servono poco meno di 150 mila euro, e poi Byoblu e DavveroTV entreranno nelle case di tutti gli italiani, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta. Bisogna raggiungere questa cifra entro il 10 aprile. Se ci state, se accettate la sfida, fate la vostra donazione ed entriamo, tutti insieme, nella storia, dalla porta principale.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 14 Aprile 2021
GC

Giuseppe Calabria

€25,00 14 Aprile 2021

No alla censura. Viva la LIBERTÀ

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
GC

Giorgiana Costantini

€5,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
FM

Fabrizio Muccio

€5,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 14 Aprile 2021
AD

Antonio Doretto

€10,00 14 Aprile 2021

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Utente anonimo

Anonimo

€5,00 14 Aprile 2021
FI

Felice Isoldi

€25,00 14 Aprile 2021

Complimenti per quello che fate, é fondamentale. Sono con voi.

MG

Maurizio Girardi

€10,00 14 Aprile 2021

Sostengo Byoblu perché credo in una comunità informata, consapevole e liberale.

mm

massimiliano moretti

€5,00 14 Aprile 2021

Avanti cosi!

gg

giulia gualandri

€11,11 14 Aprile 2021

nonostante non abbia la tv voglio sostenere questa iniziativa ammirevole e coraggiosa

SB

Simone Bacciocchi

€25,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 14 Aprile 2021
G

Giovanni

€5,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 14 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 13 Aprile 2021

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via