SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

UN “ATTO DI BULLISMO ISTITUZIONALE”. LE LINEE GUIDA DEL VENETO PER LA GESTIONE DEL COVID A SCUOLA

16-02-2021 La Regione Veneto ha pubblicato le nuove linee di indirizzo per la gestione di casi di Covid-19 all’interno delle scuole e dei servizi per l’infanzia.
Il punto 3.5 di questo protocollo desta preoccupazione per la violazione di diritti costituzionalmente sanciti.
In caso di rifiuto da parte di un alunno o di un operatore scolastico a sottoporsi al tampone nasofaringeo, il SISP (il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Regione Veneto) può disporre la quarantena per tutti i contatti scolastici, cioè per tutti i soggetti con cui la persona che si è rifiutata di fare il test è entrata in contatto e a prescindere dal test.

Gli avvocati Elisabetta Frezza e Alessandra Barana, insieme ad altri colleghi, hanno redatto, per conto del CIATDM (il Coordinamento Internazionale Associazioni per la Tutela dei Diritti dei Minori), una nota di risposta indirizzata in primis al presidente della Regione Veneto, Luca Zaia.

Intervenuta su #Byoblu24 l’avvocato Frezza ha sottolineato le principali criticità del protocollo.
Dal punto di vista del merito, “si basa sui test PCR, che, come ha detto il professor Giorgio Palù, proprio durante una conferenza stampa della Regione Veneto, sono dei test mai validati che possono generare risultati inattendibili”. Inoltre le linee guida si applicano anche ai bambini dell’età dell’infanzia, che tendono a infettarsi di meno rispetto agli adulti e, al contempo, ad essere meno contagiosi.

Dal punto di vista giuridico, il protocollo vìola poi l’articolo 32 della Costituzione che stabilisce che “nessuno può essere sottoposto a un trattamento sanitario se non per disposizione di legge”. Il tampone è infatti, a tutti gli effetti, un trattamento sanitario, quindi rifiutarlo è un diritto del cittadino costituzionalmente protetto.
“È inoltre illegittima e arbitraria l’opzione della quarantena senza tampone, come riconosciuto dal Ministero della Salute con circolare del 12 ottobre del 2020”, ha sottolineato l’avvocato Frezza.
“Nessuna quarantena può essere ipotizzata per coloro i quali risultino negativi, anche se inseriti in classi in cui sia emerso un positivo”.
Fa discutere poi l’utilizzo nelle linee guida del termine “contatto scolastico”, anziché di “contatto stretto” come invece previsto dalle linee guida del Ministero della Salute.
“Contatto scolastico” è infatti una nozione molto più ampia che potrebbe, ad esempio, costringere alla quarantena non solo i compagni di classe o il compagno di banco del soggetto positivo, ma potenzialmente tutti i soggetti presenti a scuola.

La richiesta dell’avvocato Frezza e del CIATDM è che tali linee guida siano presto corrette e modificate in maniera che siano compatibili con gli indirizzi ministeriali e, soprattutto, con la nostra Carta Costituzionale.

CLICCA IN BASSO PER LEGGERE LA NOTA DI RISPOSTA DEL CIATDM AL PROTOCOLLO DELLA REGIONE VENETO

Nota di risposta al protocollo della Regione Veneto

AIUTACI A COMPENSARE GLI ABBONAMENTI RUBATI DA YOUTUBE

€41.818 of €100.000 raised

Youtube ha rubato alla TV dei cittadini migliaia di abbonamenti e ci ha tolto la possibilità di fare pubblicità. Vogliono soffocarci perché siamo “dannosi”. Omettono di dire che in realtà siamo “dannosi” solo per loro e per la loro brutale bramosia di controllo. Siamo invece aria fresca e pura per i cittadini.

Stiamo lavorando da mesi alla conversione delle entrate di Byoblu e di DavveroTV a formule che il potere non può controllare, ma abbiamo bisogno di comprare ancora un po’ di tempo. Siamo sul ring e non abbiamo finito di combattere.

Solo tu puoi suonare quel gong e permetterci di fare un altro round, perché il potere, che nulla ammette se non se stesso, non deve averla vinta: la tv dei cittadini deve continuare ad esistere. Devono capire che tutti i loro soldi non sono niente di fronte alla determinazione dei cittadini che si organizzano per fare da soli.

Siamo centinaia di migliaia. Forse milioni… Diamo una risposta secca. In cambio avrete qualcosa che neanche loro possono comprare: la libertà! Vi daremo programmi ancora migliori e ancora più coraggiosi. Noi non abbiamo paura di essere “controversi”.

Comprateci solo un altro po’ di tempo!
Claudio Messora

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

Utente anonimo

Anonimo

€25,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 6 Marzo 2021
jc

jenny crociani

€50,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 6 Marzo 2021
MB

Maria Cristina Bassi

€10,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€5,00 6 Marzo 2021
MS

Maria Luisa Scarpa

€10,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 6 Marzo 2021
AL

Andrea Lanconelli

€25,00 6 Marzo 2021

Grazie a chi lotta per la libertà di informazione

MR

Marta Rossini

€5,00 6 Marzo 2021

Grazie del vostro lavoro!!

L

Lorella

€10,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€60,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 6 Marzo 2021
GL

Giuseppe Laboccetta

€100,00 6 Marzo 2021

Non mollate , non vogliamo avere informazioni solo dal potere senza ascoltare posizioni alternative.

EP

Enrico Pace

€36,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€100,00 6 Marzo 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 6 Marzo 2021
SG

Simona Giovale

€10,00 6 Marzo 2021

Non smettete di lottare, siete l'unica speranza di chi ancora sa pensare

SM

Stefania Meloni

€50,00 6 Marzo 2021

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via