SOSTIENI DONA SOTTOSCRIVI UN PIANO

Lo strano caso del Cile: con vaccinazioni di massa il Paese torna in lockdown

Il Cile è una delle nazioni dell’America del Sud più avanti nella somministrazione dei vaccini Covid. Nonostante questo dal 27 marzo è tornato in lockdown a causa di un aumento delle infezioni. 

Su circa 19 milioni di abitanti, sei milioni hanno già ricevuto almeno una dose del vaccino Pfizer o del cinese Sinovac e più di quattro milioni hanno fatto anche la seconda dose.

Il presidente Sebastian Piñera ha disposto per più dell’80% della popolazione un nuovo confinamento totale, ancora più duro rispetto ai precedenti: i negozi che vendono beni di prima necessità sono chiusi nel fine settimana. Piñera ha chiesto al popolo un ultimo sforzo per sconfiggere il virus e ha proposto di rinviare di un mese le elezioni nazionali e amministrative fissate per il 10 e 11 aprile.

In Cile la campagna di vaccinazione era iniziata il 24 dicembre scorso per il personale medico e il 3 febbraio per la popolazione, iniziando dalle persone più anziane o più fragili.  

Ad inizio marzo si è registrato un aumento delle infezioni, il giorno 11 è stato superato anche il picco di contagi registrato nel mese di giugno 2020. Secondo i dati ufficiali le unità di terapia intensiva sono occupate al 95%.

Quali sono i motivi di questa situazione? 

Le autorità attribuiscono tale aumento dei contagi al senso di rilassamento nella popolazione dopo l’inizio della campagna vaccinale.Come sappiamo, il vaccino non significherà un via libera tutti. Chi si vaccina dovrà continuare, come tutti, a seguire le misure prudenziali. 

Infatti, come ha informato Aifa, i vaccini non costituiscono un certificato di libertà. A questo punto a che cosa serve, come vuole l’Europa, introdurre un certificato digitale per i vaccinati?

Da un punto di vista scientifico, poi, il Sars Cov-2 appartiene alla famiglia dei Coronavirus che hanno la caratteristica di mutare nel tempo. Le vaccinazioni stesse potrebbero favorire tali mutazioni.

Il professore Pietro Luigi Garavelli, primario di malattie infettive dell’ospedale Maggiore della Carità di Novara, non certo contrario alle vaccinazioni, ha dichiarato che il Sars Cov 2 “è un virus RNA, simile all’HIV, quindi, sotto pressione della nostra risposta immunitaria e dei vaccini, scappa e muta per sopravvivere”.

Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia dell’Azienda ospedaliera di Padova, ha sottolineato come anche nel caso di un’ampia vaccinazione, pensare di eliminare il covid sia al momento irrealistico in quanto il virus si è ormai radicato.

C’è poi il curioso caso dell‘India. Senza vaccinazione di massa, il numero dei contagi e quello dei morti è crollato. 

Secondo molti esperti la spiegazione più probabile risiederebbe nel fatto che il numero complessivo delle persone infettate dall’inizio della pandemia è molto superiore agli 11 milioni di casi ufficiali, probabilmente tra i 300 e i 400 milioni.

Ciò può voler dire che si sarebbe raggiunta una certa immunità di massa o di gregge. Viene anche il dubbio che l’India, come la Cina, dove l’epidemia sembra scomparsa, abbia adottato protocolli di cura a base di idrossiclorochina.. 

Alla luce di queste considerazioni, il vaccino non dovrebbe essere l’unico strumento di contrasto al virus. Occorrono anche protocolli di cure tempestive ed efficaci.

UN CANALE TELEVISIVO UNICO NAZIONALE PER I CITTADINI. LA SFIDA, ENTRO IL 10 APRILE.

€308.262 of €150.000 raised

Youtube ha oscurato il canale di Byoblu. La giustificazione? Le riprese di una manifestazione di piazza di 7 mesi. Per i cittadini, niente diritto di cronaca! Oltre mezzo milione di iscritti costruiti in 14 anni di sacrifici andati in fumo. Duemila interviste a giudici della Corte Costituzionale, politici, economisti, magistrati, avvocati, giornalisti, intellettuali, duecento milioni di visualizzazioni video, tutti i vostri commenti, tutte le vostre condivisioni… tutto andato in fumo!
Abbiamo la possibilità di acquistare un canale nazionale sul digitale terrestre, in una buona numerazione, a un prezzo molto al di sotto del valore di mercato. Servono poco meno di 150 mila euro, e poi Byoblu e DavveroTV entreranno nelle case di tutti gli italiani, dalla Sicilia alla Valle d’Aosta. Bisogna raggiungere questa cifra entro il 10 aprile. Se ci state, se accettate la sfida, fate la vostra donazione ed entriamo, tutti insieme, nella storia, dalla porta principale.

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Termini

Totale Donazione: €10,00 One Time

GO

Gianni Orlandini

€25,00 16 Aprile 2021

La mia piccola donazione spero sia di aiuto per portare avanti il vostro onesto progettto di libera informazione

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 16 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 16 Aprile 2021
mb

martino bruni

€10,00 16 Aprile 2021

Forza

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 16 Aprile 2021
RC

Rossano Cavallari

€10,00 16 Aprile 2021

Scusate il ritardo

ss

stefano sala

€100,00 16 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€25,00 16 Aprile 2021
Fb

Fabio beinat

€50,00 16 Aprile 2021
MB

Maurizio Bozzo

€50,00 16 Aprile 2021

Orgoglioso di contribuire, anche se in piccola misura, alla vostra anzi, alla nostra battaglia di libertà .Sono un medico, e tutti i bambini autistici che assisto, lo sono diventati tutti o quasi dopo la somministrazione del richiamo… Leggi tutto

Orgoglioso di contribuire, anche se in piccola misura, alla vostra anzi, alla nostra battaglia di libertà .Sono un medico, e tutti i bambini autistici che assisto, lo sono diventati tutti o quasi dopo la somministrazione del richiamo dell’esavalente tra i 15 e i 18 mesi. Grazie di esistere

Utente anonimo

Anonimo

€10,00 16 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 16 Aprile 2021
CP

Cristina Panero

€10,00 16 Aprile 2021

Grazie

Utente anonimo

Anonimo

€3,00 16 Aprile 2021
NM

Nello Mantello

€10,00 15 Aprile 2021
DD

Diego DP

€25,00 15 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€10,00 15 Aprile 2021
AF

Alessandro Figaro

€10,00 15 Aprile 2021
DB

Daniela Bosco

€10,00 15 Aprile 2021
Utente anonimo

Anonimo

€50,00 15 Aprile 2021

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Tra le spiegazioni del fenomeno Cile, ovvero un terzo della popolazione vaccinata e una concomitante recrudescenza della malattia, manca la più calzante, la spiegazione Vanden Bossche. E non è solo il Cile l’esempio da monitorare, basta anche guardare in casa nostra.
    I numeri ci dicono chiaramente non che la campagna vaccinale è insufficiente a contrastare il virus, ma che è fortemente nociva. Questa affermazione è talmente tabù che non si osa neppure considerarla in via ipotetica, pur dimostrandosi nei fatti di gran lunga la più probabile.

    La catastrofe annunciata dal suddetto addetto ai lavori di Bigpharma si sta compiendo sotto i nostri occhi, e ancora si ignora il suo messaggio profetico.
    Ci vuole più coraggio intellettuale se si vuole capire veramente una questione controversa come questa. Capire il prima possibile per avere una qualche speranza di uscire dalla trappola della quale siamo vittime. Vittime stupide quanto arroganti, che danno più ascolto agli apprendisti stregoni che a Madre Natura, che pure ci ha accompagnato nei millenni consentendoci di arrivare fin qui, attraverso una lunga storia che ha già visto sbugiardare gli “autorevoli” apprendisti stregoni ad ogni progresso nella conoscenza.

Share via